venerdì 29 luglio 2011

Il cavallo di Troia della Lega

"La Lega sta 'sovvertendo' il profilo di questo Paese dall'interno; la tattica è quella del cavallo di Troia: non potendo secedere la 'Padania', stanno padanizzando l'Italia. Secondo prassi democratiche, però, grazie ai tanti troiani che per ingenuità, opportunismo o indifferenza hanno spalancato loro le porte delle istituzioni": un'intervista sulla Lega per Valigia Blu.

53 COMMENTI:

Anonimo ha detto...

interessante

Enri ha detto...

E non c'e' solo la Lega, ma tutto un sottobosco razzista che resta impunito; non so se vi era sfuggita questa:
«Finalmente si sta risvegliando una coscienza comune per difendersi dalle forti invasioni che i cercatori di profitti a ogni costo di tutto il mondo ci hanno costretto a subire tenendoci in ostaggio con mille bugie senza poter reagire. Questa gente distrugge il nostro benessere, la nostra religione cristiana e la nostra cultura. Pertanto viva Breivik». (Bruno Berardi, presidente dell'Associazione Domus Civitas, vittime della mafia e del terrorismo ed esponente di Fiamma Tricolore, 25 luglio 2011)

Anonimo ha detto...

complimenti per l'intervista, spero che giri, in modo che possa essere letta da molti.
certo, magari non la leggerà mai la mia vicina di casa ignorante che vota lega...ma questa è un'altra storia...

Anonimo ha detto...

Ciao, scusa se lo posto qui, ti segnalo questo: Radio Padania trasmetterà nel nord barese

http://www.molfettalive.it/news/Attualit%C3%A0/155889/news.aspx#main=articolo

sassicaia molotov ha detto...

http://youtu.be/9mRIVtrqqt0

padanizzati noi? Come no.

libertarian ha detto...

Borghezio quando aveva ancora qualche potere ha piazzato i suoi uomini di fiducia come Davide Boni , Andrea Gibelli e Gianluca Savoini in regione Lombardia e Bastoni Massimiliano in comune a Milano ( uno dei coinvolti con Borghezio nel rogo atroce del dormitorio per immigrati di Ponte Mosca a Torino insieme a Molino Franco , Callegari Roberto , Periolo Roberto , Volpi Elcoantonio , Delfino Giuseppe, Zenga Roberto e Loda Massimiliano )per non parlare dei sindaci tipo Fusco di Opera o quello di Adro .

Solo in Caimania gente simile anziché essere rieducata diventa dirigenza del Paese . Più che padanizzazione direi borghezizzazione dell'Italia .

Anonimo ha detto...

Per fortuna per Sensi esiste la Lega, altrimenti sarebbe disoccupato!
magari andare a lavorare....

Anonimo ha detto...

Appunto, Gianluca Savoini.... altro che investigare su Borghezio.

Enri ha detto...

Ecco un'altra simpatica notiziola su come i "padani" non sono per niente diversi dagli italiani:
La cantante del ministro Maroni e un compaesano del direttore leghista assunti all'ospedale di Treviglio
http://www.bergamonews.it/bassa/articolo.php?id=45661

Anonimo ha detto...

magari fosse così...il problema è il contrario vale a dire che la Padania e la Lega stessa sono sempre più meridionalizzate...

FRONTE INDIPENDENTISTA LOMBARDIA

www.frontelombardia.org

mozart2006 ha detto...

Basta con l'invasione! Con questa crisi economica non si può accogliere tutti! Vengono qui e pretendono di comandare. Si insediano nelle nostre belle città del nord. Hanno persino diritto alle case popolari, certe volte; li curiamo nei nostri ospedali senza nemmeno chiedere da dove vengono. Insomma, se proprio vogliamo essere compassionevoli, diciamolo una volta per tutte: i leghisti, aiutiamoli a casa loro! A Varese, a Monza, ad Adro.

Anonimo ha detto...

Basta con le volgarità di Abbozzi ma in generale basta con neo-leghette,fronti,fogna nuova,populisti,fascio-lombardisti,cialtroni vari ed eventuali.

david ha detto...

Che sia la volta buona finita l'era bossiana che l'autonomismo,liberato finalmente da maschere clerico-fasciste e populistoidi che il Bossi degli ultimi anni le ha appiccicato,possa tornare ad essere trattato in modo serio in questo Paese come lo è stato in molti altri(vedi la Spagna)?Lancio nuovamente un appello a SEL perchè ci faccia un pensierino.

