mercoledì 3 febbraio 2010

Io al Carrefour non ci vado più

Apprendo dal blog di Civati che il servizio clienti di Carrefour (la stessa catena di supermercati che lo scorso anno esibiva su alcuni suoi scaffali bottiglie di vino dedicate alla memoria di Mussolini e di Hitler - dovette intervenire la stampa francese perché venissero ritirate), ora permette, online, di segnalare, tra i vari disservizi, la "presenza di nomadi".

Che qualcuno si prenda piuttosto la briga di segnalare Carrefour alle autorità competenti.

47 COMMENTI:

R ha detto...

Sono dovuta andare a vedere perché non credevo ai miei occhi...

zoe ha detto...

incredibile, vergognoso

Giorgio ha detto...

Io da Carrefour non ci vado più dal 2006 da quando cioè alcuni supermercati della loro catena avevano bandito i prodotti danesi come "ritorsione" alla pubblicazione (su un giornale danese privato) delle famigerate vignette satiriche su Maoemtto.

giacinto2000 ha detto...

Da carrefour non ci si deve andare per lo sfruttamento del precariato, il forte impatto ambientale e le numerose vertenze sindacali e mobbing di II livello.

Comprate un manuale del consumo critico e capirete.

flavia ha detto...

Cooosa?????Mai andata, ma mi guardero' benissimo dall'andarci. Grazie della segnalazione, Daniele.

Gioann Pòlli ha detto...

Questa volta lo dichiaro in anticipo: farò l'antipatico. Perché plaudo senza dubbio alcuno all'iniziativa di Carrefour, volta a tutelare i propri clienti. Può servire ad evitare episodi minimi come quelli accaduti al sottoscritto, il quale in un grande posteggio di un supermarket si è trovata l'auto scassinata da questi signori (la conferma è che una delle mie borse trafugate fu trovata dalle forze dell'ordine in un campo rom durante una perquisizione). In un'altra occasione gli stessi signori - le forze dell'ordine mi hanno confermato episodi analoghi nello stesso luogo con gli stessi autori - hanno pensato bene di trafugare sempre dal mio bagagliaio i regali di natale appena ricevuti dai miei figli.
Segnalo ancora che il personale di un supermercato vicino a Monza, contravvenendo ai propri stessi interessi, ha sconsigliato mia moglie dall'andare a fare la spesa nel tardo pomeriggio a causa della forte concentrazione di rom nel loro posteggio.
Infine, mettendomi a gridare per richiamare l'attenzione, in un'occasione ho sventato un borseggiamento in atto da parte di una donna rom con figlio al seguito ai danni di un'anziana cliente all'esterno di un altro supermercato di Sesto San Giovanni.
Se voi anime belle ritenete normale tutto questo, e pensate che opporvisi sia "un atto di bieco razzimo", allora vivete davvero su di un altro pianeta. Chi tenta di tornare a fare davvero politica che non sia frutto di masturbazioni cerebrali ma di contatto con i problemi della realtà quotidiana dei cittadini (vedi il manifesto del Pd da voi stigmatizzato qui sotto), se n'è accorto, anche se in forte ritardo. Voi, anime belle, evidentemente ancora no. VI auguro,per il vostro bene, di avere presto l'occasione di avere a che fare con la realtà vera vissuta tutti i giorni dalle persone normali.

Gioann Pòlli, (in versione antipatica, mi dispiace...)

Anonimo ha detto...

Grazie della segnalazione..
Smettero di fare la spesa al Carrefour..

Da oggi un cliente in meno.

La Sposa In Nero ha detto...

Ora figurano soltano i parcheggiatori abusivi (non ho ancora capito i motivi di questa crociata contro i parcheggiatori abusivi, poi qualcuno me li spiegherà). Può essere che dopo le vostre segnalazioni abbiano provveduto a far piazza pulita di tale abominio?

Gioann Pòlli ha detto...

@la sposa in nero: io da domani mi metto a fare l'idraulico abusivo, il mio amico che ha l'officina di autoriparatore si mette a fare il meccanico abusivo. Sono sicuro di trovarti al nostro fianco quando qualcuno alzerà il dito contro di noi dandoci degli "evasori fiscali ladri". Perché non vorrei sentire puzza di "principio di legalità a geometria variabile".
Gioann

ps: dal momento che Carrefour ha ceduto di fronte al cancro trionfante del "politicamente corretto", dimostrando di avere il coraggio delle proprie scelte quanto un branco di conigli di fronte all'odore della volpe, ha subito perso il cliente - ma non sono certo il solo - che si era appena guadagnato.

