mercoledì 7 luglio 2010

Il Trota alla guida dei Giovani padani

Le prime vittime della guerra per la successione scoppiata in seno alla Lega? I Giovani padani. Il cui coordinamento pare verrà affidato a Renzo Bossi, dall'alto, senza alcuna conferenza, senza alcuna consultazione tra gli iscritti. La democrazia interna può attendere: c'è da riportare la leadership a Varese. Che i giovani del partito se ne stiano buoni e bravi ad ammuffire sotto i loro gazebo a distribuire salamelle.

d.s.

17 COMMENTI:

Miki ha detto...

E' la forza della Lega:almeno in essa se medesima si capisce chi comanda. Non come il piddi'. L'importante che nei posti che contano ci mettano Borghezio o Gobbo. O qualcuno che sappia buttarla in vacca con classe

Anonimo ha detto...

Assieme alla distribuzione delle salamelle hai dimenticato quella dell'ignoranza.
A piene mani ed a buon prezzo...

Anonimo ha detto...

Probabilmente se bossi decidesse di sacrificare una vergine accoltellandola alle foci del Po i suoi lo giustificherebbero in nome del carisma del capo, quindi ci sta che la trota venga eletta come se fosse il figlio del re...
ci sarà qualche leghista intelligente che disapprova? O leghista e intelligente non possono stare insieme?
elena

Anonimo ha detto...

Chi di trota ferisce di trota perisce...ben gli sta!

(ma vi immaginate se Bersani avesse fatto la stessa cosa?)

Fred

Anonimo ha detto...

Scelta decisamente opinabile. Di questo passo non resta che un lento declino, anche perchè la lega perderebbe nell'immagine del partito "nuovo e diverso". Un suo punto di forza. Diventa così sempre più omologato al resto. Come dare torto poi a quelli della Liga Veneta se non riconoscono nell'alborella di Bossi una guida carismatica? Non è una questione di sangue come invece avveniva nelle reali successioni del XV sec.
Sapendo d'essere vecchio, Bossi sta preparando la strada ai suoi figli. Legittimo. Il risvolto però sarà un calare di consensi e un calo di credibilità per la poca coerenza e lungimiranza. Mentre ci sarà la "casata bossiana" in cerca di potere dentro al movimento, le questioni aperte (socio-economiche) cresceranno e non trovando un interlocutore credibile che dia risposte concrete, s'intensificheranno. Oltre che fiuto politico serve anche la lungimiranza sennò si rimane sempre alla programmazione di breve periodo. Fin che la va, la va...

cordialmente
un cittadino Lombardo

El Salvan ha detto...

Che strano, ancora nessun leghista ha scritto nulla del tipo "ehhh ma voi komunisti avete fatto la stessa cosa nel 1714 nella sezione giovanile del circolo di Busgate sul Piave...".

Anonimo ha detto...

"Sapendo di essere vecchio Bossi sta preparando la strada al figlio. Legittimo"
Caro cittadino lombardo, no, non é legittimo, é assurdo, é per caso un dinastia reale, o é un partito? No, perché Bossi ha anche una nipotina, per ora é piccola, ma se va avanti così potrebbe essere lei al secondo posto nell'asse ereditario!
elena

Anonimo ha detto...

@elena: Non estrapolare la frase dal contesto. Legittimo solo perchè non si commette nessun reato penale. E' solo una questione etica, e se come ho sentito, oltre a renzo, bossi sta preparando il terreno anche per l'altro figlio 19enne. Beh... ne pagheranno le conseguenze. Mentre si litigherà su successioni e quant'altro, i problemi restan lì. Anche in questo caso ci saranno delle conseguenze. Non difendo mica il nepotismo e la raccomandazione per via di sangue. Mai sostenuta fino ad ora nè la sosterrò in futuro.

cordialmente
un cittadino Lombardo

Anonimo ha detto...

@cittadino lombardo: vedi, é nelle tue parole il problema, non si tratta di un reato penale, questo é ovvio, non é "solo" una questione etica, dovresti togliere il "solo" perché qua, a forza di ignorare le questioni etiche, guarda dove siamo arrivati. Per un politico, l'etica dovrebbe essere la parola chiave, temo che molti dei nostri politici ne ignorino proprio il significato. A cascata, perciò, si é perso il senso, adesso siamo al familismo medioevale, all'interesse personale economico e via dicendo...Non so a te, a me tutto questo fa orrore.

Anonimo ha detto...

l'elezione di Bossino la trota non è che la goccia che DOVREBBE fra traboccare il vaso... come mai i padani non si accorgono delle altre 10.000 contraddizioni della celtica ammucchiata? BOSSI il trota è DIVENTATO UN PUBBLICO DIPENDENTE .... E LE PROVINCIE cambaito idea... non si eliminano, no. Quel tipo di pubblica amm. non si tocca... ma vadano a dar via i ciapp

Tiziano ha detto...

aiaiai altra bella botta alla lega di governo: ritirato l'emandamento che prevedeva la sospensione delle multe per lo sforamento delle quote latte.

http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/politica/2010/8-luglio-2010/quote-latte-blitz-lega-galan-minaccia-dimissioni-1703349108824.shtml

tra Brancher e Galan la credibilità leghista ne esce a pezzi

Anonimo ha detto...