Anonimo ha detto...

come no, ce lo vedo il pugliese Vendola a lottare per l'autonomia delle regioni del Nord...

Fronte Indipendentista Lombardia

Anonimo ha detto...

SEL partito autonomista come l'Mpa, quello del Miccicché e della Poli Bortone, come pure magari il Pdl, Pd e UDC... ahahah divertente.
La loro autonomia consiste solo nella spesa, lasciando però invariato il flusso costante di € dello Stato (a cui vanno la quasi totalità delle tasse) che se fosse per loro dovrebbe pure raddoppiare almeno. L'opposto dell'autonomia VERA che Lega N in primis non riesce a far attecchire nel sempre più centralista Stato italiano (tradizione iniziata nel 1859). Peccato originale che lo Stato sconta trascinando a fondo i vari territori che lo compongongono, impoverendoli e facendo nascere istinti più animaleschi. Complice anche la "calabresizzazione" dell'Italia del Nord. S'arriverà al mors tua vita mea. E' inevitabile. Se s'arriva ad una situazione simil Grecia, Germania e Francia, salveranno il salvabile lasciando il resto "quasi" al suo destino, perchè lo Stato italiano nel suo insieme è troppo costoso. La nostra Magna Grecia (dall'Abruzzo in giù) è il doppio della Grecia e come amministrazione e gestione della cosa pubblica è molto simile a quello Stato entrato ufficiosamente in default da novembre dell'anno appena passato.
Se già per la Grecia si vociferava di lasciarlo al suo destino per i costi troppo alti da sostenere per un suo salvataggio senza garanzie di successo, figuriamoci per la nostra Magna Grecia... di Alitalia ne è bastata una, che è già troppo.

Un cittadino Lombardo

poq vares ha detto...

Più facile che a battersi per un nuovo autonomismo sia un pugliese perbene che non neofascisti riciclati nell'autonomismo o clerico-fascisti travestiti da indipendentisti di nazioni lombarde inesistenti.

Gli "indipendentisti" in circolazione ricordano molto gli "anarchici" alla Merlino o alla Bertoli:insomma cari fasci baciapile se volete recitare una parte almeno imparate a farlo bene e andate in Euskadi a imparare cosa è l'indipendentismo.Baschi e Irlandesi che i fasci dicono tanto di ammirare poi in Italia fanno semmai riferimento proprio a SEL altro che ai fascindipendentisti.

I razzisti cammuffati da indipendentisti ricordano molto la lezioncina di Borghy a Nizza sull'infiltrarsi giocando a fare i regionalisti.Alta la guarda su questi nazi-venetisti,fascio-lombardisti,nazi-piemontesisti,filiali regionaliste del mondo nero,messaroli in latino ecc....MOLTO più pericolosi dei legaioli stessi fra i quali a livello di base-base qualche antifascista e autonomista vero c'è.

Anonimo ha detto...

sei fuori tempo massimo, il fascismo, almeno quello che intendi tu come tale, è finito 66 anni fa

Fronte Indipendentista Lombardia

Anonimo ha detto...

ho letto da qualche parte che quelli della Comunità Antagonista Padana organizzavano una conferenza su Corneliu Zelea Codreanu all'Università Cattolica ne sapete qualcosa??

poq vares ha detto...

@anonimo2

Da quel che ci hanno detto compagni in cattolica si tratta di un gruppetto di tizi a suo tempo allontanati/espulsi persino dal MUP(il movimento universitario della Lega)quindi puoi immaginarti che personaggi.Sono legati al cosiddetto fronte fondato da Max Ferrari.Alle ultime elezioni in cattolica hanno fatto una lista in comune con quelli del cuib vicino a fn e con azione universitaria(ex an)....veri "indipendentisti" insomma.

@anonimo1

Normalmente a uno come te manco risponderei,giusto per rendere noto come dalle nostre ricerche emerge che i fascio-lombardisti si rifanno al neo-fascismo degli anni '70 più che a quello storico e ai nazismi collaborazionisti tipo quello del "prete" Tiso in Slovacchia.Se manco i legaoli li vogliono un motivo ci sarà.

Vendola unica speranza per gli statuti speciali in Lombardia come in Calabria.

