domenica 20 giugno 2010

Pontida 2010: "Noi non siamo napoletani"



Che poi uno si chiede com'è che nessuno dica nulla, che non una voce dall'opposizione si levi per accusare di spergiuro sulla Costituzione i tre ministri della Repubblica, i due presidenti di Regione e i 370 sindaci che oggi, sul palco di Pontida, invocando una secessione da quella Carta bandita, con la mano sul cuore hanno rinnovato il loro giuramento di eterna fedeltà ad una nazione che, per quanto non esista, non porta gli stessi colori delle istituzioni da essi rappresentate.

45 COMMENTI:

gina ha detto...

Mi viene voglia di imitarli.
Qualcuno ricorda la "poesia"della Lega che invocava l'Etna di distruggere i terroni? Il Po può sostituire l'Etna?Solo ai dirigenti della Lega!Visto che non è possibile condannarli come spergiuri,per istigazione al razzismo,all'omofobia e porcate varie.

El Salvan ha detto...

No Gina, solo loro lo possono fare: se lo dici tu, è "persecuzione etnica nei confronti dei popoli padani".

devilpress ha detto...

Loro non sono napoletani ma io si. Certo non è che me la prendo per queste cazzate, impagabile Salvini che prima ci offende e poi va ad "otto e mezzo" a dire che un sindaco leghista a napoli ci potrebbe stare, ma per tutto il resto. Non ripeterò le solite formule, manca un piano di sviluppo per il mezzogiorno, disoccupazione giovanile alle stelle ecc, ma mi limito ad osservare che il diffondersi di una cultura "separatista" e cafona, anche nel sud, mette la parola fine a questo paese nel suo 150 anno di vita, e che vita! Per il resto, ok voi avete la Lega, ma noi abbiamo ancora De Mita, De Mita!!!

Jean-Marie Le Ray ha detto...

A me piace particolarmente questa parte di Bossi: «So quanti di voi sono pronti a battersi, anche milioni, ma io ho scelto la strada pacifica rispetto a quella del fucile". "La lotta della Lega - ha assicurato Bossi - non finirà fino a quando la Padania non sarà libera".»
Detto da un ministro della Repubblica, da l'idea di quanto sono schifose le mani che tengono il paese sotto la morsa...

daniele sensi ha detto...

Appunto, Jean.

Tiziano ha detto...

Come è evidente (qualora vi fosse qualche dubbio) le argomentazioni della lega sono sempre le stesse così come le rivendicazioni patriarcali di ducetto Umberto Bossi ("esiste solo un ministro. io."). Ah, dimenticavo, guai a chiamarli razzisti: mordono.

Anonimo ha detto...

Ma chi vi da il diritto di affermare che la nazione padana non esiste? Guardate che se non lo avete ancora capito le nazioni sono concetti ideologici, e quindi - per definizione - esistono dal momento che esistono persone che vi si riconoscono. O forse confondente ancora la nazione con lo stato??

Spirou ha detto...

esiste anche il diritto di contestare le idee altrui (democrazia dice niente?) quindi ci permettiamo, ci permettiamo

daniele sensi ha detto...

@ Anonimo,
siete voi a menarla con la storia che ogni lingua è un popolo ed ogni popolo è una lingua.. quindi, domanda: qual è la lingua della "Padania"? Esiste il "padano", da qualche parte? Non dirmi che una volta affrancati imporrete il lombardo (ovviamente nella sua variante varesina) su tutto il vosto -eterogeneo- popolo: rischiate una reazione a catena di secessioni interne.

Anonimo ha detto...

l'ha detto Brunetta e si può quindi dire: CHE VADANO A MORIRE AMMAZZATI.

Anonimo ha detto...

