sabato 30 gennaio 2010

Il Partito democratico vola in soccorso del razzismo di Stato francese

La Lega dei diritti dell’uomo (quella stessa lega sorta all’epoca dell’Affaire Dreyfus) l’ha definita "un’operazione illegittima che mira a dividere i cittadini francesi tra ben accetti e indesiderati"; Sos Racisme ne ha denunciato i propositi xenofobi e antislamici, lanciandogli contro un appello sottoscritto da intellettuali, cantanti, attori, registi, sportivi, senatori, sindaci e deputati; il Partito socialista ha invitato tutti i suoi rappresentanti locali a boicottarne gli incontri, perché "indegni" e "inaccettabili"; Bayrou, leader del partito di centro, ne ha bollato i promotori come "manovratori che per calcolo elettorale si mettono a far leva sulle peggiori pulsioni della gente"; persino la stampa conservatrice ha espresso riserve: il settimanale Le Point ha parlato di "stato febbrile di una maggioranza pronta a tutto per riaccendere gli entusiasmi prima delle Regionali"...

Tanto osteggiato dalla società civile francese, il "Dibattito sull’identità nazionale" voluto dal governo Sarkozy (100 prefetti e 350 viceprefetti mobilitati d’ufficio dal ministero dell’Immigrazione per promuovere, in lungo e in largo per tutta la Francia, incontri pubblici sul tema: "La nostra è una Repubblica multiculturale? Di quali valori è fatta la nostra identità?") raccoglie tuttavia un importante plauso proprio in Italia. Da parte di esponenti della Lega Nord? No. Di quelli del Partito democratico.

Oggi Enrico Letta ha infatti avuto l'acume politico e culturale di definire quel dibattito "un’esperienza interessante che l’Italia dovrebbe copiare”...

Dell'iniziativa di Sarkozy, Bernard-Henri Lévy ha scritto: "Identità si dice dei soggetti, non delle collettività; si dice al plurale, mai al singolare; e dimenticarlo, ridurre una nazione alla rigidità di una supposta ‘identità’, significa impoverirla, farla morire, proprio quando le si vorrebbe dare fiducia nel suo avvenire(...). Tuttavia, se proprio esiste un'identità in panne, questa è l'identità europea".

Ecco, un Partito democratico che ripartisse da lì, dalla nuova, straordinaria dimensione del nostro stare insieme, anziché trincerare la propria indecisa e zoppicante visione del mondo dietro a posticce bandiere tricolore sventolate senza entusiasmo, saprebbe risparmiarsi (e risparmiarci) certe infelici sortite e contrastare, con coerenza e continuità, una pericolosa ondata di ripiegamento identitario che non coinvolge questo o quel paese, ma l’Europa nel suo insieme.

Daniele Sensi

9 COMMENTI:

aglio|e|cipolla ha detto...

Per il PD... Vedo un unica soluzione : dovrebbero almeno leggere il tuo blog...... ;)
O

ps. e Oalter cos'ha detto?

Francesco ha detto...

Studiare, studiare....Dovrebbero soltanto studiare gli esponenti del pd. Il problema è culturale; sono succubi. Ricordiamoci che anche loro sono cresciuti con la televisione di berlusconi....Ma vedo poche speranze...
Congratulazioni per il tuo blog.

Claudio Pirrone ha detto...

Peccato che io scrivo solo (o quasi) in transalpino ... bell'articolo

Anonimo ha detto...

Queste dichiarazioni sono l'ennesima testimonianza delle proporzioni del deficit culturale e morale in cui versa l'attuale classe politica italiana. Avvilente.

Sandro ha detto...

Penso che il PD abbia solo pensato bene di "esportare" il proprio modus operandi italiano: se ben ci si pensa anche un partito dovrebbe saper coniugare diverse identità (le correnti). Difficilmente diverse centinaia di persone penseranno sempre nello stesso modo su tutto, anche se partono da principi generali uguali.

Nel PD adesso, e nell'Ulivo in passato, l'idea di partito e di coalizione ha portato ad un'azione disomogenea: tanti emendamenti per ognuno che respirasse ed emettesse anche il più stupido dei pensieri.

Anti democratico come metodo (il partito dovrebbe per lo più decidere a maggioranza interna) ed anche indice di tante singole identità.

Andrea Franzoni ha detto...

probabilmente si sono accorti che questo discorso paga. E non avendo le capacità per proporre un discorso alternativo, si accodano. senza pensare che non fanno altro che rafforzare la destra, che in quanto a sciocchezze xenofobe è sempre un passo avanti.

(daniele «L'identità [...] si dice al plurale, mai al singolare»? Non il contrario? Non conosco la citazione ma seguendo il filo del discorso...)

daniele sensi ha detto...

@ Andrea Franzoni,
è corretto: identità si dice al plurale perché una nazione è fatta da tante identità quante sono i suoi cittadini, e non da una uguale per tutti.

Adele ha detto...

Letta? Di nuovo lui??? Ma perchè non fa parlare direttamente lo zio?
Ciò che rende perplessi, non sono tanto le incoerenti sortite fuori luogo dell'ambiguo Letta, quanto il fatto che non venga mai né rettificato , né tantomeno smentito dal PD. Ma soprattutto, mi chiedo , come mai continui a trovarsi a suo perfetto agio fra i democratici. La guardia svizzera Binetti, perlomeno, ha sempre manifestato un certo disagio nello stare a fianco di deputate come la Bonino, ad esempio. E oggi , finalmente s'è decisa a imboccare una scelta coerente: uscirà definitivamente dal PD.
Ma questo Letta , cassa di risonanza delle istanze, dei valori, dei programmi dell'altra "L", come mai, mi chiedo, continua a sentirsi perfettamente a "casa sua"?

Anonimo ha detto...

Ufficializzata la candidatura di Renzo Bossi a Brescia, ma queste cose non le faceva la DC?

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box