Anonimo ha detto...

tornando all'ambito Lecca i Porchezioboys non erano già stati accusati sei mesi fa di aver registrato il nome di un nuovo partito tipo destrapad o roba del genere in vista del dopo Bozzi?

Generazione Porchezio ha detto...

Oh Gesù,d'accordo che dallo sfascio dello Sgarroccio nasceranno un sacco di sigle ridicole,ma adesso ci manca solo un Front Nazziunal in salsa verde con a capo Porky, Davite Pony e Mac Battoni.Pietà,abbiamo già dato!!!

Anonimo ha detto...

Ma in due le andà il buon daniele? è troppo che non si vede... Daniele batti un colpo!
Amico Padano

Anonimo ha detto...

Dai Daniele ti do un suggerimento..
Ritorno a Camelot, evento triennale organizzato in Itala dal VFS che raccoglie tuttal a galassia di destra italiana, spagnola e serba(che tu chiameresti neo fascista a torto) indovina chi c'è come ospite? ;)
Amico Padano

Anonimo ha detto...

Rognoni?Boni?

daniele sensi ha detto...

@Amico Padano,
ci sono, ci sono, tempo di riorganizzarmi. Grazie per l'info.

miriam ha detto...

madò,grazie amico padano,ce l'eravamo persa.scusate per il sito che posto:

http://www.venetofronteskinheads.org/

cioè vi rendete conto quanti di eventi analoghi a questo a cui partecipa Borghezio ci sfuggiranno?borghezio è eurodeputato di un partito di governo,ora ditemi in quale nazione occidentale a un rappresentante del popolo eletto sia concesso di partecipare a raduni skins come ospite d'onore?

Anonimo ha detto...

miriam: in qualsiasi democrazia si può esprimere la propria opinione. Quello che non si può tollerare invece sono le azioni violente, tipo quelle dei entri sciali, ma quelle poi voi le appludite e dimostrate tutta la vostra incoerenza. E' questa la cosa triste che non capite. Inoltre immagino che parlerà di probemi dell'immigrazione quindi è ovvio che ci sia una converenza per la tutela della ns. gente contro l'invasione.
Mi capita di andare sul sito del VFS una volta al mese per vedere qualche post, e se li leggesi anche tu ti renderesti conto di quanto sono molto più vicini alle tue idee rispetto al Pd o alla sinistra di vendola/tontolo (parlano del Nuovo Ordine Mondiale, della globalizzazione, del signoraggio.. ecc...).
Saluti Padani
Amico Padano

Anonimo ha detto...

Una caratteristica tipica degli agenti provocatori fascisti è quella di andare a confondere le acque sul terreno della lotta al sistema con teorie becere sul complotto giudaico e massonico(salvo poi essere loro stessi iscritti a logge sfigate e periferiche come nel caso del Ciccio razzista o di tanta fascisteria degli anni 70).Da un lato picchiatori al soldo del capitale dall'altro falsa alternativa anti-capitalista:la strategia di questa gente non è cambiata per nulla dagli anni della strategia della tensione.

Anonimo ha detto...

Mi sa che vi conviene dare un'occhiata all'articolo scritto da G.Oneto a p.4 (http://www.scribd.com/doc/63191027/Libero-26-08-11)... Cerca di far capire a chi ora esulta (o vorrebbe la dissoluzione della LN), che dovrà poi piangere amaro. B.A.S, I.R.A ecc. non sono nati dal nulla, ma si son sviluppati in contesti e disagi vissuti per decenni e decenni. Meglio rifletterci sù al posto di focalizzarsi su nicchie di pazzi in camicia nera (come Saya) che vorrebbero riproporre un nuovo '70 insieme ai "compagni" di merende rosse (dal manganello e guerriglia facile). 4 gatti non sono un problema, anche perchè mancherebbe l'humus su cui attecchire (c'è un po' più d'istruzione e informazione rispetto ai primi del '900). Il problema è trovare soluzioni che ridiano un futuro e benessere, cosa che lo Stato italiano NON è in grado di dare, nè ora, nè tanto meno più avanti dopo innumerevoli politiche del "metti sotto al tappeto".

Un cittadino Lombardo

david ha detto...

