mercoledì 16 novembre 2011

Sia benedetto il Nuovo Ordine Mondiale

Governo Monti: sparisce il Ministero per il Federalismo; nasce quello della Coesione Territoriale.

Update. Nasce anche il Ministero per l'Integrazione, affidato al fondatore della Comunità di Sant'Egidio. "Ora riforma della cittadinanza", chiede il Pd Sarubbi. Brutti tempi davvero per la Lega e per i leghisti. (grazie a p.raffa per la segnalazione).

40 COMMENTI:

Santiago ha detto...

cmq, a parte le stronzate della Lega, che non lotta per l'Italia ma per la miopia di governare una terra che non esiste.. a parte questo, ho appena letto che il governo monti è ha assegnato persone che hanno, o hanno avuto una carica importante in Enel, Unicredit, banca intesa, intesa sanpaolo, telecom, Il Sole 24 Ore, Pirelli, CIR, mondadori, espresso, omnitel, infostrada, banco ambrosiano veneto... e che tra di loro c'è gente che ha ricoperto l'incarico di sovrintendere alle privatizzazioni nel 1997, gente che ha militato in comunione e liberazione, e un ammiraglio... è vero??

perché se sì, non è da gridare al complotto al complotto, ma si ad un bel conflitto d'interesse, non trovi?

scusa l'off topic :)

Matteo Prandone ha detto...

@ Santiago: rispetto al governo di prima, fatto da proprietari di banche, proprietari di compagnie assicurative, di squadre di calcio e di teatri, nonchè editori, monopolisti televisivi, pubblicitari e beneficiari di concessioni pubbliche, direi che è pur sempre un piccolo passo avanti.

Anonimo ha detto...

Olé!!! Non c'era alcun dubbio in proposito. Residuo fiscale sempre più negativo.

Il cd Lombardo-Veneto (Lombardia+Veneto+Friuli Ven Giu+Trentino/Sudtirol) avrebbe una copertura previdenziale di ca 97,22% (2009). Cioè si versa in contributi ciò che l'INPS ti dà. E' pertanto autosufficiente da questo punto di vista a differenza del resto dell'Italia. Esporta (2010) il 47,7% del totale italiano nel mondo, ed importa (2010) il 46,5% del totale italiano. Contribuisce ai consumi nazionali per il 31,3% (2007). Ha un Prodotto interno lordo pari al 40% ca del totale italiano. Avrebbe ogni anno un surplus di bilancio (da impiegare meglio), dato che le entrate (il gettito fiscale è al netto dell'evasione) sono di molto superiori alle spese per il comparto pubblico e all'incidenza della rappresentanza istituzionale locale e della PA, visto che è minima, rispetto al tessuto socio-economico. Nel resto dell'Italia?
Ah... il gettito fiscale totale del LV per quanto riguarda le imposte irpef, ires, irap ed iva è pari al 40,2% del totale italiano. Ah già la popolazione è solo il 28% del totale italiano.
Ecco perché il federalismo non si farà mai, ed ecco perchè, nonostante si cambino i governi, la situazione rimane/rimarrà invariata, anzi peggiorerà nel tempo. Il declino è inevitabile. Si può solo posticipare l'ora X, ma è questione di tempo. Lo Stato italiano ha il destino segnato. Questo sarà chiaro solo col passare del tempo e con l'operato dei governi nazionali (il centro-sud vota ed esprime la rappresentanza).
Viva l'Italia e i governi di Unità nazionale o territoriale (è lo stesso).
Ciò che mi rincuora è che morirò molto probabilmente non cittadino dell'attuale Stato italiano.

Nel frattempo mi consolo vedendo fin dove arriverà l'ostentata stupidità nel voler "rubare" al LV le proprie fatiche per mantenere il più a lungo possibile questo putrido Stato, morto ufficiosamente negli anni '90.

Cordialmente

Un cittadino Lombardo

Anonimo ha detto...

legaiolo informati il lombardo-veneto non comprendeva nè la venezia giulia nè il trentino alto adige....ignoranza totale anche su quello che millantate come vostro campo....andate a nascondervi

costa ha detto...

Ma veramente, i legaiolo-berluschini con le loro ricette ci hanno messo in mutande e si ostinano ancora a smerciare i loro teoremi pseudo-economici taroccati. Senza vergogna.

ilmetapapero ha detto...

io pero' non capisco, ma voi credete veramente che persone capaci e competenti non debbano ricoprire incarichi di prestigio e magari rimanere a fare la muffa come professori della scuola secondaria superiore?

io di geni che non abbiano fatto strada nella vita non ne conosco.