Desolante l'ignoranza di queste persone, prima dell unità d'Italia, nel meridione c'era una circolazione monetaria del doppio del resto d'Italia, c'era la piu grande acciaieria in Calabria in cui l'orario di lavoro era di 8 ore girnaliere, unica al mondo per l'epoca, con prodotto che faceva concorrenza a tutto il mondo industrializzato, il meridione commerciava per il 15% con il resto d'Italia, il resto era rivolto a Germania, Francia, Austria, Inghilterra, USA, e Russia, è vero che dopo aver costruito la prima tratta ferroviaria si era bloccata, ma perche era piu conveniente il trasporto marittimo per come era conformata la parte meridionale.
Quando Garibaldi passo in Sicilia, requisì metà dell'oro depositato nel Banco di Sicilia, lasciando una ricevuta che sarà ancora alla Banca D'Italia, che il maltolto sarà restituito alla fine dell'unificazione. Praticamente un assegno a vuoto, visto che non verrà mai restituito niente.
Per prepararsi lo sbarco contatta quelle che allora erano le progenitrici della mafia in sicilia e della camorra in campania. Prima dell'unità a milioni dal nord emigravano, nel sud zero, le cose si invertirono subito dopo, si spense l'emigrazione Veneta perchè il costo dell'unificazione fu pagato dal sud, e incominciò la colonizzazione, i Savoia in parte per calcolo, ed in parte per inettitudine distrussero quanto di buono vi era al sud e lo portarono al nord.La loro propaganda diceva che a Napoli giravano straccioni per le strade, scalzi che mangiavano spaghetti con le mani, ma non credo che a Torino fosse meglio, visto che in quel periodo in Francia, a Parigi Victor Hugo ambiente i miserabili, o a Londra Charles Dickens scrisse dello sfruttamento minorile nella nascente rivoluzione industriale con il romanzo "David Copperfield".
Ora, l'unificazione di per sè è stata una idea giusta, e nessuno vuol negarlo, ma quell' idiota di Bossi e i suoi compagni di merende, si occupassero dei ladri che hanno in casa o vicini di casa (Lunardi, Scaiola, Verdini, Bertolaso ecc.ecc) e la finisse di rompere i Maroni con Roma Ladrona, perche a Roma Ali Babà Berlusconi ed i suoi 40 ? ( solo ? ) ladroni li ha portati lui.

Enrico Cocciolillo.

Luca ha detto...

Quelli della lega sono la feccia della peggior specie, specialmente per il fatto che non sono indigeni, ma immigrati meridionali, che una volta passato il Rubicone iniziano a parlare milanese, romagnolo e dimenticano da dove sono partiti.
Schifo più quei "PADANI" che Bossi, a Bossi che cosa vuoi dire, è un esaurito, uno che non ha niente da fare nella vita e quindi impegna il suo tempo a dire stronzate.
Sono italiano del sud, ma ITALIANO

enzucciu ha detto...

Ma ve lo immaginate Bossi che, poveretto, invalido civile in conseguenza dell'ictus che lo ha colpito, disartrico, suona la tromba per incitare alla carica la sua milionata (ma quando?) di seguaci ben pasciuti armati di fucili prodotti magari in cina e seduto su una carrozzina prodotta anch'essa in cina, ma padanizzata, acquistata magari in nero e senza fattura e dipinta di verde?

David ha detto...

Sono assolutamente d'accordo. Fuori gli stranieri dall'Italia. Cominciamo magari dai padani

Anonimo ha detto...

@ Daniele Sensi,
"siete voi a menarla con la storia che ogni lingua è un popolo ed ogni popolo è una lingua.."
prima di tutto non so a chi si riferisca quel "voi" (se si riferisce ai leghisti, allora non e' riferito a me), io facevo solo notare che non sta agli altri decidere la nazionalita' di un individuo (o, tanto meno, di un gruppo), e' uno dei diritti base dell'uomo.

@Spirou
e da quando in qua la "democrazia" vi da il diritto di decidere di che nazionalita' sono gli altri? Casomai vi da il diritto di portare argomenti a favore di una vostra opinione, ma non certo di affermare quale nazioni "esistono" e quali no (non obbligtemi a fare il parallelo scontato con lo Stalinismo, dai....). Certo, tu puoi permetterti di dire tutto cio' che ti pare (almeno sui blog...) ma cio' non lo rende di per se' legittimo, e tanto meno democratico. Cosi' come non e' ne legittimo ne democratico dire che la Palestina non esiste (Ti ricorda niente?)
Sirin

Gioann Pòlli ha detto...

@Daniele: che lingua si parla in Svizzera? Lo Svizzero? E in Canada, si parla forse il canadese? E in Spagna, si parla forse ufficialmente soltanto il castigliano? In Belgio si parla il Belga? E, in Olanda, soltanto l'olandese? E nel Regno Unito l'unica lingua ufficiale è l'inglese?
Sai benissimo che, sulle questioni linguistiche, posso risponderti come e quando vuoi, e anche con una certa (per una volta scusami l'immodestia) competenza. Citami soltanto un passo, che sia uno, in cui un "leghista" vuole imporre il "lombardo" o il "veneto" o il "piemontese" come "lingua padana"...
Certe volte, purtroppo, le cavolate dette o scritte da alcuni "leghisti" poco furbi o poco davvero "leghisti", ti portano ad avere le tue ragioni. Perché allora andare per forza a cercarti tutti i torti su un argomento come questo?