Inutile ripetere come sia assurdo il paragone fra Padania e Paesi Paschi o Irlanda. Se la Padania avesse i suoi martiri socialisti rivoluzionari sarebbe come i Paesi Baschi o l'Irlanda, al momento è più simile a quella che qualcuno ha quì definito "Caimania".
Quanto a Oneto non si vede quale credibilità possa ancora avere uno che dopo aver creato il suo mito criticando la Lega per la svolta filo-Berlusca sia alla fine finito a fare il collaboratore proprio del "giornale di famiglia".
Se, e sottolineo se, c'è ancora spazio per l'autonomismo in questo Paese l'ultima speranza in tal senso può venire da una forza giovane come SEL e dai Verdi, grazie proprio ai loro rapporti storici coi movimenti autonomisti e indipendentisti più dignificativi d'Europa.

david ha detto...

@ amico padano

Piantaimola di giocare: uno skin che dia del violento a un ragazzo dei centri sociali sarebbe come un bue che dà del cornuto all'asino.
Borghezio incorreggibile.

scheletro nell'armadio ha detto...

parlate del Gilberto Oneto ex superpadanista passato a fare il collaboratore de Il Giornale?

a proposito a proposito qualcuno ricorda l'identità del vignettista de La Voce della Fogna, tal Gamotta?

Anonimo ha detto...

@david:
mi sa mi sa che se consideri come "nuovo" un matusalemme di politico come Vendola (il parolaio magico, come il Berlusca)...
Inutile sprecare il fiato.
Il post 2015 non è lontano e già dai prossimi anni il nostro caro meridione non potrà più contare sui fondi di sviluppo europei che non riescono a spendere per incapacità di quella loro classe dirigente di cui Vendola fa parte (ma i vincoli del trattato di Maastricht del 1993 rimarranno). I ritardi aumenteranno e la tassazione, insieme ai residui fiscali si faranno più aspri per le solite comunità... Già in Germania, e non solo, pensano ad un'EU a 2 velocità (troppi Stati molto diversi accumunati da un'unica moneta). Ripetere l'errore dello Stato italiano non ne hanno voglia e di eurobond, per non fare la fine dell'Italia del nord costretta a sobbarcarsi il deficit del meridione, non ne vogliono sentir parlare.
Non siamo più alla fine dell'800. Chi ha orecchie e voglia di capire, ha i mezzi e le possibilità di comprendere, chi non ne ha voglia si ritroverà di fronte all'atto compiuto o in corso di compimento. In ogni caso la piega è già stata data. Il bello dei giornalisti e che spesso non danno notizie inedite, ma certificano soltanto notizie ufficiose già ampiamente diffuse.
5 comunità regionali in "attivo" e 15 in "passivo" certificano il fallimento dello Stato italiano. E' solo una questione di tempo, come lo è stato per l'Alitalia. Inutile girarci intorno, colpi di reni non ci saranno per ragioni storiche e sociali. L'inno e la bandiera non ti danno da mangiare, nè tanto meno ti garantiscono un tetto sotto cui stare e, quando la fame ed il freddo inizieranno a farsi sentire... auf wiedersehen!
Spero di sbagliarmi, ma dalle serie storiche il destino che ci aspetta è la separazione, meglio se consensuale, altrimenti comunità estere più o meno internazionali faran da mediatore (anche per i propri interessi economici).

Cordialmente
Un cittadino Lombardo

Anonimo ha detto...

Vendola non è nuovo nel teatro della politica italiana, è un "vecchio" come il nuovo futurista Fini.
Non bisogna certo essere targati SEL o Rifondazione Comunista od oltre per essere autonomisti o indipendentisti. Forse questo concetto è difficile da comprendere (ad es. io son "senza partito" = partito dell'astensione).
Nei prossimi anni, mantenendo gl'attuali parametri di Maastricht (1993), il Meridione non potrà più far affidamento sui fondi di sviluppo EU che se non bloccati per l'incapacità della classe dirigente meridionale di cui Vendola fa parte, come avviene ad es. in Sicilia, vengono impiegati per pagare mutui e spesa corrente.
A fronte di un disimpegno EU ci sarà uno scontato aumento della tassazione per compensare il lucro cessante del Sud. Saldo pagato dalle solite comunità, i cui residui fiscali diventeranno sempre più aspri, senza ottener alcun beneficio nè sotto l'aspetto dei servizi, nè tanto meno di riduzione del divario Nord-Sud.
Il debito pubblico continuerà ad aumentare e nel 2012 dovremo piazzare più titoli che quest'anno: tassi più alti, più interessi (il peso si farà sentire sugli anni futuri - post 2015). Se già non riusciamo a far fronte agl'interessi, facendo aumentare il debito pubblico di mese in mese (siamo oltre a quota 1.903 miliardi di €), come si pensa di avere un futuro?
L'Alitalia è esistita prorogando la sua liquidazione, lo stesso sta facendo lo Stato italiano. Se 5 regioni son in "attivo" e 15 in "passivo" è come un'azienda che per la quasi totalità delle sue filiali è in perdita. In pratica è un'azienda fallita di fatto, soprattutto se la parte "sana" arranca nel coprire i sempre più cospicui passivi.
La Germania (e non solo) per non fare la fine dell'Italia del Nord non vuole gli Eurobond, utili solo agli Stati "cicale" come Grecia e alla Magna Grecia italiana.
Chi vuole capire, capisce, rispetto alla fine dell'800 mezzi e capacità ci sono, altrimenti ci si ritroverà di fronte ad atti compiuti o in via di compimento. Il bello dei giornalisti è che spesso danno notizia di fatti già ufficiosamente diffusi e conosciuti. In questo caso vale per G.Oneto.