Anonimo ha detto...

Dissento totalmente dal titolo,pur non essendo un complottista e quoto l' osservazione di Santiago alla quale aggiungo che nominare Passera triplo ministro (trasporti, infrastrutture e sviluppo econmico)equivale a nominare Provenzano capo della Dia,ministro dell' interno e capo di stato maggiore.Se Maroni in Val di Susa mandò 2000 fra poliziotti, carabineri e altri,questi manderanno l' esercito ed i carri armati.

Si salvi chi può.

Vanni.

daniele sensi ha detto...

@ilmetapapero,
il mio titolo era ironico, eh: quella della cospirazione per me resta una farneticante sciocchezza.

Agente Mangiariano ha detto...

E addio ragioni per continuare a seguire questo blog

Anonimo ha detto...

@ilmetapapero
No!Ma tu trascuri il fatto che la competenza possa non bastare,ovvero che oltre ad essere competenti devono anche essere schierati dalla parte della nazione(e quindi della massa di italiani)e non dalla parte dei loro amici nonchè colleghi delle banche.

A qualcuno sfugge che il debito sia un problema cronico dovuto alla vulnerabilità intrinseca del sistema bancario centrale.Se questi competenti risolvessero il problema alla radice sarebbero davvero dei salvatori,ma purtroppo manterranno il problema e imporanno tasse e privatizzazzioni a favore dei loro "amichetti" capitalisti ottenendo risultati temporanei.

Riassumendo:ti sei bevuto la frottola che il sistema voleva farti bere.

Vanni.

Anonimo ha detto...

Scusate il tono allarmista dei miei commenti sopra:volevo solo precisare che si tratta di una scelta consapevole,e ribadire che la situazione sia grave.
Per giunta,gli unici a poterci difendere da questo nuovo governo tecnico sono,ironia del destino,i nostri parlamentari(fra cui quelli del precedente governo).

Vanni.

mozart2006 ha detto...

Che bello poter finalmente dire "L´ex Presidente del Consiglio Berlusconi"...

Io intanto mi accontento di questo e di non vedere più i pagliacci verdi che fanno i ministri di uno Stato che vogliono distruggere.

Anonimo ha detto...

@Anonimo e Costa del 16 novembre 2011 17:08 e ss:

Vada a vedere le cartine geografiche di allora (1848). L'unica porzione territoriale non facente parte del suddetto Stato è stato solo il Tirolo (cioè fino all'estremità meridionale dell'attuale Trentino). Tutte le attuali 4 regioni italiane prima citate, però, hanno avuto in passato influenze dirette da parte delle politiche asburgiche (Austria), comuni intrecci, legami socio-economici, e tutt'ora queste regioni si mantengono ben distinte (nonostante le loro diversità) tra le altre regioni del Nord Italia ed ancor più dal resto dello stivale per quanto riguarda l'amministrazione pubblica ad esempio. Dati, nulla più. Ci sarà pure qualche motivo se nonostante ci siano cambiamenti, poco o nulla cambia nel tempo. Distinti eravamo, e distinti ancora oggi rimaniamo. Buffo notare come K.V.Metternich avesse ragione più di 150 anni fa. Nessuno s'è mai impegnato seriamente nello smentirlo nei fatti (e come si potrebbe fare?). L'attuale situazione è l'ennesima conferma.
Può dispiacere, può destare rabbia, ma... rabbia di che? Si potesse dimostrare il contrario su tutta la linea... ma così non è. Almeno per il momento.

Ripeterò fino alla nausea che non son leghista, né berlusconiano, e dalle vostre risposte è facile desumere che non siate miei conterranei, men che meno degli autoctoni delle altre. Difficile non essere sensibili a certe tematiche se si vive il territorio in cui si cresce (persino diversi immigrati meridionali delle mie parti son più vicini a come la penso io). Comuni problemi, comuni risoluzioni. Se si fa parte di una comunità è normale. Se non lo si è, si rimane immobili e litigiosi, con differenti visioni di futuro e sviluppo. Chissà perché quest'ultima fotografia mi ricorda tanto la situazione attuale dello Stato italiano. Mah.

Cordialmente
Un cittadino Lombardo

mozart2006 ha detto...