Gioann

ilmetapapero ha detto...

Da napoletano non posso non esser contento che l'abbiano specificato, che "loro" non sono napoletani

Anonimo ha detto...

@ Ex-amico padano

serve ricordarti che personaggi illustri come Gentilini o Zaia sono stati condannati al silenzio ?

forse perchè i loro linguaggi sono sempre stati aulici e rispettosi del prossimo???

Inoltre di Zaia si annovera anche un'originale interpretazione delle regole del Codice della Strada che valgono per i comuni cittadini, ma per lui non!
Infatti ritiene assolutamente normale di viaggiare all'andatura di crociera di 190 km/h mettendo a repentaglio l'incolumità pubblica!
Ed avendo ricevuta una multa decide di non pagarla!

BESTIA!

daniele sensi ha detto...

Impegnato in una trasmigrazione hardware mi è difficile seguire -e moderare- la discussione. Invito pertanto TUTTI ad attenersi ad un livello di confronto civile.

daniele sensi ha detto...

Possiamo evitare certe pessime battutacce sulle condizioni fisiche -personali- di Bossi? grazie.

Spirou ha detto...

@ Sirin: Ti risulta che abbia illeggitimamente imposto con un fucile o un forcone la nazionalità a qualcuno?
Credi alla nazione Padana? Credi di essere padano e non italiano? Questo è un problema tuo.


Piuttosto, parlando di democrazia e stalinismo (non era il comunista Bossi che raccoglieva soldi per Pinochet negli anni '70?) a me fanno specie le dichiarazioni di un rappresentante delle istituzioni italiane che afferma che "ha dovuto scegliere (quasi suo malgrado)la strada della democrazia piuttosto che quella del fucile", che nel suo significato esteso sta per guerra civile.
Posso immaginare nella loro follia contro chi avrebbero rivolto queste "potenti armi di democrazia".

Giulia ha detto...

Ogniuno sì, ha il diritto di pensare, di credere e di dire ciò che vuole.

Giudicar le cavolate di uno per aggiungerne delle proprie credo però sia proprio una barzelletta.
I gruppi, di qualsiasi tipo a mio parere, hanno estremisti e gran deficienti che straparlano.
L'estremismo è una delle forme di ignoranza che più funziona in Italia.

Invece di ignorare o piuttosto, giudicare TUTTI gli estremi in giro vi rispondete:

''Lui ha detto così, gli altri han detto cosà.''


Siamo in Italia, appunto, di tutta un'erba facciamone un sacco, UNITO, parliamo dell'insieme che è una merda, non dei pezzetti che la compongono.

Metterci a puntualizzare è perder tempo.

Anonimo ha detto...

Per quanto mi riguarda vedo uno spergiuro "forzato". Non si può infatti cercare di cambiare qualcosa chiedendo semplicemente e gentilmente al delegato nel partito "nazionale" (magari ad un milanese come La Russa o all'ex Craxi) d'intercedere per portare avanti le proprie legittime istanze, perchè semplicemente si è ignorati dal "palazzo" a cui conta solo il numero di voti. Preferibilmente da ottenere il più facilmente possibile (magari “comprandolo”). Perciò l'unico modo è partecipare attivamente alla cosa pubblica e se per farlo ti obbligano a giurare, formalmente lo fai. Perchè sei obbligato, non perchè te lo senti. Poi se la tua proposta ha seguito, la porti avanti, sennò t'adegui. La censura alimenta e non estingue le legittime pretese.

L'art.5 recita: "La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell'autonomia e del decentramento."

Si ricordano sempre solo due parole e non tutto il resto. Ovviamente anche chi si spaccia come paladino della costituzione e dello Stato italiano (uno e indivisibile) viola la sua stessa carta perchè mina la coesione sociale creando i presupposti di un conflitto sociale per la "sopravvivenza" nel medio-lungo periodo.
Senza recepire concretamente, attuandolo, il concetto semplice del "più ampio decentramento amministrativo", c'è solo l'ipotesi della rottura (il costo insostenibile del federalismo è tutta una balla e se volete ve lo spiegherò volentieri).
Da quando in qua poi uno Stato è unito e coeso perchè è "scritto"? L'unità dev'essere un patto leale fondato sulla comune volontà popolare di percorrere un cammino assieme: perseguendo Obiettivi Comuni, lavorando Insieme per la crescita e lo sviluppo, avendo fiducia ed una Comune visione del futuro.
Nello stato italiano tutto questo è disatteso. Quindi: o si rifonda lo Stato partendo dalla sua costruzione istituzionale centralista, proseguendo poi sulla leale condivisione di comuni obiettivi; oppure si prosegue su due cammini differenti dato che non c'è una comune volontà, una comune visione del futuro e uno spirito di leale collaborazione.
Poi sui cori del fiero di non essere napoletano, ecc... lasciano il tempo che trovano. Le cronache e gli avvenimenti quotidiani sono sotto gli occhi di tutti coloro che s'informano. Ognuno poi sceglie liberamente di essere fiero di un modo di essere. Quello che ritiene più opportuno e coerente con la propria storia: personale, familiare, o della propria comunità.

