mercoledì 3 marzo 2010

Radio Padania pensa che gli elettori leghisti siano tutti idioti?

Radio Padania all'annuncio del respingimento del ricorso di Formigoni da parte della Corte d'Appello di Milano:

"Tranquilli, noi abbiamo la nostra lista e le nostre firme: comunque vada, sulla scheda elettorale troverete il simbolo della Lega. Per noi non cambia nulla"


??!!!???!!!!

Update: incalzato dai radioascoltatori che per l'appunto idioti non sono e che gli chiedono se sia davvero "sicuro che anche per noi non ci siano problemi", ad un'ora dalla dichiarazione di cui sopra il conduttore-giornalista lancia un break musicale e, al rientro in studio, ammette di aver detto una fesseria: "Scusate: allo stato delle cose, anche la Lega è fuori dalla competizione elettorale".

18 COMMENTI:

Adele ha detto...

Non idioti ma fiduciosi e temerari dietro la sfida marziale del caporal maggiore La Russa: "Se ci impediscono di correre siamo pronti a tutto"

Saamaya ha detto...

Non so decidere se questa vicenda ha più del comico o del demeziale nettare di questi "tempi" fruttuosi e bislacchi.

Spirou ha detto...

E meno male che i dilettanti allo sbaraglio erano quelli del Lazio.

siamo alle comiche, qui non sanno nemmeno con quale lista sono in corsa

Io Leggo Solo Feltri ha detto...

Il nostro esercito è in missione in Afghanistan per permettere a quei beduini di votare chi vogliono, e accettiamo in silenzio che 10 milioni di nostri concittadini non lo possano fare a casa nostra?

Vi ricordo che l'ultima volta che i cittadini lombardi hanno ricevuto una scheda dove votare un solo nome è stato il 1929 sotto MUSSOLINI!

Pur di tagliare fuori la Lega, ora vi vanno bene le elezioni come ai tempi del Duce?

In queste ore in Italia si sta compiendo un COLPO DI STATO!

Ci hanno provato con il gossip, con i deliri di Spa(tu)zzatura, con il fango sull'eroe Bertolaso. Quando hanno capito che la gente avrebbe ancora votato per Silvio, hanno pensato bene di toglierglielo dalla scheda.

Il prossimo passo quale sarà... le bombe sui treni come negli anni '70?

daniele sensi ha detto...

@ Leggo solo Feltri,
Formigoni e compagnia si sono segati le gambe da soli, nessuno ha impedito loro di correre alle Regionali. Bastava rispettassero le regole. Comprese quelle che voi ora definite "cavilli burocratici". Ed io di cavilli burocratici conosco solo quelli che, ad esempio, spesso decidono per l'invalidamento del rinnovo di un permesso di soggiorno, trascinando centinaia di migranti in solitari drammi personali. Non mi pare che in simili casi voi siate soliti invocare altrettanta flessibilità.

Spirou ha detto...

@ io leggo solo feltri: la documentazione di Formigoni e la Polverini chi l'ha compilata, Prodi?

I radicali e i verdi, per fare un esempio, non sono stati ammessi con le proprie liste in alcune province proprio per gli stessi problemi, da loro non ho sentito parlare di dittature e idiosincrasie varie

Emanuele ha detto...

@ILSF: per una volta che son tutti d'accordo, anche a destra, a fare un mea culpa... per una volta in cui anche Berlusconi ha parlato di incapaci tra i suoi e non ha messo in mezzo il colpo di stato e i giudici comunisti... secondo te è comunque colpa dei giudici?

I giudici applicano la legge. Non possono fare considerazioni su questa se non nei limiti dell'interpretazione. Se i partiti hanno deciso di fare una legge per cui servono 3500 firme per portare un partito alle elezioni regionali, servono. Come potrebbe un giudice chiudere un occhio se la legge è chiarissima? Una volta che la denuncia c'è, c'è poco da fare.

E' stata una scena demenziale, e penso che in Italia gli elettori siano quasi tutti d'accordo sul fatto che fa male alla democrazia un'elezione senza un partito di maggioranza. D'altra parte, una volta che l'errore è stato fatto, rimetterli in gioco sarebbe una barbarie ugualmente: sai quanti partitini sono stati esclusi in passato da questa o quella competizione per le firme? Che facciamo, rifacciamo tutte le votazioni? Accettiamo, per questa elezione, tutti quelli che vogliono entrare? O facciamo una legge per cui, per gareggiare, servono 3215 firme? Non c'è una soluzione che sia migliore del problema.

mozart2006 ha detto...

Quando venivano non ammessi i referendum dei radicali e della Lista Segni per errori nelle firme e nella documentazione TUTTO OK! NESSUNA PROTESTA.
Ora che i rappresentanti del Partito del Fare (FARE CAZZATE) hanno toppato malamente, dobbiamo cambiare i regolamenti e le leggi. Alla faccia di quelli che pagano le tasse regolarmente e fanno di tutto per rispettare le leggi (spesso ottuse e non giuste).
Ottimo esempio di PREPOTENZOCRAZIA. GRAZIE PDL.

Anellidifum0 ha detto...

Io francamente spero proprio che i leghisti e i pidiellini provino a usare violenza contro la polizia e i carabinieri che gli saranno mandati contro quando cercheranno di impedire al popolo di votare per le prossime regionali. Oppure, una volta effettuate le elezioni con tutti i candidati che hanno saputo presentarsi alle elezioni (non credo che in Lombardia ci sia solo Penati, dico bene?), che leghisti e pidiellini provino a impedire lo svolgimento dei lavori del consiglio regionale.