Cittadino Lumbard,

non fare il professore di storia perchè non ne sei all' altezza. In qualità di veneto, ti ricordo che dai noi per sei secoli c' è stata la Serenissima Repubblica, che con la Lombardia non ha mai avuto nulla a che fare. Lombardia e Veneto sono state unite solo sotto l' Impero di Austria-Ungheria per 44 anni, dal Congresso di Vienna (1815) fino al trattato di Villafranca (1859).

Bocciato, studia ancora, mio caro!

Anonimo ha detto...

@ mozart 2006

un sollievo davvero anche se prima di togliere le careghe del tutto a questi complottisti bananeri gnurant che credono che trieste e trento fossero lombardo-veneto e pontificano di economia come se fosse risiko ci vorrà ancora qualche anno. di sicuro è rassicurante che siano stati ridotti a giocare col loro barlamento banano piuttosto che con le istituzioni repubblicane.

Gregorio ha detto...

Mi auguro che il nuovo Ministro degli Interni si occupi con maggiore serietà del suo predecessore dell'annoso problema della riemersione dell'antisemitismo, anche sotto forma di antisionismo nazicomunista e antigiudaismo "teologico" sedevacantista.

giacinto2000 ha detto...

antisionismo nazicomunista?

ma vatti a curare in una clinica psichiatrica va....

chiara ha detto...

http://www.repubblica.it/politica/2011/11/16/news/una_legge_per_i_piccoli_immigrati-25128484/?ref=HRER1-1

LIBERAL ha detto...

@ Gregorio

Concordo, ormai neonazisti,legaioli,comunisti e integralisti islamici hanno in comune lo stesso nemico: il sionismo e il fantomatico complotto giudeo-massonico che sarebbe alla base del cosiddetto nuovo ordine mondiale. Nel caso legaiolo al complottismo tradizionale si aggiunge la componente ufologica e sedevacantista che lo rende un po' più comico e farsesco degli altri, ma di certo non meno inquietante, al contrario dato che parliamo di gestori del potere. In definitiva non vedo una grossa differenza fra le farneticazioni dei bananeri verdi e quelli di hamas o dei vecchi rottami delle ideologie sconfitte del secolo passato.

LIBERAL ha detto...

@ Chiara

Mi pare un'ottima proposta di legge, prima o dopo quei minori saranno cittadini del nostro Paese, meglio ora che fra 10 anni. Le campagne xenofobe e antiliberali del duo B-B si ritorceranno contro questi due anziani malvissuti. Ovviamente quando parlo di comunisti non mi riferisco a alla sinistra parlamentare che riconosce Israele e nel suo antiglobalismo non fà il minimo accenno all'antisemitismo, ma piuttosto ai gruppi estremi ed extraparlamentari spesso infiltrati da ex-nazisti e negli ultimi anni anche da integralisti islamici. Tutti con la stessa forma mentale complottarda da minus habens dei segaioli radiofonici.

Anonimo ha detto...

@Mozart2006 del 16 novembre 2011 20:25
----------
Eeh già, mi sa che ho toppato. Chiedo scusa, ed accetto umilmente la bocciatura. In fondo Bergamo e Brescia non hanno avuto mai rapporti con i Veneti prima dell'Unità d'Italia, ed anche il Ducato di Milano è rimasto un piccolo lembo di terra verticale, mai ha avuto a che fare con i Veneti in terra veneta. Altresì con Napoleone s'è sempre continuato a mantenere un florido rapporto con le terre del centro-sud Italia. Veneti e Lombardi hanno avuto sempre destini separati, benché fossero vicini, lo stesso vale con gli Stati esteri confinanti. Han sempre avuto rapporti culturali e commerciali con il centro e soprattutto il sud italia, rapporti parzialmente interrotti, per l'appunto, con quei cattivoni degli austriaci, che hanno pure osato istituire le prime scuole dell'obbligo per ridurre l'analfabetismo ed iniziare a creare il divario Nord-Sud.
Se lei professore sarebbe in grado di fornirmi i libri di testo su cui studiare per recuperare la bocciatura in storia le sarei molto grato.

Cordialmente
Un cittadino Lombardo

mozart2006 ha detto...

Caro studente somaro,

non servono particolari consigli. è sufficiente qualunque buon manuale per i licei. Se vuole ulteriori dettagli, le ricordo che la Serenissima Repubblica ebbe, nel corso della sua lunga storia, intensi rapporti commerciali con l' Oriente...sì, con quei cattivoni di musulmani e cinesi!

ilmetapapero ha detto...

