lunedì 10 marzo 2008

Radio Padania: “Nebbia sparita grazie alla Lega Nord”

Al grido di "Venezia risorga, risorga Venezia!", Radio Padania decide di dire la sua sui mutamenti climatici che pare stiano investendo il mondo.
Senza bisogno di imbarcarsi nei tradizionali e tecnici discorsi su assottigliamento della fascia di ozono ed emissioni di Co2.
Perché non sono le attività umane ma i mutamenti socio-politici a determinare, secondo questa trasmissione di Radio Padania, gli sconvolgimenti del clima.

Così esposta, la tesi non sembrerebbe nemmeno bizzarra. Non è vero, in fondo, che atteggiamenti culturali dominanti determinano specifici sistemi di produzione industriale e di organizzazione urbana in grado di interagire con la salubrità del pianeta? É il presupposto, questo, che ha portato al protocollo di Kyoto. Nonché lo scontato riscontro del principio di causalità che sta alla base di ogni fenomeno fisico.

Peccato non sia ciò che Radio Padania intenda affermare.

La pittoresca tesi viene invece inserita in un discorso esplicitamente esule dalla fisica. Tant’è vero che al conduttore preme puntualizzare di come non si tratti di posizione "spiritistica" ma "analogico-sincronica".

All’origine ci sarebbe un non meglio specificato "studioso brasiliano" che avrebbe spiegato un presunto mutamento climatico verificatosi nell’altopiano brasiliano quale "effetto" dell’erezione della città di Brasilia. Tale variazione non sarebbe da addebitarsi, secondo lo "studioso", all’intensa attività urbana - e magari al conseguente inquinamento- di una città costruita dal nulla quasi da un giorno all’altro, bensì alla del tutto astratta nuova realtà "psicosociale" di una zona divenuta all’improvviso "regione di capitale". In virtù di una sorta di incontrollabile - e non verificabile- osmosi unidirezionale tra attività neuronica ed attività atmosferica.

Il conduttore propone dunque la tesi agli ascoltatori, accompagnandola con quelle che, secondo lui, sembrerebbero essere evidenze in grado di avvalorarla - e si abbandona, quindi, ad un surreale riepilogo degli eventi climatici degli ultimi anni: " L’11 settembre era un giorno molto bello in America ma dall’incredibile foschia qui da noi, e da allora si è verificato qualcosa di non riconducibile alle tradizionali leggi meteorologiche: un 2002 rocambolesco; un 2003 estremamente asciutto; un 2004 ventosissimo; un 2005 dall’agosto molto piovoso; un 2006 complessivamente accettabile ma temporalesco; un 2007 tendenzialmente buono ma caratterizzato da forti scompensi climatici e da un’estate più fredda del solito".

E se pure l’Inghilterra degli ultimi anni non conosce più "piogge bibliche" è perché "deve essere lì successo qualcosa di riconducibile al discorso socio-cultural-politico".

Ma dove individuare la definitiva prova del nove? In "Padania", ovviamente. Le "ricerche" dello "studioso brasiliano" fornirebbero la chiave di lettura alla "evidenza di un parallelismo particolarmente accentuato tra evoluzione dirompente in senso federalistico del pensiero cultural-politico e il mutamento climatico verificatosi in Padania".

E prende quindi il via un grottesco panegirico della Lega Nord: "L’ultima estate di tipo tradizionale fu quella del ’79, l’anno del famoso incontro tra Salvadori, leader del partito autonomista valdostano, ed i grandi soggetti formatori di quella che sarebbe divenuta la Lega Nord. La sensibilità verso il federalismo si è accentuata negli anni ’80 per trovare definitivamente spazio in Parlamento e sui media negli anni ’90. E tra la fine degli anni ’70 e metà degli anni ’90 il clima ha subito un processo di accelerazione notevole, è aumentata progressivamente la piovosità così come si sono alzate le temperature, e, quanto alla nebbia, ora ve n’è meno da noi che non nelle valli romane, casertane e foggiane.".

Il discorso si sofferma, in particolare, sul 1996, anno "assolutamente abnorme da un punto di vista climatico, con una primavera particolarmente mite ed un’estate particolarmente afosa, nonché un agosto tragicamente piovoso".
Per chi non lo ricordasse, il 1996 veniva dichiarata la "Padania indipendente". Sempre il conduttore: "Il giorno della consacrazione della Padania, in particolare, la temperatura era molto bassa e soffiava un vento elevato in un contesto, quello veneziano, generalmente non caratterizzato da particolare ventosità".

Ma i meteorologi tradizionali saranno in grado di registrare simili "parallelismi analogico-sincronici"? No; ecco perché il conduttore esulta per come " i meteorologi romani e napoletani " avrebbero lasciato parte del loro spazio "a quelli padani", che "per la prima volta si sono affacciati alla storia e hanno rivendicato la loro autonomia di giudizio".

Insomma, che qualcuno avverta Al Gore : non ha capito nulla.

Daniele Sensi

3 COMMENTI:

Anonimo ha detto...

MITICO

ame ha detto...

Ma a quale ora della giornata tirano fuori questi deliri? C'e' il caso siano gia' ubriachi? Comunque, volevo ringraziarti per il tuo spirito di abnegazione e sacrificio dimostrato nel seguire questa impareggiabile fonte di informazione per poi riferircene le perle di saggezza. E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo deve fare... Ciao!

daniele sensi ha detto...

Grazie per il supporto ame. Qualcuno dovrà pur marcarli stretti, visto che a furia di ripetere e ripeterci che sono sono "folclore", certe esternazioni stanno divenendo una vera e propria "visione del mondo" per parte degli ascoltatori di quella radio.

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box