Cordialmente
Un cittadino Lombardo

Anonimo ha detto...

@david:

Se ben si guarda Vendola non è un soggetto nuovo della politica, come non lo è Fini. Non bisogna essere di Sel, Rifondazione o giù di lì, per essere autonomisti o indipendentisti (io ad es. son apartitico, faccio parte del cd partito dell'astensione).
Vorrei esplicitare ciò che avverrà tra l'anno prossimo e il 2015:
- L'UE smetterà di concedere al nostro Sud i fondi per lo sviluppo (usati per la spesa corrente o bloccati per mancanza di progetti concreti della classe dirigente meridionale di cui Vendola fa parte).
- Nel 2012 dovremo piazzare sul mercato molti più titoli di Stato rispetto a quest'anno (probabile ulteriore alzamento dello spread Bund-Btp. Cioè si pagheranno molti più interessi).
- Già ora la Germania minaccia di porre veti per i finanziamenti dell'UE verso quegli Stati che non rispettano i piani di rientro dai rispettivi deficit (Italia non è esonerata).
- Abbiamo un debito pubblico a cui non riusciamo stare dietro nel pagare gl'interessi, facendolo crescere sempre più di mese in mese, di anno in anno (è oltre a 1.904 mld di €).
- Infine la Germania come altri Stati EU "forti" non vogliono gli Eurobond per non finire come l'Italia del Nord.

Banale dire che se il Sud rimane senza soldi, se lo Stato italiano deve far fronte ad un sensibile aumento degli interessi sul debito, il gettito fiscale lo prenderà dalle 5 comunità regionali in "attivo" e non dalle 15 in "passivi" più o meno profondi. La situazione sta diventando insostenibile sotto molti aspetti, politici, economici e sociali. A mio avviso il culmine dell'insostenibilità avverrà nel post 2015.
Senza un futuro e con uno Stato così egoisticamente vorace ed incapace, non si andrà lontani ancora per molto. Non siamo alla fine dell'800.

Cordialmente
Un cittadino Lombardo

PASTAPIPO ha detto...

vendola non è un soggetto nuovo della politica ma non è nemmeno una cariatide inconcludente come il tirapiedi gemoniardo di silvio

vendola ha amministrato una regione difficile e lo ha fatto molto bene, per il futuro ha tutte le carte in regola per un ruolo nazonale e perchè no, di proporre una riforma federale seria

il leghista medio, o il borghese lombardo che si barcamena fra voto al pdl e l'astensone, non è in grado di capire che un discorso autonomista serio si potrà fare solo quando sarà purgato dalle scurrilità razziste e dal populismo a cui Boz und company ci hanno abituato

ps: già, Gianluca Savoini....

Anonimo ha detto...

@Pastapipo: mah, se lo dici tu...

Cordialmente
Un cittadino Lombardo

Lumbardia antifà ha detto...

@ poq vares

Sì quelli della comunità antagonista padana sono i peggiori.Il loro ex responsabile per l'università statale di milano tale Giovanni Roversi sta per inaugurare un nuovo movimento dal nome Pro Lombardia Indipendenza.
Roversi uno che sul giornalino della cap denominato Cinghiale Corazzato scriveva articoli tipo "Una luce per le Enclave Serbe: Solidaritè Kosovo" sulla famigerata rete ultra-nazionalista serba denominata appunto Solidaritè Kosovo.Borghy ha fatto scuola.

