venerdì 5 novembre 2010

Cose nostre. Maratona per la legalità

Angelo Vassallo, il sindaco anti-camorra di Pollica, nel salernitano, viene ucciso con nove proiettili calibro nove mentre rientra a casa. "In qualunque altro paese, una morte simile provocherebbe un'indignazione collettiva. Qui niente. Nemmeno una reazione simbolica da parte dello Stato". Roberto Saviano è furente. Interviene in radio, in televisione, ma è solo. L'autore di Gomorra avvia una battaglia per l'informazione, cosciente che, tempo due giorni, nessuno parlerà più di questo omicidio.

E di Angelo Vassallo, 48 ore più tardi, la stampa, ad eccezione delle testate locali, non parla più(...). In compenso, il nome di Ivan Bogdanov, il leader degli ultrà serbi responsabili delle violenze allo stadio di Genova, resterà in prima pagina per giorni e giorni (...).

Il talk show di Rai 1, Porta a Porta, organizza un faccia a faccia tra Roberto Maroni, ministro dell'Interno, e Walter Veltroni, ex segretario del Partito democratico.

Walter Veltroni dice di non voler strumentalizzare a fini politici gli incidenti di Genova. Ma che tuttavia un severo esame di autocritica si impone.

Roberto Maroni risponde che la buona gestione dell'ordine pubblico ha prevenuto episodi di violenza ben più gravi, pur riconoscendo che quegli eventi sarebbero comunque restati come una delle pagine più nere dello sport italiano.

Walter Veltroni ribatte che si sarebbero dovute prendere misure ancora più drastiche.

Roberto Maroni replica che, trattandosi di ultrà, si era ricorso ai piani già predisposti negli stadi italiani per simili casi.

Walter Veltroni fa il passo falso: "Sì, ma quelli erano serbi".

Una "trappola", in italiano, e Veltroni ci casca con tutti e due i piedi: se un serbo è un nazionalista assetato di sangue e birra, il modello si applica all'intera popolazione serba?

Eccoli, i messaggi subliminali della Lega, introiettati inconsciamente dai suoi avversari politici. E' un sorriso quello sotto i baffi di Maroni?

Valtroni si rende conto troppo tardi della gaffe: "I serbi sono noti per aver i supporter tra i più pericolosi d'Europa".

Il confronto prosegue. Si parla di sicurezza, di immigrazione, di mafia.... Ma non di Angelo Vassallo.

Un sindaco anti-mafia assassinato? Saviano ha ragione: non c'è niente di più normale.

Eric Valmir, corrispondente Radio France


A due mesi esatti dall'assassinio del sindaco di Pollica Angelo Vassallo, questo blog partecipa alla maratona, a "rete unificata", per la legalità e la cultura indetta da Cose nostre Tv. Diretta a partire dalle 20.

4 COMMENTI:

Eco della Terra ha detto...

http://ecodellaterra.blogspot.com/2010/11/angelo-vassallo-pollina-ambientalista.html

ci sei anche tu alla voce "blog" ;)

rigitans

daniele sensi ha detto...

grazie rigitans

Anonimo ha detto...

Perché le altre star della blogolandia non aderiscono? mmmmmh...

daniele sensi ha detto...

@ anonimo,
saranno troppo presi dall'estasi per il Wi-Fi libero...

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box