Anonimo ha detto...

Il vero cancro è il sonno della ragione, non si può segnalare una persona in quanto tale, è discriminatorio a priori, si segnala un reato, semmai.
Per i frustrati invasati purtroppo non bastano le semplici segnalazioni.

tiz

Gioann Pòlli ha detto...

@anonimo: il vero cancro dei nostri tempi è il sonno della ragione, concordo con te. Ma la oscena categoria del politicamente corretto, a mio modo di vedere, appartiene di ottimo diritto proprio al sonno della ragione. Perché, anestetizzandoci con ampie dosi di ipocrisia (espressioni come "diversamente abile", "diversamente udente" eccetera sono, in certi versanti della comunicazione, le vette estreme del delirio) ed esponendo al pubblico ludibrio chiunque gridi che "il re è nudo", il "politicamente corretto" ci fa perdere di vista la realtà, rendendoci deboli di fronte a situazioni di oggettiva arroganza e prepotenza impunita che ci tocca subire nella nostra quotidianità più spicciola.
Per essere chiari con un esempio: segnalatemi posteggi di supermercati (non sulla Luna, possibilmente) dove le persone di etnia rom esercitano attività autorizzate rilasciando regolare scontrino fiscale e ottenendo la fiducia dei consumatori, li andrò a visitare di persona e, una volta riscontrata la segnalazione mi dico pronto a cambiare pubblicamente idea all'istante.
Gioann

Barbamamma ha detto...

I M B A R A Z Z A N T E

gioann ha detto...

@tiz: ti chiedo scusa, non avevo fatto caso alla tua firma e ti ho chiamato "anonimo".
Gioann

poldo ha detto...

Solo una piccola precisazione,dato che citi il blog di Pippo Civati.La fonte è La trasmissione radiofonica La banda di popolare network.Il podcast
http://tinyurl.com/ycueat9
era commentato da il Kuda http://tinyurl.com/yecgtfz

Anonimo ha detto...

in una democrazia che si rispetti la legge non può essere discriminante con NESSUN cittadino, ci sono le autorità preposte per gli eventuali reati (essere rom e transitare nei pressi di un ipermercato non è reato)

Queste cose sono scritte nella costituzione, oltre che nel buon senso dei singoli

altro che perbenismo
tiz

daniele sensi ha detto...

@ Poldo,
nel post ho citato Civati (da cui ho saputo della vicenda), ma ho anche linkato al Kuda.

Gioann Pòlli ha detto...

@tiz: forse si è perso il punto di partenza. Qui non eravamo di fronte a "una legge" che tratta "i rom" in modo diverso dai "gagè" (parola che usano i rom per discriminare i non appartenenti alla loro etnia). Qui c'era un servizio clienti di una catena di un marchio della Gdo che dava la possibilità ai clienti di denunciare problemi riscontrati nei parcheggi delle proprie filiali.
Quindi prendo atto che, in ossequio alla neoplasia politicamente corretta, sul sito avrebbero dovuto scrivere: "presenza di individui poco puliti e vestiti in modo particolare che, usualmente accompagnati da bambini sottratti all'obbligo scolastico, si dedicano alla petulante richiesta di denaro, al borseggio e al furto cono scasso sui veicoli posteggiati".
Oppure avrebbero fatto prima a scrivere: "presenza di non gagé".

gioann

ps: resta la mia richiesta di segnalarmi posteggi di supermercati dove gli zingari esercitino attività lecite ed autorizzate, con il gradimento dei clienti e l'emissione di fattura e/o scontrino fiscale in cambio del pagamento del bene e/o servizio. Resto in attesa: sono sicuro che arriveranno centinaia di segnalazioni.

Anonimo ha detto...

appunto, chi è Carrefour per decidere che un'etnia debba essere segnalata perchè di passaggio intorno ad un suo market?
Ripeto, esistono le leggi e le auotorità preposte per applicarle in presenza di reato e fortunatamente per tutti l'appartenenza ad una etnia non è un crimine o indice di pericolosità sociale (leggere l'articolo 3 della costituzione)

Alla sua domanda le posso rispondere segnalandole centinaia di rom che fanno la spesa nei supermercati pagando normalmente quello che acquistano

poi se le interessa sapere come (tutti) i rom guadagnino i propri risparmi farebbe bene a ripassarsi il significato di "privato"

comunque è più dignitoso ammettere di essere profondamente razzisti che nascondersi dietro a delle argomentazione pretestuose

tiz

Luca T. ha detto...