@daniele
in effetti io mi riferivo a Santiago e non a te

Anonimo ha detto...

@Mozart2006:

Tutte le questioni sopra menzionate (nei post precedenti) son ancora là.
Già... cambiare discorsi e sviare, come s'è sempre fatto.
Vedremo. Intanto mi prendo volentieri dello "studente somaro", anche perché...ha un suo perché detto da uno come lei.
Menzionare poi il passato commerciale della Serenissima con l'Oriente come se per me fosse una cosa sconosciuta e fastidiosa (perché etichettato da voi come leghista) è davvero divertente.

Cordialmente
Un cittadino Lombardo

daniele sensi ha detto...

@ilMetapapero,
ops, scusa,

mozart2006 ha detto...

Cittadino Lumbard,

il Sud è parassita e i politici erano corrotti e voi come rimedio vi siete messi con gli imprenditori che vanno a puttane.
Spero abbiate realizzato la cazzata, però intanto adesso vi beccate i banchieri.

Perlomeno questi, a differenza dei legaioli e dei papiminkia, conoscono la differenza tra rapporto debito/pil e deficit/pil.

Anonimo ha detto...

@Mozart2006:

mi spiace che si sia un po' stizzito. Di fatti dalla sua ultima risposta, e dalla continua volontà d'affibbiarmi un'etichetta che non m’appartiene, denoto che ha qualche difficoltà a gestire discorsi con persone che la pensano diversamente. Altresì denoto delle sue lacune nel valutare ed analizzare semplici dati (quindi metterli anche in relazione). Perciò trovo normale che tenda ad eludere la questione licenziandola come "balle da bar" o "leggende". Devo ammettere però che per chi è abituato a contare capre e cavoli possa risultare un compito forse un po' difficile, o per lo meno, uno sforzo fuori dall'ordinario.
Prima di giudicare un governo aspetto sempre, prima, che si metta al lavoro e che operi. Poi, eventualmente, giudico. Si possono avere delle sensazioni iniziali, dei pregiudizi, che col tempo possono tranquillamente essere smentiti dall'operato. Non sono così chiuso mentalmente. Mi spiace.

Chiaramente chi governa (specie se al potere mediante nomina e per risolvere le dannose anarchie presenti nello Stato di cui sono attualmente cittadino e in cui vivo), non può non vedere queste disuguaglianze politico-sociali ed amministrative, visto che svariati decenni di tale status quo ci hanno condotto progressivamente ad un impoverimento generale grazie ad un immane spreco di risorse pubbliche (e crescita del debito pubblico). Ad esempio degli indicatori per osservare chi contribuisce a rimpinguare queste risorse pubbliche sono il gettito fiscale e la fedeltà fiscale.
Alcune delle mie riserve su questo neogoverno (prossimamente) è la maggioranza parlamentare che lo sostiene. Come faranno a farsi poi votare se adottano misure che faran vittime tra clientele e corporazioni d'ogni sorta? Come faranno a farsi votare ad esempio al Sud se lo si mette in riga con piani d'austerità simil UE-Grecia?
Le mie perplessità derivano soprattutto da questo rapporto diretto tra il parlamento-partiti nazionali e quella notevole fetta d'elettorato che fa parte di un'area nota per essere un buco nero di risorse comuni e focolaio di malattie sociali.
Il problema è che non si può più continuare facendo finta di niente. Anche perché il risultato nello spremere ciò che è già spremuto, è la crescita di una giustificata sensazione d'iniquità e vessazione. Le lascio immaginare se tale percezione, confermata da evidenze empiriche, si radica ancor più in profondità e si diffondesse nelle aree attualmente penalizzate in svariati ambiti dallo Stato italiano. Non penso sia difficile da comprendere ciò e chi governa penso sappia che ormai non può più tirar troppo la corda.

Cordialmente
Un cittadino Lombardo

Anonimo ha detto...

ma ci perdete ancora tempo a rispondere sti legaioli ?
limitatevi a dargli ragione sull'esistenza degli ufo sulla celticità della padania su ratzinger che è un mezzo-ebreo antipapa imposto dalla massoneria ecc così forse si daranno una calmata

Riccardo ha detto...

@ mozart 2006

La corruzione dei cravattari verdi ha superato ogni livello di nepotismo o ruberia che si sia mai raggiunto nel sud più profondo.

La vera Gomorra ora è Varese.

Anonimo ha detto...