Anonimo ha detto...

Roversi era uno del Fronte Lombardia di Massimiliano Ferrari,sigla ormai "bruciata",bisognava evidentemente fondare qualcosa di nuovo per portare avanti la loro missione.

http://danielesensi.blogspot.com/2009/03/mario-borghezio-getta-la-maschera-il.html

pippoiii ha detto...

mwahhh il supermegapadanista Gamotta folgorato sulla via di Arcore.
Per non parlare del parà Giancarlo Pagliarini ex esponente di rilievo de La destra di Storace o di Carlo Stagnaro già animatore del Centro Studi La Runa!!!

pippoiii ha detto...

e ovviamente il corregionale dello Stagnaro Flavio Grisolia mwahhh dal Savoini in giù ce ne sarebbe da scrivere(Borghezio in tutta questa faccenda è solo il braccio)

Anonimo ha detto...

Pagliarino Cammarata... Capitano di fregata

Anonimo ha detto...

Una curiosità, se quelli di Roversi, fronte etc sono i peggiori...cosa resta ?

Che so io prima che Ferrari chiudeva baracca e burattini Roversi se ne era già andato...

Una curiosità...ma che fine a fatto Ferrari ??

bepi ha detto...

cosa resta? il mondo delle persone normali

comunque chi cavolo se li fila sti anonimi movimenti estremisti composti da 1/2 persone? giusto l'ufficio politico e l'osservatorio

Anonimo ha detto...

le persone normali...bella risposta...poi bisogna anche vedere cosa s'intende per persone normali...:)

anche se la domanda era politicamente...se c'è qualche altro movimento indipendentista che cerca/cercherà di lavorare seriamente (non è sottointeso che loro lo fanno perchè stanno partendo adesso)

Anonimo ha detto...

Per comprendere le reali motivazioni del dilagare negli ultimi anni di gruppuscoli "autonomisti" e "indipendentisti" (ma anche di quelli che "stanno partendo adesso") è fondamentale memorizzare "Ascenseur pour les fachos" al minuto 3:35

Tanto più che con Borghezio fuori dalla Lega se ne vedranno delle belle.Si fà per dire.

Anonimo ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=lk8vpuajKGc

Anonimo ha detto...

@Anonimo del 6 sett 16:33 e 16:34
---------------------------

Può valere per Borghezio, che avrà militato in partiti di estrema destra, ma di certo non si può etichettare LN = Borghezio = fascista. E' un insulto all'intelletto.
Come nel documentario linkato che cita i 4 ministri leghisti, due dei queli nati nell'estrema sinistra, l'esatto opposto.
L'aggregazione attorno alla LN racchiude diverse volontà, lo stesso vale per tutti gli altri partiti, bisogna valutare quale parte è preponderante. L'ala Borghezziana è minoritaria. Fa più proseliti all'estero (tra partiti marginali), un motivo ci sarà.
Finché non s'andrà oltre le baggianate di propaganda, difficilmente si capiranno le ragioni che spingono a votare movimenti come la LN, il FiL, il PnV, ecc.
Forse con l'acuirsi della crisi economica e dello Stato italiano, forse, a forza, si capirà qualche cosa in più.

Un cittadino Lombardo

Anonimo ha detto...

condivido...

Anonimo ha detto...

l'ala porcheziana non esiste se non su internet e all'estero ciciu fa proseliti fra pochi disagiati mentali allontanati persino dai partiti dell'estrema destra più radicale

maoni non sarà una cima ma non spara una troiata al giorno,una persona normodotata coglierebbe la differenza

Anonimo ha detto...

No dai anonimo,della dirigenza lagaiola attuale non se ne salva nessuno.Fra quelli che Bossi ha cacciato in passato forse qualcuno,tipo Comino o Cè.

Anonimo ha detto...

@ cittadino lombardo

Fil,Pnv?Eh?Ah sì,la lezioncina nizzarda di Borghezio.

Francesco Chini ha detto...

La Lega Nord viola e insulta la Costituzione del mio Paese.
Dissoluzione immediata, volontaria o coatta.

La stessa che andrebbe operata sulle mafie e le logge tutte, se solo non fossimo la gente che siamo.

In alternativa, non chiamiamoci più Italiani e i servi senza dignità che in effetti siamo sempre stati, torniamo ad esserlo anche dichiaratamente.

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box