Daniele, se non vai più al Carrefour, attento anche a Brignano, il presunto comico che nell'ultima puntata di Zelig, prima serata, ha detto che "gli zingari rubano", provocando un'esplosioni di approvazioni e risate. Controlla su you tube
luca

Gioann Pòlli ha detto...

@tiz: con me lascia pure perdere gli anatemi e gli stereotipi di rito ("razzisti" et similia) che - per storia personale e professionale - non mi toccano minimamente, e che ho il pieno diritto di farmi scivolare addosso senza alcun problema.
Entriamo pure invece nel merito delle argomentazioni: non so se tu sia mai stato in un posteggio di un supermercato dove i rom STAZIONANO, dedicandosi alle attività più sopra ricordate. Perché tu insisti nel parlare di "passaggio", mentre la realtà è che quando vi si collocano, essi non "passano" come faccio io o i clienti del market, bensì restano ad esercitare le loro attività. Se "passassero" solo, come tu insisti a dire non comprendendo i termini del discorso, non vi sarebbe alcun problema, così come quando, all'interno di un supermercato, fanno regolari acquisti passando a pagare alla cassa.
Visto poi che mi inviti a ripassarmi il significato di "privato", allora ti giro l'obiezione: "privati", usualmente, e come tali sbarrati negli orari di chiusura, sono anche i posteggi dei supermercati. E il privato titolare di detti spazi non deve essere - a mio avviso - obbligato a discettare di "presenza di individui poco puliti e vestiti in modo particolare che, usualmente accompagnati da bambini sottratti all'obbligo scolastico, si dedicano alla petulante richiesta di denaro, al borseggio e al furto cono scasso sui veicoli posteggiati". Il doveroso no al razzismo non deve nemmeno diventare un curiale elogio dell'ipocrisia.
gioann

ps: non voglio essere noioso ulteriormente, ma aspetto ancora le segnalazioni dei posteggi ove i rom STAZIONINO dedicandosi ad attività regolari, perché vorrei tanto essere smentito e magari diventare pure un loro cliente. Grazie.

Anonimo ha detto...

io ripete semplice semplice così tu capire: chi commette reato è perseguibile dalla legge- categorizzare su un sito, un'etnia come criminale a priori è discriminatorio e razzista.

tu capito? o devo semplificare ancora? magari omettendo articoli e preposizioni

Gioann Pòlli ha detto...

Io sentire solo scricchiolio di unghie su vetro, non sentire risposte a mie domande precise.
Quindi chiudere.

gioann

ps: io ridere, perché su sito essere scritto "nomadi". E "nomadi" non essere etnia.
Adieu.

Anonimo ha detto...

i rom li hai citati tu, pòlli.
quelli sì che sono un etnia e quindi tu ridere addosso a te stesso

Gioann Pòlli ha detto...

Mi sembra di essere tornato alla scuola elementare. Certo che i rom li ho citati, e li ricito. E sono un'etnia. E fino a quando non mi si dimostra in concreto (e non con le maturbazioni mentali) che i rom che stazionano nei parcheggi dei supermercati hanno tutte le carte in regola per svolgere l'attività che ivi svolgono, e non costituiscono un problema per i clienti dei negozi, non cambio idea.
Ho solo riso nel leggere le parole "categorizzare su un sito, un'etnia come criminale a priori...", quando il sito parlava di NOMADI. Che NON SONO UN'ETNIA. E quelle che ho appena non erano parole mie. Non a caso, le ho virgolettate.

Ora, se si vuole discutere seriamente mi fa piacere, e ringrazio come sempre Daniele per la possibilità che mi offre di scrivere sul suo spazio come ospite, in dissenso anche completo dalle sue idee. Ma se ci si vuole prendere in giro giocando - per di più malamente - con le parole, allora avrei qualcosa di meglio da fare.
Un saluto.

Gioann

Anonimo ha detto...

Siccome sei tornato alle elementari leggiti il significato di nomadi nel vocabolario ITALIANO
Per "nomadi" s'intendono le popolazioni che non hanno fissa dimora o gli individui che appartengono a tali popolazioni (magari stazionano, passano, queste polluzioni le lascio a te) e di conseguenza, aggiungo, le diverse etnie che li distinguono, e non è un caso che tu, polli, hai citato nel tuo primo commento proprio un'etnia in particolare e non hai parlato di barboni, busker o quant'altro.

