mercoledì 5 novembre 2008

Obama presidente: dedicato ai volonterosi ospiti di Radio Padania (un omaggio ad Ernesto Che Guevara)

A Renato Pozzetto, Che nel secolo scorso giocava a fare l’operaio/pugile/comunista/antifascista-militante-versione-patata-bollente e Che oggi va su Radio Padania Libera a tessere lodi per le amministrazioni leghiste Che gli finanziano la sua ultima “fatica” teatrale, uno spettacolo dall'impronta dialettale;

Ad Antonio Ricci, Che si autoincensa “sberleffatore indipendente”, lontano dal potere e dai potenti, sempre restio a concedere interviste, Che non ama rilasciare dichiarazioni pubbliche e Che preferisce parlare per mezzo dei suoi format televisivi, ma Che senza indugio non rinuncia ad un’ospitata su... Radio Padania Libera, nel salotto del deputato leghista Matteo Salvini;

Ad Alberto Fortis (e chi se lo ricordava più?) Che tentando di risalire la china ed avendo inciso un brano di successo negli anni 70 Che recita: “E vi odio voi romani”, non trova di meglio Che andare a riproporlo, quel brano su... Radio Padania Libera;

Ad Enrico Ruggeri, Che sì, va beh, si sapeva Che non stava a sinistra, ma non al punto di ritrovarselo su... Radio Padania Libera a denunciare “la discriminazione in atto a Roma verso i cantanti dall’accento milanese”;

A Fausto Bertinotti ed Oliviero Diliberto, Che, ben prima dell’insediamento dell’attuale governo, non ritennero indegno comparire in alcune trasmissioni di... Radio Padania Libera, ovvero della radio di un paese Che non esiste (e quindi, spariti dalla scena politica, Che la smettano di dar la colpa a Veltroni, Che lui, se non altro, su Radio Padania Libera non c’è mai andato);

Ad Antonio Polito, quello per un Pd riformista, Che mentre il segretario del suo partito denunciava la minaccia di regressione culturale rappresentata da certe dichiarazioni irradiate dall’emittente radiofonica leghista, non trovava di meglio Che andare a presentare il suo Nuovo Riformista su... Radio Padania Libera (e non in un contraddittorio politico, ma in un’orgia di baci e abbracci col presentatore di turno);

A Davide Romano, giornalista di Repubblica, Che ha scritto un libro sulla Lega dal taglio oggettivo, quasi un saggio, non da partigiano ma da serio analista, e Che però, da due mesi, se ne sta, un giorno sì e uno no, su... Radio Padania Libera, a cantarsela assieme alla base leghista su quanto la Lega veda lontano, su quanto i leghisti siano tutti buoni, sapienti, illuminati, generosi, aperti, di larghe vedute, cittadini del mondo per un mondo libero – e i “sinistri” non hanno capito una mazza, Borghezio e Gentilini non sono razzisti, sono padri affettuosi quindi… comprate il mio libro...

E a tutti gli altri nani e a tutte le altre ballerine dello spettacolo e della politichetta italiana Che, fiutato la scorsa primavera da Che parte, in Italia, si stava mettendo a soffiare il vento, si sono abbandonati a sdolcinate effusioni con l’identitarismo e con gli spacciatori di radici comunitarie, non accorgendosi di qual ben altro vento stava per giungere dall’America – e Che sia una violenta sferzata per un’Europa -tutta intera- Che, al fine di legittimare incubi cui dare l'ormai famigerato nome di "volontà popolare", sta mettendo al bando quelle ambiziose visioni Che redimono ed innalzano l’Umanità alla gloria della Storia.

La “civiltà occidentale” nasconde, sotto la sua vistosa facciata, uno scenario di iene e di sciacalli - Ernesto Che Guevara, Discorso all’Assemblea Generale dell’Onu, 1964


Daniele Sensi

28 COMMENTI:

Anonimo ha detto...

visto che non lo posso postare in OK notizie :

...viva Obama e la cultura integrate del mondo padaniandate a c.......francesco-32

Iniquo ha detto...

D'accordo su tutto, però non dimenticare che il PD i leghisti li ha invitati ed applauditi alla festa nazionale ed ora si accinge a trattare per garantire una riforma costituzionale con quorum dei 2/3 (non sottoponibile a referendum confermativo).

BECA ha detto...

sono contento CHE abbia vinto Obama..

un "nero" alla casa bianca.. :D

chiara ha detto...

...post molto bello, l'entusiasmo ci fa bene ... speriamo che duri ... abbasso i muri,viva i sentieri intrecciati...

daniele sensi ha detto...

Iniquo, e chi se li dimentica quegli applausi..

ink ha detto...

spari troppo, Daniele, e spari a salve. Certe cose basta ricordarsele.
Ma - veramente sono passato da qui per dirti di dis-invis-ibiliz-arti.
E tieni duro, li su al Nord.

i

Negroski ha detto...

