venerdì 9 luglio 2010

Luca Sofri, un blogger che raglia

Scrive Luca Sofri:
La cosa di lana caprina che volevo invece aggiungere qui è quanto mi sembri priva di fondamento, nella sua esposizione che tutti sbandierano, la tesi per cui sarebbe assurdo protestare col silenzio contro una legge che pretende il silenzio. Son tutti lì a ripeterlo convinti di aver pensato una cosa furbissima e ovvia assieme. Ma lo sciopero è uno sciopero, e impone la sottrazione dal lavoro. Anche gli operai minacciati di perdere il lavoro scioperano e quindi non lavorano, e nessuno va a dire loro che è una sciocchezza protestare contro il rischio di non lavorare non lavorando.
Ecco, sicuramente impegnato nell'elaborazione definitiva di una teoria unificata della fisica che finalmente tenga assieme l'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo (dove per infinitamente grande s'intende l'iPad e per infinitamente piccolo l'iPod) al più brillante blogger del mondo dev'essere sfuggito uno di quei dettagli da niente per i quali tuttavia passa la differenza tra una cima e un ciuccio: il ddl intercettazioni non minaccia alcun posto di lavoro: non vi sono rivendicazioni contrattuali nella protesta in atto e gli operatori dell'informazione, più che per se', stanno battagliando per i propri lettori.

Pessimo è il risveglio nel Paese dei balocchi.

d.s.

18 COMMENTI:

gina ha detto...

Se in questa giornata di auto-imbavagliamento dell'informazione,manganellano i scioperanti di...,immagino la felicità dei promotori della legge bavaglio.
gina.

FMC62 ha detto...

Pienamente d'accordo con te, bisogna urlare non stare zitti

Anonimo ha detto...

Il concetto del paragone - che si chiama così perché paragona cosa diverse in condizioni simili - ti sfugge, evidentemente. Quella a cui ti riferisci tu, contestandolo, si chiama uguaglianza. Ciao, torno a giocare con iPad. Luca

Nicola Di Turi ha detto...

senza contare il fatto che tra le varie categorie di sciopero (bianco, selvaggio ecc..) esiste quella dello "scioperare lavorando", o anche presentarsi sul luogo di lavoro e incrociare le braccia in segno di protesta..oppure uscendo in edizione straordinaria (i giornali), come si sarebbe potuto fare.

fededambri ha detto...

Occhio che Il Post viene riempito di articoli anche oggi con sopra questa dicitura:
Il Post partecipa allo sciopero deciso dalla Federazione della Stampa e dalla Federazione degli Editori di Giornali per esprimere la propria ostilità al progetto di legge sulle intercettazioni proposto dal Governo, e quindi oggi non aggiorneremo il sito e non seguiremo l’attualità. Avremmo preferito iniziative di protesta più costruttive ed esemplari, ma le proposte in tal senso non sono state accolte e aderiamo quindi alla decisione presa. E offriamo ai lettori, al posto degli aggiornamenti, una scelta libera di articoli pubblicati sulla stampa negli anni passati, per parlare di buon giornalismo e perché uno sciopero non sia solo un’assenza.

Anonimo ha detto...

Concordo con Luca.
Sarebbe stato molto meglio...una roba tipo uscire a copertine "unificate".
Inutile il silenzio. E poi domani cosa fai..esci con articolo di quanto sia stato figo aver mantenuto il silenzio?
grace

mozart2006 ha detto...

A me questa storia della giornata di silenzio ricorda il marito che si era tagliato gli attributi per far dispetto alla moglie.

Pietro Errante ha detto...

Non solo ti quoto in tutto e per tutto ma ti ho pure rubato - con permesso - il bannerino.
(Potevo farlo, vero?) :-)

daniele sensi ha detto...

Certo, Pietro.

fcoraz ha detto...

Credo che il buon Sofri Luca non sia confrontato preventivamente con la brava Bignardi prima di affermare questa amenità.

Alessandro Massa ha detto...

ma no, secondo me è un insulto raffinato. ti ha detto che sei molto peggio di Gianluigi Paragone.

Tiziano ha detto...

Bravo Sofri, continuiamo a farci del male con tante piccole discese dall'Aventino

Anonimo ha detto...

Luca Sofri e' INSOPPORTABILE.

Anonimo ha detto...

Io credo che siccome la protesta non era degli editori ma dei giornalisti, gli stessi non potevano dare copie gratis del giornale, a meno che non si accollassero tutte le spese, e poi non capisco, perchè se sofri ha espresso un suo punto di vista raglia....MAH

mescalito

Gianluca Aiello ha detto...

Non credo che i giornalisti stanno protestando principalmente per i propri elettori.
Il DDl intercettazioni, prevede che molto materiale oggi pubblicabile non lo sia più. In pratica giornalisti e giornali avranno meno materiale su cui lavora e per riempire le pagine. Vuole comunque dire meno lavoro anche per loro.

Laura ha detto...

L'auto-imbavagliamento è stata la prima idea che è venuta in mente a quelli della Fnsi. Ed era una pessima idea. Bisognava uscire con un'edizione speciale di distribuzione gratuita. Invece di incrociare le braccia a far nulla. E il paragone di Sofri è davvero incongruente. Se gli operai scioperano si ferma una produzione. Se i giornalisti stanno zitti, la gente non se ne accorge.

Anonimo ha detto...

luca sofri vive nella realtà 2.0, lì tutto è differente, va capito

anellidifum0 ha detto...

bravo Daniele, perfettamente d'accordo. Per Baby Sofri, che vuoi farci. Se avesse un altro cognome, non sapremmo nulla di lui.

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box