martedì 1 giugno 2010

Comunque la si pensi...

... certe cose, al di là del titolo, andrebbero lette. Anche se a pubblicarle è Il Giornale.


12 COMMENTI:

Sigismondo Baldovino ha detto...

Intendi dire che ne condividi il contenuto al di là del titolo?

Alexandro ha detto...

Ottima osservazione, ma resta il fatto che un quotidiano a tiratura nazionale come quello di Feltri, non dovrebbe avere nessuno diritto di uscirsene con un titolo così.
Anzi, fammi riformulare la mia frase:
"Comunque la si pensi, certe cose, andrebbero dette con un titolo diverso".

daniele sensi ha detto...

@ Sigismondo,
non si tratta di contenuti da condividere, in quell'articolo, ma di informazioni da rilevare (e che ogni lettore potrà poi pesare con il proprio metro)

Wil ha detto...

Giustissimo Daniele, oggi Il Giornale l'ho comprato e me lo sono letto per benino, e non l'ho nemmeno criticato.

Licio Micio ha detto...

Ah che bello!

Finalmente un po' di sana e robusta controinformazione!

Non ne leggevo di così buona dai tempi di Gladio, vedrete che ora uscirà fuori un ampollina che il buon Powell di turno sventolerà al consiglio di sicurezza dell'Onu.

Onore e gloria al profeta di Castiglion Fibocchi!

Andrea P. ha detto...

le opinioni ci si fanno avendo di fronte una tesi e un'antitesi, utili per formulare quella sintesi che si avvicini il più possibile alla effettiva realtà delle cose. e allora cerchiamo di dare un quadro un po' più chiaro della situazione, altrimenti rischiamo di avere solo una versione parziale che, pur se legittima, appartiene sempre e solo a una fazione. doxa, appunto, non aletheia...

Chiara ha detto...

d'accordo che per informarsi bisogna leggere tutto, cmq per trovare queste informazioni non è necessariamente obbligatorio leggere un articolo dei pii uomini de "il giornale", degni scrivani del partito dell'amore, si trovano anche da altre parti (per dire) (è molto dura andare al di là del titolo Daniele)

El Salvan ha detto...

Video dell'abbordaggio di una delle navi. I militari vengono presi, trascinati a terra e colpiti con delle sbarre. Qualcuno lancia anche qualcosa contro un soldato mentre questi sta ancora scendendo lungo la corda.

http://www.youtube.com/watch?v=gYjkLUcbJWo

Andrea G. ha detto...

Qualcuno l'ha già scritto: quell'informazione l'avevano anche altri (vedi il Corriere) e anche se fosse stata un'esclusiva un giornale non dovrebbe mai dire "hanno fatto bene a uccidere", neanche in un boxettino, figurati in prima pagina

Spirou ha detto...

Questa non è informazione ma puro marketing, scellerato, odioso, ma resta sempre marketing (la ragione del successo editoriale di feltri)

Anonimo ha detto...

Nessuna tesi giustifica l'azione israeliana. Se avevano sospetti sulla nave bastava perquisirla all'arrivo nel porto. Tutto qui.

Panda ha detto...

A parte che l'abbordaggio in acque internazionali è stato comunque un atto illegale, quella del Giornale è lungi dall'essere una difesa efficace, anzi, semmai il contrario: se i servizi di intelligence avevano informazioni così precise, perché non agire preventivamente in via diplomatica invece di creare un disastro diplomatico? Sul piano più strettamente militare, anche commentatori israeliani moderati esprimono critiche molto dure: vd. su Haaretz http://www.haaretz.com/print-edition/opinion/a-failure-any-way-you-slice-it-1.293446
Il titolo del Giornale merita invece qualche riflessione in più: questo compiacimento (non c'è scritto "Israele *ha dovuto* sparare") per l'uso della forza e l'acritica vicinanza a una destra israeliana non priva di tratti sciovinisti e in certe sue componenti financo razzisti mi pare renda doveroso qualche caveat, soprattutto su un blog che dell'anticomunitarismo ha fatto (lodevolmente) la sua bandiera.

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box