Cordialmente
un cittadino Lombardo

Gaspare Silvestri ha detto...

Sempre più ultras e meno elettori, per questo vince il presidente del Milan.

nonunacosaseria ha detto...

mi son permesso di scrivere una cosetta anch'io sul mio blog, a tal proposito.

http://nonunacosaseria.blogspot.com/2010/06/hai-capito-lumberto-ecco-cosa-intendeva.html

mozart2006 ha detto...

Dedicato ai giornalisti.
Ma perchè l'informazione non fa un piccolo esame di coscienza? Se oggi la Lega si permette di dire qualunque cosa è perchè ha goduto fin qui di particolari benevolenze. Sarebbe bastata l'ampolla del "Dio Po" per distruggere qualunque reputazione; sarebbe bastato a qualsiasi altro partito evocare trecentomila fucili pronti a sparare per provocare reazioni preoccupate e, sicuramente, uno sciopero generale. Ma tutto questo non è avvenuto, sicuramente perchè la Lega gode di protettori in grado di condizionare gli editori e i politici. E adesso, fingete di meravigliarvi?

Anonimo ha detto...

uno come daniele sensi secondo me nella vita nn ha mai avuto incontri ravvicinati cn qualke meridionale o per meglio dire napoletano...e forse per questo ke ragiona come un balordo,le sue parole e le sue risate mi fanno immagginare ad una faccia di pene che nn ha mai avuto il coraggio di affrontare moralmente e fisicamente uno di noi,e semmai dovesse capitarti di incontrarne qualcuno nn scappare cm tutti i tuoi simili,siete solo merda che ha voce,e poi secondo me avete problemi anche cn il sesso,dato ke ogni volta che sono salito sopra,ho scopato per tutti i minuti che avevo a disposizione,e le troie godevano e allo stesso tempo pregavano per voi ke diventaste cm noi.....ma io ho sempre detto,non ci sono paragoni,tra uomini e burattini nelle meni di algerini ,tunisini,marokkini,ecc ecc ecc,siete la merda d italia....NAPOLI REGNA

daniele sensi ha detto...

Anonimo,
tu sei moolto confuso.

Anonimo ha detto...

e xkè sarei confuso?ciò ke ti ho scritto è pura verità....solamente la realtà dei fatti!!!!!!!!

daniele sensi ha detto...

Anonimo,
ripeto: tu hai le idee mooolto confuse. Osserva meglio questo blog -non dico leggerlo....- e capirai.

Gioann Pòlli ha detto...

@mozart2006: sull'informazione e sul rapporto tra i giornalisti e la Lega hai le idee molto confuse, e la memoria molto labile.
Bene, trovami un solo articolo di giornale, un solo servizio radiotelevisivo che "elogiava" la manifestazione del 1996 nella quale, per la prima volta, si raccolse l'acqua sul Monviso per versarla nella laguna di Venezia.
Facevo il giornalista già da parecchi anni, e non certo a "la Padania", che non esisteva ancora. Ma ricordo molto bene le "indicazioni" (leggi: veline) che circolavano nelle redazioni. Un solo ordine: sminuire, sminuire, sminuire e sbeffeggiare, inventandosi anche la storiella del "dio Po" che nessun leghista ha mai invocato. Credimi, conosco MOLTO da vicino quegli eventi.
Così, malgrado le strade intasate in tutto il Nord (e i servizi della televisione svizzera che raccontavano cose ben diverse rispetto a quella italiana), passò quel famoso concetto di "quattro gatti sul Po" che tali non erano. Ti giuro poi su chi ho più caro, che nei gazebo sparsi ovunque per votare per l'"indipendenza della Padania" (ho messo le virgolette, contento?), accorrevano persone che con la Lega non avevano mai avuto a che fare. Questo MALGRADO TUTTA LA STAMPA non facesse che spaventare, irridere, condannare. Altro che "protettori in grado di condizionare editori e politici". Mi viene troppo da ridere.

