mercoledì 14 luglio 2010

"Succube di una donna troppo giovane"


E' un uomo di oltre sessant'anni che ha sposato una donna giovane, la quale probabilmente ogni mattina gli dice: "ma dai, Gianfranco, tu non devi farti mettere i piedi in testa da Berlusconi... tu sei più bravo, tu sei più bello, tu sei più forte".

(Gianfranco Fini visto dal
condirettore del Giornale, Alessandro Sallusti,
ospite di Radio Padania)



19 COMMENTI:

Anonimo ha detto...

per sapere quello che gli dice la moglie di fini,si vede che c'è anche lui in camera da letto,e cosa ci fa li?Scrolla le balle di fini dopo il coito,perchè solo questo può fare di mestiere un defficiente simile

Cesare ha detto...

Tutta invidia. Anche Sallusti vorrebbe una donna giovane

Anonimo ha detto...

Insomma tanto per cambiare è colpa di una donna? Ma che se ne vadano a quel paese quei porci maiali maschilisti!

gianni ha detto...

giornalismo da camera da letto. e' una nuova frontiera ! complimenti a mortimer sallusti che ha inventato un nuovo genere giornalistico...

Anonimo ha detto...

Ha parlato il grande giornalaio "Nosferatu".

Si deve sciaquare la bocca con l'acido muriatico prima di parlare di Gianfranco Fini questo giornalista da tappetino.

alduccio ha detto...

In un altro articolo contra personam, Il giornale scrive che Fini vuole ingraziarsi certe procure .

gioann pòlli ha detto...

mah, solo per amore di verità, a me non pare che il "giornalismo da camera da letto" sia stato proprio inventato da Sallusti... Non mi pare fosse lui a farsi venire i pruriti su cosa succedesse o meno nel famoso "lettone di Putin".
Detto questo, sono "argomenti" dei quali non sentivamo assolutamente la mancanza e che ancora una volta la dicono lunga sul livello del dibattito in questa italietta. Anzi, fino a due anni fa, per una sorta di pax multipartisan in vigore da sempre, la vita privata dei politici era assolutamente off limits per la stampa, a differenza di ciò che succede da tempo immemorabile all'estero. Ci si è voluti adeguare all'andazzo? Ora non ci si lamenti, evvia.
Ciò detto (è estate, fa caldo e questo è un argomento puramente estivo) ci casco anch'io. E non posso fare a meno di notare che, sarà pure una coincidenza, ma da quando la vita privata di Fini ha preso una certa strada, lui non abbia saputo azzeccare una mossa politica che sia una. C'è cascato in pieno nel "predellino", ma con un piede solo. Con l'altro ha continuato a lavorare per regalare tutto il suo elettorato del Nord alla Lega, salvo poi lamentarsene. E poi ha iniziato a lagnarsi che il post-predellino gli va stretto, ma da li non ne può uscire. Sinceramente non me ne faccio un cruccio, ma continuo a pensare un po' compiaciuto a quanti giri si deve essere fatto nella tomba e quanti se ne sta facendo ancora il suo grande mentore, Giorgio Almirante.

Gioann Pòlli

Anonimo ha detto...

Certo che a volte si leggono cose che fanno a pugni con la logica: che le storie di letto del premier non fossero private mi pare evidente. Torme di ragazze, alcune pagate a sua insaputa, senza nessun controllo, procurate da un tizio che spacciava pure coca in giro, feste con minorenni, aerei di stato pieni di gnocca, scusate il termine, per giustificare l'immane sciocchezza detta da Sallusti? Ma per favore...
E comunque, una persona che occupa cariche pubbliche, dovrebbe, anzi deve, avere una vita trasparente: chi ce l'ha una vita trasparente, Berlusconi o Fini?
elena

Anonimo ha detto...

ma quelli di radio padania si fanno di crack???
hehehehe

Anonimo ha detto...

molto meglio Fini che porta bene i 60 di un Sallusti brutto, misogino e di età indefinita... brr... che brutto.

Gioann Pòlli ha detto...