Quindi, ripeto, c'è la discriminazione (di popoli o di individui appartenenti ai popoli senza fissa dimora-e di conseguenza le varie etnie che li contraddistinguono)e c'è una tua pretesa masochista di negarlo. Ma quello è un problema tuo. Comunque battiti pure per cancellare l'espressione "diversamente abili" dal linguaggio padano, ne trarrà giovamento la tua pragmatica sincerità in barba ai temutissimi ipocriti moralisti. brrrrr

Anonimo ha detto...

Da wikipedia

"I popoli nomadi sono gruppi etnici che praticano il nomadismo, ovvero una forma di mobilità legata solitamente alla loro forma di economia, ma che può essere praticata anche per motivi di tradizione storica e culturale."

da wikipedia

Fosforo e cervello ha detto...

--------
Gionn Polli ha detto:
ps: dal momento che Carrefour ha ceduto di fronte al cancro trionfante del "politicamente corretto", dimostrando di avere il coraggio delle proprie scelte quanto un branco di conigli di fronte all'odore della volpe, ha subito perso il cliente - ma non sono certo il solo - che si era appena guadagnato.


SVEGLIA Gioann,
La carrefour ha appena fatot retromarcia come i conigli che citavi.
Ma si sa che i razzisti sono tutti della stessa "razza", se la prendono solo con i più deboli(i nomadi) MAI con i più forti (i LoRO CLIENTI che minacciano di non fare più la spesa da loro)..
..
Almeno sono coerenti.
Saluti


Ps.
Come vi piace usare la parolina magica: "politically correct"
Hitler e Stalin erano politically correct?
Hitler e Stalin avevano il "coraggio delle proprie idee" ?
Hitler e Stalin dicevano le cose in modo diretto senza "ipocrisie farisee"?

La risposta è SI.
E' per questo che queste paroline magiche che sapete usare tanto bene per raccolgiere voti sono solo VUOTE e SENZA VALORE.
Lo sapete benissimo e i gonzi abboccano...

Miki (Anarco-Leghista) ha detto...

@ fosforo&c: adess uno non può nemmeno scegliere se andare o no al carrefour! Per non passare per razzisti! Va bene prendiamocela con quella gentaglia (più forte?) che andrà a far la spesa da un'altra parte. Piuttosto le care coop saranno politically correct o magari la vigilanza allontana queste persone senza farsi sgamare?

Anonimo ha detto...

@ anarco-leghista
Mi pare che nessuno nei commenti ha scritto che andare al carrefour è da razzisti.
Qui si criticava il sito della catena, non i consumatori.

Oltre alle coop puoi citare esselunga, upim, conad, etc. magari accompagnandole con dei fatti concreti.

pietro ha detto...

io lavoro in un supermercato e parlo per esperienza.
i rom o nomadi che dir si voglia sono per lo più persone poco inclini al rispetto delle persone e delle regole. sfruttano la compassione degli animi più nobili facendo leva con uno strumento devastante... i bambini!!!
sono davvero pochi quelli che entrano e pagano regolarmente.
io stesso ho perso il conto di quanti ne ho denunciati ai carabinieri dopo averli fermati a seguito di GROSSI furti(nell'ordine dei 100/150euro)di generi alimentari nascosti nei passeggini o sotto le lunghe gonne dotate di una sorta di sottoveste che funge da grande tasca utile per nascondere di tutto,dal formaggio grana ai preservativi(in grandi quantita') usati dalle piu' giovani che ora si prostituiscono.
Io davvero non sono razzista, perche' sono convinto che il fatto che questa gente deliqua non sia imputabile alla razza(non parliamo di cani). Credo che sia questione di cultura,stile di vita ecc.
se per assurdo strappassimo dalle braccia di una donna rom un bambino non ancora educato da loro e quindi culturalmente vergine,quest'ultimo assorbirebbe gli usi e costumi nostri. potrebbe essere un rincoglionito che guarda i programmi della durso,un neonazzista,un black bloc,un rampollo che va' con i trans,un cantante hi-pop o nella peggiore delle ipotesi un parlamentare del pdl (ah ah ah ,ma ve lo vedete un rom a leggiferare insieme a bossi per rimandare a casa gli zingari).
a parte gli scherzi smettiamola di preoccuparci della forma se la sostanza comunque non è buona

Anonimo ha detto...

preoccuparsi di tutte e due, no?

Fosforo e cervello ha detto...