Gioann Pòlli

Anonimo ha detto...

che cosa devo capire più??voi non collegate cervello e bocca,i meridionali hanno costruito e stanno costruendo case ospedali cliniche supermercati nella vostra lurida terra,grazie a noi molte merde come te hanno la possibilità di progredire,e voi dite all italia che ci odiate,ma mai nella vita ho incontrato una merda che me l abbia detto in faccia guardandomi negli occhi,e credo che diventerò vekkio aspettando quel giorno...non siete altro che vermi ai piedi di un verme,avete paura di voi stessi come potete dare protezione alla vostra troia??io ho parenti che sono diventate merde come voi,e quando scendono a napoli per "vacanza",sembrano tante pecore senza pastore,rincoglioniti senza palle,come tutti voi d'altronde...mi rivolgo anche ai giovanissimi padani,ribellatevi a queste merde,e se per caso qualcuno di voi vorrebbe lezioni di vita scendesse a napoli,qui si impara a vivere a lottare,a superare problemi,che voi merde nn avete nemmeno la minima idea,a me basta essere napoletano,per essere felice e fiero,odiati da tutti affrntati da nessuno,il vostro odio ci rende più forti....sempre e solo w il meridione

stefano c. ha detto...

anonimo, te la stai prendendo con la persona (il blogger) sbagliato...

Anonimo ha detto...

@Anonimo: Sensi è tutto tranne che un "nordista" che sposa le cause leghiste. Stai prendendo un granchio colossale.

Dei notai Pipitone, dei dottori Brega Massone, dei Toto Riina esuli dalle loro terre qui a Milano e hinterland che richiamano altri “picciotti” in zona (familiari compresi), di mafiosi calabresi che riciclano i loro sporchi denari cementando il verde che c'è in Lombardia, lo smaltimento dei rifiuti di Napoli &co ecc... ne faremmo volentieri a meno, anche se purtroppo sono "favoriti" dai partiti nazionali. Forse un po' di spirito critico ti farebbe bene. Sparare sul meridione e a chi lo sostiene è troppo facile e non mi ci metto neanche per non abbassarmi a certi livelli.
Spero solo che al sud gente come te sia poca (ho i miei dubbi), perchè poco informati, sopravvalutano l'attuale società meridionale e non si rendono conto dei Gravi problemi che causano a tutta la collettività che fa parte dello stato italiano, convinti d'essere nel giusto (sia di reputazione che di danno fisico). E' questa presunzione che crea ulteriore divario e conflitto sociale tra le estreme aree dello Stato. Alimentando divisioni e “tentazioni”.

Ribadisco che questo blog non è leghista e che Daniele è tutto tranne che un secessionista, indipendentista padano. Il paradosso è che gente come te alimenta e giustifica chi crede che il meridione sia definitivamente perduto e che meriti di camminare o di andare alla deriva da solo, visto che ha tutti i mezzi a disposizione e dispone di "enormi" potenziali.

Concludo dicendo che l'insulto e la violenza verbale gratuita è sintomo di pochezza, se non di mancanza di contenuti, per cui spero che la prossima volta, caro anonimo "borbonico", tu possa argomentare con maggior esaustività e precisione, nel limite delle competenze e delle informazioni che abbiamo, le tue argomentazioni.

Cordialmente
Un cittadino Lombardo

gina ha detto...

Scusa,Daniele se mi permetto.
Credo che non pubblicare commenti volgari e"sboccati",non è censura.
Non è questione di moralismo,ma la volgarità non mi pare in linea ne con il blog,ne con te,visto il tuo imbarazzo.
Sono daccordo sul fatto che non si scherza,ne infierisce sulle disabilità di nessuno.

Anonimo ha detto...

Quoto gina, anche io "toglierei di mezzo" certi commenti inutili e offensivi.
Specialmente l'ultimo anonimo (il troll), poi, oltre a volgarità ed insulti vari, non sembra abbia da dire chissà che...

PS: ... da semplice lurker, meridionale e antileghista, colgo l'occasione per ringraziare di cuore Sensi per il suo ottimo lavoro :)

Anonimo ha detto...

cara Gina,

la disabilità del minkione di Gemonio se l'è voluta lui!
Lo sappiamo bene cosa gli è successo quella notte.... quando (forse per imitare il cavaliere di Hardcore) si è sparato due compresse di Viagra!
E' andato in Svizzera a farsi curare e magari oltre ai 4 o 5 appannaggi di parlamentare e ministro piglia pure l'invalidità!