@elena: il mio era soltanto un "pour parler" del tutto estivo. Le vicende di Berlusconi, Fini e Sallusti mi interessano quanto la trama delle ultime puntate di Beautiful. L'argomento della camera da letto i politica mi lascia del tutto indifferente (anzi, mi fa umanamente propendere per gli "spiati"), sia che sia impugnato da "destra" che da "sinistra". Sinceramente mi sento di appartenere alla vecchia scuola, secondo la quale ciò che uno fa nel proprio letto è solennemente affar suo. Una scuola secondo la quale anche Marrazzo, del quale ricordo bene che più che le frequentazioni si è contestato l'uso disinvolto delle auto blu, ha fatto male a dimettersi. Tutto qui.

Gioann Pòlli

El Salvan ha detto...

@Gioan Polli: Ma non puoi paragonare l'uscita di Sallusti con il caso D'Addario! Sallusti fa una speculazione basata sul nulla, al solo scopo di dire qlcs contro Fini. Il caso D'Addario è un caso documentato prima di tutto, e secondo si tratta di una donna che va a letto col Presidente del Consiglio 1) Per soldi; e 2)Col dichiarato scopo di ottenere svariati favori, perché "così è il sistema, così fan tutti e così fo anch'io".

'Sta mania di cercare di tirare fuori una specie di "equivalente di sinistra" per ogni critica, allo scopo di zittire l'avversario tacciandolo di ipocrisia, porta a fare questi paragoni grossolani.

El Salvan ha detto...

Non che cambierebbe qualcosa, se Sallusti avesse una registrazione.

Gioann Pòlli ha detto...

@El Salvan: potrei anche darti ragione. Ma il punto della mia digressione - dichiaratamente molto estiva e disimpegnata - partiva da una considerazione diversa dagli "equivalenti di destra o di sinistra". Semplicemente, non mi sembrava e non mi sembra tuttora che Sallusti fosse il primo ad avere inventato il "giornalismo della camera da letto". E ricordavo un altro dato di fatto: se in Gran Bretagna è tradizione spiare dal buco della serratura dei politici, se negli Usa gli amori o gli amorazzi tipo quelli dei Kennedy o di Clinton sono da sempre oggetto di dibattito, qui da noi questo interesse si è palesato soltanto da un paio di anni ad oggi. Nemmeno per Craxi (che pure era Craxi) furono scomodati i suoi pur noti appetiti sessuali, se non di striscio e senza che questi diventassero il punto focale del dibattito politico. Che nell'italietta odierna, grazie a questi "argomenti" è caduto a un livello davvero infimo. E dicendo questo non credo proprio di fare un piacere a Sallusti.

Gioann Pòlli

Tiziano ha detto...

Scusate ma come si fa a parlare di giornalismo? Dov'è la notizia?

Anonimo ha detto...

Su su non ci provare pulaster, tutto quanto è cominciato da quando Berlusconi ha lanciato i suoi cani a cercare di sputtanare gli avversari. Solo adesso ci sono giornalisti con le spalle abbastanza coperte da potergli rendere appena un po' la pariglia. Aspettiamo con ansia le scene disgustose di Bossi con la badante (inevitabilmente extracomunitaria) e sarà un contrappasso misero per tutto quel che si merita.
RasPutin

Gioann Pòlli ha detto...

@Ra-Sputin, dal momento che utilizzi come argomento dialettico (!) una caricatura del mio nome, dai su, fatti un po' più di coraggio e spiattella anche il tuo. Tutti leoni, ben nascosti dietro un monitor e su di una tastiera... Un bacio in fronte e un sorriso.

Gioann Pòlli

Anonimo ha detto...

Ah ah ah bel tentativo! Ma tu credi che sia così pirla da dare le mie generalità a gente che per un terzo fanno i picchiatori di immigrati, un terzo truccano voti e rovinano banche e per il restante fanno manovalanza per le 'ndrine? Non fare la commedia, tanto ci pensano i vostri funzionari corrotti nella polizia a spiattellare i nostri ip...

Anonimo ha detto...

Ehi pulaster, noto che, da perfetto leghista che fa le ronde solo le lo lasciano giocare con il pistolino, hai evitato di rispondere.
RasPutin

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box