La SOSTANZA di scrivere un comunicato razzista NON E' affatto buona.
La logica non è una opinione.

@anarcho leghista
leggi meglio quello che gli altri scrivono, anche se vi piace il dialetto, imparate a leggere l'italiano... se non non si può comunicare. E' un dispiacere non farsi capire perche' gli altri non capiscono la lingua italiana scritta...

Miki (Anarco-Leghista) ha detto...

"Ma si sa che i razzisti sono tutti della stessa "razza", se la prendono solo con i più deboli(i nomadi) MAI con i più forti (i LoRO CLIENTI che minacciano di non fare più la spesa da loro).."

Mi pare che "minacciare di NON fare più la spesa da loro..." (in quanto Carrefour ha fatto marcia indietro sui suoi propositi "razzisti") metta sullo stesso piano (beccarsi del razzista) i clienti che NON vanno PIU' da Carrefour per QUEL motivo (la retromarcia) e il Carr. medesimo. E quindi nella ipotesi iniziale (Carrefour=razzisti) se A non va più da B in quanto B è razzista, non A che non (non va) = VA da B per la stessa ragione (B che rimane razzista in quanto B = B: in logica matematica=automorfismo)è uguale a non (A). Ovvero il contrario di A. Ovvero,come da ipotesi iniziale, se A era non razzista (e disertava il Carrefour) NON A è razzista in quanto NON (disertava) = si reca al Carr.
Naturalmente non tutti i clienti di Carrefour vanno per la questione "segnalazione rom" e quindi non rientrano nel discorso razzismo. Ma quelli che ci sarebbero andati/non andati per QUEL motivo si.
Cuntent? L'ho letto proprio bene il post di fosforo&c; tu però non farti venire il sangue agli occhi: puoi sempre andare alle coop per consolarti (dove alcune orwelliane telecamere se sei dipendente simpaticamente sorvegliano quante volte ti gratti il naso,prendi il caffè,parli male dei dirigenti ecc!)... Voilà,l'"etica" a due velocità della sinistra è servita!

Anonimo ha detto...

@ mirko anarcoleghisto

Io vado alla conad che è a due passi da casa mia e non sono di sinistra, non ho problemi d'iperemia congiuntivale e non mi faccio venire i sudorini freddi dall'eccitazione nel dare un'identità politica a chi non conosco.

Dove è scritto che chi fa spese al carrefour è razzista? Indicami dove è scritto per favore. Io leggo di alcune persone che hanno espresso una scelta individuale, ossia quella di non fare acquisti in quella catena, ma non trovo parole di disprezzo a riguardo dei consumatori (molti dei quali ignoreranno il fatto), anche perchè inveire sui consumatori in modo generalizzato è una cosa di una tale illogicità che sa solo di pretesto da ipercritichino

L'etica a due velocità a cui alludi, a quanto pare è anche propria del Carrefour, giacchè si sono subito affrettati a scusarsi e a ritirare quella voce ammettendo l'errore (a dispetto di quelli che vogliono sempre avere ragione)

fai bene a leggere orwell ti può solo essere utile


spirou

Anonimo ha detto...

errata corrige: intendevo a miki l'anarcoleghista e non mirko

spirou

Miki (Anarco-Leghista) ha detto...

@ spirou: se non vado più da Carrefour in quanto ci sono rom (non nomadi: rom e iper-stanziali) ai parcheggi, ma C. non mi permette PIU' di segnalarne la presenza, faccio o no una scelta basandomi sulla razza? Lascia stare quelli che non ci andranno più per motivi diversi o addirittura opposti (come molti "indignati" qui sopra): parliamo di coloro che come me non andranno al Carr. per questo motivo. E' o non è una scelta basata sulla presenza di determinate etnie (nel parcheggio, ovviamente)? QUINDI, almeno stando ai post di fosforo&c, se io NON vado più al Carrefour per QUESTO motivo (e quindi a maggior ragione per la retromarcia fatta dal supermercato) è o non è la mia (sempre stando a fosforo&c) una scelta fatta su questioni etniche? Ovvio che parlo per me e non per gli indignati qui sopra.

Anonimo ha detto...

Ma al Carrefour ci vai per segnalare i nomadi?

spirou

Fosforo e cervello ha detto...

@ anarco leghista
Mi dispiace darti torto. Non ho mai scritto sui CLIENTI della Carefour.

Mi riporti un passo di quanto ho scritto dove dico che i clienti della carrefour sono o meno razzisti?