Brancher e Galan son due pezzi da 90 della Fininvest e del PDL per essere più precisi.

un cittadino Lombardo

Tiziano ha detto...

Sarò più esaustivo per evitare fraintesi.
I leghisti ne escono male per due ragioni ovvie: il federalismo è diventato nel caso Brancher un pretesto per istituire un ministero ad personam (è chiaro che la lega sapesse quali fossero le reali ragioni di questa nomina, salvo fare dietrofront a putiferio scoppiato), mentre la bocciatura dell'emandamento sulle quote latte con relativi sfottò di Galan ("si rassegnino, siamo in Europa") è una sconfitta notevole rispetto agli interessi di governo e degli alleati. Per non parlare degli allevatori.

Anonimo ha detto...

@Tiziano: ho capito ora dove vuoi arrivare... sono d'accordo fino ad un certo punto. D'accordo perchè effettivamente più di una volta la LN s'è dimostrata un po' goffa nel muoversi nell'arena politica avendo poi problemi nella comunicazione. In disaccordo per il semplice fatto che una porzione di maggioranza non può fare la guerra a tutti, soprattutto se elettoralmente rappresenta una minoranza. Ora, Brancher nominato così last minute (x evidenti motivi) con un ministero che va a minare l'immagine della Lega "motore" del federalismo, per di più con l'avvallo della Lega stessa, mi sembra un po' troppo. Anche perchè troppo stupido. Che motivo avrebbero d'indebolire la loro immagine? Quale vantaggio trarrebbero, viceversa, se per eccessivo zelo i leghisti facessero cadere ora un governo per le innumerevoli e deprecabili azioni pdlline, senza poi aver concluso nulla di concreto? Opposizione a vita? Se lo devi far cadere devi convincere l'opinione pubblica che le riforme con il pdl non le poi fare, sennò ci vai di mezzo pure te. Al momento c'è ancora chi nutre la speranza che si possa riformare questo Stato, con questa gente a rappresentarlo e difenderlo.
Galan è il classico spaccone. Io son l'unico sveglio, tutti gli altri son scemi. Già uno che urla "il Veneto sono io" la dice lunga, poi prendi il suo partito ed è come mettere la ciliegina finale.
Il pdl è un covo di squali, massoni e mafiosi. Difficile ammazzarli apertamente se non vuoi essere sopraffatto. Bisogna sperare che facciano dei goffi errori per la loro eccessiva ed ostentata sicurezza. Solo così si elimineranno, senza neanche sporcarsi le mani più di tanto. Nel frattempo come giustamente hai sottolineato ci van di mezzo i comuni cittadini e finchè a decidere saranno in maggioranza gente come i Verdini, i D'Alema, gli Scajola, i Loiero, i Del Turco, i Bassolino, i Bocchino, i Casini, i Fini ecc. non c'è molto da aspettarsi. Finchè li si vota difficile cambiare la situazione.

Cordialmente
un cittadino Lombardo

gianni ha detto...

c'e' ancora qualche persona di bocca buona che crede nella "diversità" della lega ? sul serio ? candidi gigli...

la lega e' nata ed e' stata sviluppata come creatura personale per dare un impiego e una prospettiva di vita ad un individuo che non ne aveva alcuna. ora quell'individuo ha fatto la sua vita e ha trovato (e piu' che bene) come campare.

la lega era ed e' una creatura personale, e come tale viene trattata, passandola di padre in figlio (o figli).

c'e' anche qualche figurante che cerca di trarne, cosi' come il creatore, dei vantaggi personali, ma finito lo scopo per cui la lega e' stata creata, finira' anche la lega.

Anonimo ha detto...

I leghisti hanno capito negli ultimi 20 anni che: o dici di si a via Bellerio, o ti buttano fuori. Siccome è meglio stare dentro che fuori e non poter migliorare le cose, i leghisti "furbi" dicono "si" a via Bellerio, e poi fanno quello che reputano giusto. Reputo la scesa in politica del trota una pietra tombale sulla Lega Nord.

andylenny ha detto...

Premesso che un'opposizione decente non c'è; premesso che se anche ci fosse noi italiani non la sosterremmo in quanto abbiamo la stronzaggine nel DNA; premesso che noi italiani amiamo farci comandare a bacchetta dal padre padrone di turno; premesso che noi italiani amiamo sguazzare nell'ignoranza e nella creduloneria. Premesso tutto questo, credo che la mossa della Lega sia un'enorme zappata sui piedi (per loro, ovviamente). Ho fiducia che, non potendo venire sconfitti dall'esterno, questi partiti si autodistruggeranno candidando persone così mediocri, ignoranti e prive di personalità che nemmeno il popolino più becero avrà il coraggio di votarli; e quand'anche questo succedesse, non sarebbero in grado di mantenere il potere, talmente è grande la loro incapacità.

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box