giovedì 26 agosto 2010

Il consigliere di Sarkozy contro il Papa ed altri 82 milioni di tedeschi

Alain Minc, consigliere ombra di Nicolas Sarkozy, ritiene che Benedetto XVI, domenica scorsa, non avesse il diritto di criticare le misure adottate dal governo francese contro i rom, perché "tutti possono dire la loro sull'argomento, ma non un papa tedesco: Benedetto XVI, come tutti i tedeschi, è un erede del nazismo".

Nel frattempo, l'ex vicepresidente dell'Assemblea nazionale Eric Raoult, deputato dell'UMP, dichiara di non aver problemi ad affermare che preferirebbe vedere i rom "andarsene in Spagna o in Italia, invece che in Francia" e che tutti dovrebbero essere grati a Sarkozy il quale, facendo propri i propositi dell'estrema destra, "sta prosciugando il bacino del Front national".

D'altronde, tutti i francesi, in quanto francesi, sono eredi del pétainismo...

d.s.

3 COMMENTI:

suibhne ha detto...

del pétainismo, della françafrique e soprattutto dell'Algeria. Ma eredi vicinissimi, eh?, che loro non si rendono neanche conto quanto!

Anonimo ha detto...

Minc è di origini ebraiche?

Gioann Pòlli ha detto...

Dal momento che vedo "di moda" le generalizzazioni, non mi posso astenere dalla provocazione facile facile: direi che tutti i francesi, in quanto francesi, sono diretti eredi del giacobinismo, della soppressione delle diversità (e delle autonomie), del terrore...

Chiedo scusa, ma a questo punto mi viene da sorridere.

Gioann Pòlli

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box