E allora che se la gratti, si ma stando chiuso a casa non in giro a sproloquiare di secessione!
Lazzarone d'un lazzarone che non ha mai lavorato un giorno in vita sua.
E alla stessa maniera ha trovato la via per ingrassare la famiglia e il figlio IDIOTA che ci ha messo 3 anni a prendere la maturità!

VERGOGNA!

A me non fa pena neanche un po'!

Anonimo ha detto...

Qs coro viene cantato in tutti gli stadi d'italia, dal Sud al Nord, però li va bene!!!!!

Anonimo ha detto...

Buongiorno Anonimo, susa se mi permetto, quindi a te par normale paragonare i cori degli ultras a quelli dei nostri ministri ? Sinceramente mi piacerebbe essere governato da qualcosa di più di un ultras medio. La cosa più grave è che questi cori, come il tifo contro l'Italia, nascondono solo un enorme vuoto intellettuale, se non urlassero beceri slogan credo proprio non avrebbero nulla da dire e non sarebbero notati da nessuno. Comunque, se mai un giorno, veramente la "padania" dovesse diventare indipendente e governata da questi figuri, mi spiace, ma io, impredintore milanese, i miei soldi e relativi posti di lavoro li vado a portare al sud. So che la cosa non ti spaventerà, con una classe dirigente come quella di questo video non potrete che far faville. Ai miei Compaesani, che abitano nel meridione d'Italia, mando solo un messaggio, questi che vedete a pontida sono una minoranza dei cittadini settentrionali, solo in poochissimi ragionano in quella maniera, io personalmente, pur abitando a Milano non ne conosco neanche uno, ma forse per farlo invece di lavorare dovrei andare ad avvinazzarmi in qualche bar del varesotto.
Cordiali saluti a tutti gli Italiani

gina ha detto...

@ anonimo"impietoso".
Non è di pietà che parlo ma di educazione famigliare e culturale: per me l'altro non è l'altro da me ma,l'altro me.

Anonimo ha detto...

@ imprenditore italiano

lo hai capito anche tu che urlano tanto proprio per nascondere il vuoto delle loro proposte!

Solo le bestie in cravattino verde non hanno ancora realizzato!

Hai ragione, qui nel varesotto sono tutti ciucatoni!!!

Ma pensate cosa stava per passare ieri in Senato sulla manovra!
Un emendamento della maggioranza per ripristinare il condono tombale fiscale ed edilizio e sanare abusi ANCHE IN AEREE PROTETTE E SOGGETTE A VINCOLO PAESAGGISTICO/AMBIENTALE!

e LORO? Quelli che son cosi tanto radicati nel territorio?

Zitti come pesci!

bestieeeeeeeeeeeeeeeeee!!!

Filippo ha detto...

Penso che dovremmo finirla con questa storia della padania...
Voi leghisti dovete rassegnarvi,la padania non esiste e non esistera' mai!!!!
Ne a voi ne a qualcun'altro sara' mai concesso di dividere l'italia.
La deriva che avete preso voi leghisti non fara' altro che danneggiarvi.Non vi accorgete che state sul ca..a milioni di italiani?io farei qualsiasi cosa per difendere la mia PATRIA anche camminare sui vostri cadaveri.Smettetela una volta per tutte e impegniamoci tutti a fare dell'ITALIA un grande paese!!!!

Ps.@anonimo napoletano

sono meridionale come te,ma hai preso un enorme granchio....Daniele Sensi è un grande!!

Francesca ha detto...

l'ho detto al mio parroco che mi invitava alla calma.... essere leghisti non vuol dire avere idee politiche, ma avere IDEE ABERRANTI!

Contrarissime a quanto predica il Vangelo, alla faccia del loro riteneresi gli unici depositari dei valori della religione cattolica!

E allora la Chiesa, perchè non li ha scomunicati?
Mio nonno dal prete non ha manco avuta la benedizione quando è morto perchè era comunista!

E allora, di cosa stiamo parlando?

Fabrizio di Palma ha detto...

La maggior parte dei leghisti è di un'ignoranza abissale! Io li vorrei davvero vedere da soli senza la Costituzione in quanto se lo farebbero mettere in c... da Bossi con un colpo di stato ed una dittatura militare!

domenico ha detto...

Questa e' gente che ha problemi seri ..

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box