venerdì 30 settembre 2011

Elettore leghista reclama il congresso, conduttore di Radio Padania lo disintegra

Radio Padania. All'indomani del voto di sfiducia contro Saverio Romano, il ministro delle Politiche agricole accusato per mafia e salvato alla Camera dal Carroccio, elettore leghista, esasperato, viene colto dalla bizzarra idea di chiedere che la Lega vada a congresso "affinché i dirigenti chiariscano la linea". Il conduttore non la prende bene:

28 COMMENTI:

Santiago ha detto...

ahhahahaha chi è sto genio??
rido per non piangere. Lui sarebbe un giornalista?

"radio padania è una piazza d'informazione"????

Linea Gotica ha detto...

simpatico questo qua

Anonimo ha detto...

stupendo...adesso anche gli snob con gli elettori e i simpatizzanti.Sono finiti

Luca ha detto...

Un giornalista? Nel senso di iscritto all'Albo? E come si chiamarebbe cotanto giornalista?

miriam ha detto...

"non sei nessuno"

ma radio banana non riceve oltretutto contributi pubblici?

nemmeno i socialisti facevano tanto i grand'uomini.

Anonimo ha detto...

Se non sbaglio l'ultimo congresso federale è del 2002.Mi domando fra l'altro se in termini di legge ciò sia possibile.

max ha detto...

solo un comunista in cattiva fede può pensare che una radio con sede in via bellerio 41 può avere un legame anche vago con la lega.

Anonimo ha detto...

SONO FINITI

Anonimo ha detto...

ma che eleganza...ma che civiltà...ma che educazione...ma che professionalità...eheh si vede che i leghisti sono persone davvero civilizzate...ooops qualcuno sta cominciando a perdere la poltroncina da sotto il sedere e va in panico!
Ben venga la secessione se ci aiuta a liberarci di certi individui. Ciao, Daniela

Anonimo ha detto...

@ Luca
non è quello che difendeva Olindo e Rosa?
nome please
rocco

radikal ha detto...

L'ordine dei giornalisti sopravvive solo da noi,a cuba e in bielorussia:abolirlo imperativo categorico.

Toni ha detto...

Già, come si chiama?
Non è che poi ce lo ritroviamo nomnato in Rai come tutta una serie di altri leghisti di spessore analogo?

daniele sensi ha detto...

Si chiama Roberto Ortelli.

mozart2006 ha detto...

Con un elegante giro di parole, Napolitano ha spiegato ai patani che la secessiun se la possono ficcare in quel posto, sdraiati sul pratone di Pontida, dove sorge il Sacro Discount

Claudio ha detto...

Il potere logora... almeno la base

Anonimo ha detto...

questi sono andati....

Elio ha detto...

La pressochè totalità degli ominidi verdi attualmente seduti sugli scranni o divenuti "giornalisti" grazie al clientelismo verdilinguo sono a un livello umano e culturale non diverso da quello della trota in umido.

Anonimo ha detto...

una vera piazza di infognazione.

o forse anche di informazione.

sugli ufo e la politica ittica.

MdC ha detto...

Fanno i Tony Montana con i LORO piccoli sindaci e i LORO anziani elettori ma il lunedì corrono a scondinzolare ad Arcore per una ciotola di croccantini.
Il riflesso pavloviano dell'omo de panza senza cervello.
Ora dopo ora il Bellerianic cola a picco con tutta la sua ciurmaglia,maroniti inclusi.

venetix ha detto...

ma infatti maroniti=cerchiomaggico

l'elettorato legaiolo e la parte meno bacata dei militonti si sono rotti di farsi prendere a pesci in faccia : a milano hanno votato in massa x pisapia e a varese vs fontana

e parliamo di mesi fa quando la situazione non era così compromessa

david ha detto...