Perchè ti inventi le cose?
Ho parlato solo della Carrefour, dov'è la difficoltà capire una cosa così semplice?

Se vuoi ci mettiamo ad un tavolino e te lo spoeghiamo fino a che non lo capisci, la diffferenza tra Carrefour e i clienti.
---
La doppi amorale è stata prpria della Carrefour che era FORTE con i deboli(con i nomadi) e DEBOLE con i forti (I CLIENTI che sono ACQUIRENTI, quindi hanno il POTERE di aquistare)..
Semplice. Cosa c'è che non hai capito?

Fosforo e cervello ha detto...

PS.
Se io non vado più alla Carrefour e perchè credo che i coglioni o i razzisti non facciano "razza", ergo concludo che non sono razzista.

Sono anti-razzisti.
Anti-coglionista.
Questo non vuole dire fare uan scelta su basi etniche, a meno che i coglioni non fanno una etnia a parte.
(bhe forse su questo ultimo punto potremmo discuterne..)

Miki (Anarco-Leghista) ha detto...

Alòrs mi spiegate perchè se Carrefour fa una cosa RAZZISTA (brrrrrr) in quanto PERMETTE di SEGNALARE, chi SEGNALA (vista anche una certa tendenziosità di tutti i vostri post,che mirano a "dimostrare" come in italìa stiano diventando tutti razzisti) non dovrebbe venire assimilato? Volete forse negare un certo "apriorismo" nelle vostre opinioni (supermercati razzisti,idraulici razzisti,saltatori con l'asta razzisiti... tutti razzisti!)? Sarebbe come se emilio fede dicesse "nel tg4 non ho mai parlato male dell'opposizione"! Me cojoni! (come dicono ad Oxford)
Vero: non parla male dell'opposizione e dei suoi elettori tuttavia a quelli di sx li fa arrabbiare: come mai? Eppure lui non parla mai male della sinistra! Proprio come Fosforo&cervello "non ho mai tirato in ballo i clienti"! Passo&chiudo,spero di aver chiarito altrimenti "m'arèndo", ve lo dico in anticipo!

Anonimo ha detto...

Ma al carrefour ci vai per segnalare i nomadi?

Fosforo e cervello ha detto...

@anarcholeghista

Dimmi cosa non riesci a capire.
Non ho mai parlato dei clienti di Carrefour.

Perchè non riesci a fare distinzioni? Non capisco. Ad una ceta età una persona riesce a distinguere una cosa da un'altra.

Io "punisco" Carrfour smettendo di fare la spesa da loro, perchè indiviuduo una respondabilità "specifica" di Carrefour nel NON istruire i propri dipendenti.
Non si può fare sempre come Ponzio Pilato.

Che c'entrano i clienti di Carrefour?
Ancora non hai risposto.

Anonimo ha detto...

Beh a me invece è sembrata una bella iniziativa. Ho da segnalare diversi punti vendita, anche di altre catene di supermercati.

Anonimo ha detto...

Continuo il commento precendente.
Però capisco che possa dare fastidio, non bisogna far di tutta l'erba un fascio. Forse era meglio indicare "presenza di gente poco raccomandabile", senza far riferimento a nessun tipo di etnia.

Anonimo ha detto...

Sinceramente mi sembra si stia montando una polemica inutile..come al solito ci si sente grandi ad attaccare i grossi gruppi, anche se l'errore è fatto alla fine da persone semplici e normalissime, o magari dal fornitore di servizi al gruppo stesso che ha incluso quella opzione...non si può sempre sorvegliare su tutto e in ogni momento, purtroppo..e comunque l'importante è riconoscere l'errore e correggere..ciao a tutti!! e un po' piu' tranquilli, dai !!

Anonimo ha detto...

"Chi sbaglia paga e i cocci sono suoi!"

Se si sono scusati un motivo c'era!
Se lo dovevanoa spettare che delle persone avrebbero reagito a quel modo, boicottando la spesa da Carrefour...

Ognuno deve accollarsi le proprie responsabilità

Anonimo ha detto...

giustissimo...
si sono scusati, pero' poi chiedere di boicottare per lo sbaglio di una persona, probabilmente non del gruppo, e sicuramente di chi non ha controllato bene..puo' avere ripercussione sui poveri lavoratori dell'azienda nel punto vendita, che si sbattono, che non guadagnano granchè, che certamente hanno poco potere verso i siti internet e che sono la stragrande maggioranza dei dipendenti...

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box