Così vediamo chi è fascista e chi no, chi può chiamare la polizia per ristabilire l'ordine, e chi sarà preso di peso dai poliziotti per sgomberare e chi no.

Arcureo ha detto...

Ragazzi è inutile che cerchiate di spegare le cose a Io Leggo Solo Feltri. È riuscito a tracciare un parallelismo fra delle cappelle procedurali (e se ti presenti per GOVERNARE, come minimo devi essere IL PRIMO a rispettare le regole, a partire da quelle per la presentazione delle liste) cappelle fra l'altro ammesse dallo stesso Berlusconi, e un teatro di guerra, nonché la strategia del terrore negli anni 70. Le bombe sui treni...
MA VAI A CAGARE, VA!

Anonimo ha detto...

http://www.repubblica.it/esteri/2010/03/03/news/olanda_boom_del_partito_xenofobo_il_partito_della_libert_terza_forza-2498293/

Pensiamo a cose più serie, va.

P.S. non so con quale pazienza il signor Sensi sopporti l' utente io leggo solo feltri, gia recidivo di diversi Ban causa razzismo.

frank ha detto...

ma che fatica faceva formigoni a presentare 3500 firme regolari? forse quella di rispettare le regole?

mozart2006 ha detto...

Come al solito questi signori rivoltano la frittata: è il loro diritto a presentarsi alle elezioni che viene limitato esclusivamente dalla loro incapacità.
Agli italiani nessuno toglie il diritto di voto (è ragionevole pensare come l'elettorato si potrebbe esprimere, ma non si può mangiare l'uovo in culo alla gallina)se qualche lista non fosse presente, poichè possono sempre votare scheda bianca, oppure nel caso del Lazio votare Udc o Storace e in Lombardia votare Lega!
Extrema ratio se ne stanno a casa.
Le argomentazioni da avanguardista di un ministro della repubblica o del capo del governo sono speciose perchè non c'è la Gestapo ad impedire alcunchè!
E' vero che premier e ministri sono espressione di una ampia alleanza che ha ottenuto la maggioranza relativa dei voti alle precedenti elezioni, ma proprio la loro funzione istituzionale dovrebbe sempre impedirgli affermazioni e slogan barricaderi!!

Anonimo ha detto...

Se solo si verificasse l'impossibile mi chiedo quali possano essere le possibilità:
1- il 60% e oltre dei lombardi non andrebbe a votare e sommato al 25% che non va mai a votare si arriverebbe ad una competizione elettorale cn il 15% dei votanti
2- il 60% e oltre dei lombardi votano in massa per una delle liste farlocche e la fanno vincere. O addirittura votano Invernizzi (persona cmq onesta e non stupida), candidato presidente di Forza Nuova.
3 - il 60% e oltre dei lombardi va a votare ed annulla la scheda con frasi inneggianti a colpi di stato e secessioni.

Comunque vada, il giorno dopo, il presidente farlocco falsamente eletto, se solo avesse un minimo di onesta (cosa che manca completamente ai sinistri di questo blog), manderebbe tutti a votare per elezioni libere e democratiche.
Sulla libertà di voto non si scherza, le conseguenze potrebbero essere veramente pesanti e si creerebbe un precedente che dovrebbe far riflettere.

Amico Padano

Anonimo ha detto...

Che dire di quelli di Radio Padania??

Dilettanti allo sbaraglio...!!
MA come si fa ad essere così ignoranti delle leggi??

frank ha detto...

a giudicare da certi commenti forse su radio padania farebbero bene a dubitare dell'intelligenza di alcuni loro ascoltatori

mozart2006 ha detto...

Questa ultima della presentazione delle liste a Roma con situazione fotocopia a Milano è la prova provante della inefficenza,improvvisazione ecc.ecc.(potete pensare a tutto senza sbagliare) di un partito che sa solo combinare disastri sui quali strilla irresponsabilmente,per dimostrare la loro "gestione" del fare o farsi ridere dietro.Questa ultima non è una situazione "strategica" è un'ulteriore barzelletta di un partito che invece di fare politica fa ridere tutto il mondo e tanto!
Non per altro i suoi dirigenti sono dei guitti da avanspettacolo di terzo ordine e discinte "signurine".
Invece delle "dimostrazioni di forza"è giunto il tempo di dimostrare responsabilità in particolare nei confronti dei propri elettori come si DEVE fare in un Paese democratico ,altro che trombonate da guitti!
Elettori del PdL e della Lega, non vi basta quello che hanno dimostrato fino ad oggi?
Il masochismo esagerato è inutile e dannoso!
Da loro non comprerei nemmeno le caldarroste,chissà come le ridurrebbero!

Anna ha detto...

@ioleggosolofeltri:
ecco, appunto si vede e si sente!


L'ingiustizzie der monno


Quanno che senti di' "cleptomania"
è segno ch'è un signore ch'ha rubbato:
er ladro ricco è sempre un ammalato
e er furto che commette è una pazzia.

Ma se domani è un povero affamato
che rubba una pagnotta e scappa via
pe' lui nun c'è nessuna malatia
che j'impedisca d'esse condannato!

Così va er monno! L'antra settimana
che Yeta se n'agnede cór sartore1
tutta la gente disse: - È una puttana. -

Ma la duchessa, che scappò in America
cór cammeriere de l'ambasciatore,
- Povera donna! - dissero - È un'isterica!...


1) Fuggì col sarto.
Trovata su www.club.it/autori

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box