Quoto in toto.
Ma Antonio Polito non può tagliarsi quei baffi improbabili?

La Mente Persa ha detto...

Aggiungo anche quelli che della "volontà popolare" presi dalle varie "emergenze" mediatiche.

QUOTO, mi piace.
gio

Zadig ha detto...

Alberto Fortis mi faceva schifo anche trent'anni fa proprio per quella canzone. Hai scritto un ottimo post che condivido in pieno.

Anonimo ha detto...

Daniele. Qui hai fatto autogol.

Non spaevo che così tanta gente e desponenti politici importanti, frequetassero la nostra radio. Evidentemente è una radio di qualità!

Grazie dell'info.

Ligure magnanimo!

daniele sensi ha detto...

Ligure, temo per te che certe partecipazioni non abbiano molto a che vedere con la "qualità" (presente i caroselli dei nostri politici al Bagaglino?)

Anellidifumo ha detto...

Cin Cin!

Nico ha detto...

Hai visto chi è che ha scritto la prefazione al libro di Davide Romano?

XPX ha detto...

Ho avuto modo di conoscere l'esistenza di radio padania sul blog di Lerner ... goog bless Italia.

XPX ha detto...

pardon, good bless Italia ...

Anonimo ha detto...

Gentile sig.Daniele Sensi:
1)lo sa che nelle radio vengono invitati ospiti di ogni colore e professione?
2)Lo sa che lei vive in un paese democratico dove gli attori possono andare dove gli pare a parlare di loro spettacoli senza che qualcuno come lei lo tacci di qualcosa?
3)Prima di scrivere sul suo blog si accerta che quanto scrive sia veritiero? E' cosciente di dare informazioni sbagliate?
Vede, in Italia avviene che i Comuni (come anche il suo di Grosseto, quello di Roma, Napoli...) sponsorizzino spettacoli per la propria città, e anche il Comune di Milano (di cui la Lega nord fa solo parte e da sola non decide un bel niente) ha sponsorizzato degli spettacoli per Milano tra i quali quello di Pozzetto, per cui la lega Nord, come ha voluto far intendere lei, non centra proprio nulla!
Vede, il suo odio "razzista" verso i suoi stessi connazionali la fa stravedere. Lei causa un danno a chi offende e a chi ritiene di stare informando perché non da notizie corrette.
Quindi per cortesia cerchi d'informarsi in maniera più approfondita e di scrivere meno falsità.
La ringrazio. Giulia.

daniele sensi ha detto...

Giulia, e lei come si permette di sostenere che io racconto balle? Stia tranquilla che prima di scrivere una sola parola io mi informo, eccome, perchè a differenza di "certa" gente ne conosco bene, delle parole, il peso.
Ovvio che attori e cantanti sono liberi di andare dove vogliono: liberi sono anche, però, i loro eventuali "ammiratori" (io ERO tra quelli di Pozzetto) di sentirsi delusi per le partecipazioni a radio POLITICHE che veicolano messaggi POLITICI di un certo tipo.
Sa com'è, si tratta di coerenza, ed allora non è grandioso lo spettacolo di un attore, Pozzetto, che ultimamente dedica un pezzo teatrale ai migranti che muoiono in mare e poi se ne va ospite di una rubrica radiofonica che degli immigrati ha detto le peggio cose.
Saluti.

Anonimo ha detto...

Giulia: gentile sig. Sensi, gli attori sono attori perchè "interpretano" e non si identificano necessariamente con quello che interpretano, e cmq il paragone mi sembra un po' fuori luogo.
Dato che ogni tanto ascolto radio padania perchè fa dell'informazione approfondita, non mi risulta "che vengano dette le peggio cose degli immigrati", tant'è che telefonano anche immigrati, che fosse come dice lei nè potrebbero chiamare nè penso che chiamerebbero.
Lei parla di coerenza ma sul suo blog ha ripetuto la parola "razzista" un sacco di volte, dopodiché di risposta a un commento ha scritto "che non pensa che la Lega sia razzista", quindi dovrebbe mettersi d'accordo...
Per quel che ne so la Lega nord non ha idee razziste, bensì combatte contro un invasione indiscriminata senza controllo che sta avvenendo ormai da anni e che causa tutta una serie di danni ai cittadini, oltre come appunto dice lei le morti in mare, e se
lei di questo non si rende conto è un incosciente. Andare ad arzigogolare tirando fuori le guerre, i parenti emigrati, l'america, la rava e la fava che nulla centrano con la situazione attuale, non è corretto.
Cmq lei aveva scritto che la lega ha sponsorizzato lo spettacolo di Pozzetto che non è vero, e purtroppo ora non ho sufficiente tempo per rispondere ad altri commenti.
La ringrazio. Giulia.

camilla ha detto...

scusa sul mio blog ho messo Spezzachini e Twiga ma.. perchè non riesco a mettere anche te?????
:-)
invece dei post.. nella posta.. mandami il quid per metterlo in evidenza con gli altri.
ciao!
Camilla

camilla ha detto...

dimenticavo.. genovese NON padana.
viva Obama.
;-)

Anonimo ha detto...