Alla faccia della "radio comunitaria". Hanno perso completamente il contatto con la realtà ormai da diversi anni, ma negli ultimi mesi sembra che vivano davvero in un altro mondo, tanto per restare nel tema a loro molto caro degli Ufo. Come scrivevo intorno alle ultime comunali ero di passaggio a Milano durante il comizio di chiusura della Lega. Oltre a una piazza Cairoli semivuota rimasi colpito dai fischi a Borghezio, che di solito viene utilizzato in manifestazioni di questo genere proprio per ringalluzzire la base leghista. Che non la beve più e ragiona (e vota) finalmente di testa propria. Ma sembra che chez-Bossi non abbiano proprio imparato la lezione. Meglio così. Una registrazione molto interessante e un altro colpaccio del buon Daniele. Mi è tornata alla mente la reazione scomposta circa 20 anni fà dell'allora sindaco Pillitteri contro alcuni lavoratori dell'Atm (tradizionale bacino elettorale socialista) che cercavano di fargli presente un qualche problema. O i buffetti che Chiesa dava sulle guance ai giornalisti (giornalisti veri) che cercavano di chiedergli conto. Per il sistema di potere Psi fù l'inizio della fine in Lombardia prima, a Roma dopo. Purtroppo l'Avanti esiste sulla carta ancora oggi, così forse sarà per la Padania fra 20 anni, anche molto dopo la scomparsa del Carroccio. Siamo il paese dei contributi ai fantasmi.

Anonimo ha detto...

Ormai sono sotto assedio, vittime di nemici immaginari e reali...

bepi ha detto...

adesso vogliono mettere fuori tosi reo di avere solidarizzato con de magistris

denunciare la kasta varesino-bellerian-monzo-bergamasca e i suoi servi è un dovere morale

Anonimo ha detto...

Fra i vecchi leghisti ci sono ancora persone oneste come ce n'erano fra i vecchi socialisti fatti fuori da Craxi.

Elio ha detto...

@ david

Ti riferisci forse a questo

http://www.youtube.com/watch?v=nA2Vc8vF4kw&NR=1

Parallelo interessante.
La casta insulta i sudditi protetta dalla scorta pagata dagli stessi sudditi, tutto uguale ieri come oggi.

Certo i socialisti avevano più cultura dei Templari di Martinengo e non parlavano di ufo.

bepi ha detto...

elio quì rende meglio

http://www.youtube.com/watch?v=PycAdysn9ns&feature=related

craxaioli pari pari ai legaioli

Anonimo ha detto...

"Umberto Bossi dice che ci sono milioni di persone con le armi pronte a lottare per la Padania? io sono uno di quelli". Lo ha detto Maurilio Canton, neosegretario provinciale della Lega Nord a Varese, ospite a 24 mattino su Radio 24.

CANTON E BOSSI IN ARMI???ALTRO CHE MICHAEL COLLINS E DE VALERA!!!MA A VARESE E IN BELLERIO HANNO IL SENSO DEL RIDICOLO???

Anonimo ha detto...

@lineagotica

MOLTO SIMPATICO DAVVERO:

http://milano.repubblica.it/cronaca/2011/10/11/news/lega_la_base_contro_canton_ma_il_senatur_ha_voluto_me-22982498/

E Radio Padania mette a tacere il malumore della base. Ai microfoni di Che aria tira, in onda sulle frequenze leghiste, i radioascoltatori vengono invitati vivamente a non toccare l'argomento, dopo la prima telefonata in cui la vicenda è stata etichettata da un radioascoltatore leghista come un "brutto capitolo" della storia del Carroccio. "A noi interessa discutere sulle idee, non sulle beghe di condominio", taglia corto il conduttore Roberto Ortelli dopo aver invitato caldamente i radioascoltatori a evitare "questo genere di chiamate. Male che vada - minaccia - vi taglio".

SI CREDERA' MOLTO FIGO.NON E' NUOVO A QUESTE TROVATE:

http://www.valigiablu.it/doc/355/nuove-onde-di-intolleranza-su-radio-padania.htm

Cosa è successo?

Sulle onde di Radio Padania il giornalista Roberto Ortelli ha intervistato i "sacerdoti" del famigerato Istituto Mater Bonii Consili di Verrua Savoia "don" Francesco Ricossa e "don" Ugolino Giugno per presentare il IX convegno (Milano, 21.11.2010) organizzato dal sedicente Centro Studi Albertario.

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box