A quelli che je rode :-)

Anonimo ha detto...

non dovrei dare da mangiare al troll, ma è più forte di me... "un'invasione indiscriminata senza controllo", dice giulia. si chiama immigrazione. la gente si sposta dai paesi poveri a quelli ricchi per cercare una vita migliore. è un loro diritto, non è un'invasione. "e che causa tutta una serie di danni ai cittadini". per esempio produce una bella fetta del PIL del nord italia. e anche sulla criminalità, su cui la lega e la destra in generale hanno fatto un vero e proprio terrorismo, stiamo messi meglio di altri paesi.
questo solo per dire che la lega È xenofoba e razzista, anche verso i suoi stessi connazionali. un'altra volta, giulia, limitati a correggere gli errori (come quello sul finanziamento a pozzetto), ma non negare l'evidenza.
vincenzo, TERRONE
p.s.: naturalmente FORZA OBAMA

daniele sensi ha detto...

Forza Obama!

Anonimo ha detto...

Forza rosicone

Anonimo ha detto...

"La bella fetta di Pil" che dici vorrei sapere dov'è,poichè tra un calcolo danni/ricavi siamo proprio in deficit. Ma dato che parli per partito preso e non sai dare il giusto peso al significato delle parole, e a quanto pare non hai studiato la storia, non perdo altro tempo a scrivere commenti a chi come te è nato sapiente.
Cmq l'anonimato non toglie che ti potevi inventare almeno un nik a cui potersi riferire.
Con "troll" chiamaci tua sorella!
Giulia.

vincenzo ha detto...

giulia, io le cose le chiamo con il loro nome, e mi firmo sempre. guarda bene il commento e la firma ce la trovi. inoltre, a non dare il giusto peso alle parole sei proprio tu. io non avrei studiato la storia? può anche darsi, ma tu come lo sai, visto che non ho parlato di storia? come lo neghi che gli immigrati producono il 9,2% del pil a livello nazionale, 10,9% nel nordest, 10,8% nel nordovest. dati unioncamere, maggio 2008. non parole per partito preso. se poi non vuoi perdere altro tempo a scrivere commenti, non ti nascondo che la cosa non mi affligge.

Anonimo ha detto...

Le scrivo l'ultimo commento:
Lei "non chiama le cose col loro nome" perchè dare del "razzista xenofobo" a chi invece vuole mantenere le proprie radici è sbagliato ed offensivo.
Vede, lei non tiene conto dell'aspetto globale, poichè dietro quella che chiama "immigrazione" c'è il preciso disegno di sradicare la gente dalla proprio terra, tagliare le radici italiane, e soprattutto abbassare il costo del lavoro.
Secondo lei la Sanità finora gratuita x tutti gli immigrati, le pensioni date ai congiunti di immigrati, la moria dei negozi italiani e il proliferare di negozi d'immigrati che vendendo perfino carni macellate col rito islamico (illegale), la concorrenza sleale cinese, gli incidenti stradali di immigrati ubriachi, la gente derubata e ammazzata, le nuove mafie importate, la droga,le prostitute, i bambini venduti, il mantenimento in carcere, i barconi che vanno a prenderli, i centri di accoglienza, , le donne stuprate, l'infibulazione, le malattie come epatite C. o la meningite importate, gli anziani che si son trovati la casa occupata da immigrati... e continua..
tutte queste belle cose secondo lei in una società in cui anche muovere un dito costa denaro invece agli italiani non costano nulla e addirittura alzano il PIL.
Lei si che sa fare i conti!
Buon Natale. Giulia.

vincenzo ha detto...

ma infatti razzista e xenofobo non lo dico a chi si limita a voler mantenere le proprie radici. lo dico a chi usa questa scusa per disprezzare chi è diverso e rendergli la vita impossibile. cioè quello che fa la lega. mi chiedevo quando l'avresti tirata fuori la favoletta del "preciso disegno dei malvagi immigrati che vogliono disintegrare l'identità italiana". l'uomo nero va bene per spaventare i bambini, non funziona con chi sa ragionare, anche un poco.
e in quanto a non saper fare i conti, dimmi una cosa: secondo te, la ricchezza prodotta dagli immigrati (il 9% del pil, mica spiccioli) dove va? le tasse pagate dagli immigrati dove vanno? a finanziare la jihad? ma per favore.
ora, se secondo te considerando (e spesso ingigantendo) i problemi causati dall'immigrazione puoi ribaltare la realtà e dire che gli immigrati fanno male all'italia, padronissima di farlo. ma i dati ti sono contro.
p.s.: natale è tra più di un mese. poi sono io che non so contare...

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box