"Antisionismo nazicomunista"? Meglio: antiebraismo nazicomunista. Tutto vero, purtroppo, Fatevi un giro in Wikipedia, la storia del complotto giudaico massonico era il cavallo di battaglia di Karl Marx, e Hitler glielo copiò...

Jonny Dio ha detto...

@Lombardo
Se la popolazione del LV è il 28% del totale, mi sembra che non esista una soluzione democratica a questo problema, dato che neanche tutto quel 28% che avrebbe (è tutto da dimostrare) da guadagnarci è d'accordo, a meno di non considerare democratico fottersene del restante 72%.
Altre meno democratiche vie esistono teoricamente, e qua, senza troppi giri di parole si parla di un colpo di stato, ma, se nessuno ha avuto il coraggio di intraprenderle in questi anni con una lega in così grande spolvero, ritengo ragionevole che da qui in avanti saranno sempre meno praticabili, in concreto.
Per cui, dato che mi sembra dimostrato che la secessione di fatto non è (più) realizzabile, di che cosa stiamo parlando? Sono polemiche inutili, al massimo un esercizio di stile.

Inoltre, il 97% di copertura non mi sembra proprio un'autosufficienza piena, considerato che una eventuale teorica indipendenza con conio di moneta propria farebbe schizzare alle stelle le materie prime, di cui il LV è alquanto sprovvisto, a cominciare dal petrolio, anche se è vero che questo sarebbe in parte bilanciato con l'aumento delle esportazioni. Però solo in parte, per cui riterrei più saggio imbarcarmi in un'impresa così con un margine di sicurezza maggiore del 97%, tipo almeno il 110%, anche se fossero tutti d'accordo (premessa comunque mancante).

Pausa. Campanella dell'intervallo per tutti gli studenti, somari e non.
Fine pausa. In caso di ulteriori commenti, dò il mio consenso a darmi del tu.

joe ha detto...

@ anonimo 30 , ma soprattutto Maurizio Parma, Davide Boni e Leo Siegel non hanno niente da dire sul dilagare di certe teorie nel loro partito?

joe ha detto...

@ Jonny, và bene che vanno assecondati, ma non date troppo corda ai legaioli; a me sentire sproloquiare di Lombardo Veneto viene quasi più da ridere che sentire parlare di Padania..LV sarebbe la targa automobilistica?

joe ha detto...

@ Riccardo, in effetti i Bozzis hanno tutta l'aria di una famiglia mafiosa italo-americana tipo i Sopranos col Marun capobastone dissidente.

Jonny Dio ha detto...

@ joe: Va be', non avevo un cazzo da fare. Comunque il tipo sostiene di non essere leghista. Sul lomb-ven la penso come te.

Anonimo ha detto...

@Jonny Dio: Volevo far vedere quanto il Lombardoveneto contribuisce per mantenere l'Italia. Volevo far capire che, se si vuole continuare a prolungare questo status quo, s'andrà nuovamente ad incidere negativamente su queste terre. L'Italia vive molto al di sopra di ciò che produce e non mi sembra neanche altrettanto giusto che si sprema troppo solo una minoranza per non perdere voti (in certe aree facilmente comprabili in blocco). Alla fine se non ci saranno miglioramenti, è probabile che la locomotiva smetta di farla anche perchè non è troppo disincentivata. E' umanamente possibile. Si lavorerebbe per cosa? Per che cosa si pagano tutte queste tasse? Per lanciare i soldi dalla finestra? Si dà troppo per scontato che ci sarà sempre chi produce tanto e che poi uno Stato centrale, con una selvaggia e pesante perequazione verticale a fondo perduto, colmi la differenza di reddito e di potere d'acquisto tra le diverse aree. Lo Stato incentiva il "made in Sud" non contribuisce affatto a sanare la situazione. Ormai da decenni e decenni e decenni.
E' come se i cittadini austriaci fossero privati di una cospicua parte del loro reddito, con una cospicua riduzione dei loro attuali servizi, per garantire ai cittadini greci di permettersi il loro attuale (fino a qualche anno fa) Paese dei Balocchi.
Il vantaggio dell'Austria e della Germania è che sono Stati indipendenti rispetto alla Grecia. Noi? NO. Sarà anche democratico, come lo fu anche l'elezione di Hitler, ma non credo proprio sia giusta come cosa.

Mi sembri una persona ragionevole con cui intavolare delle discussioni per capirci a vicenda.
La media italiana di copertura previdenziale è solo attualmente dell'78,2%. Con un Nord (87,4%), un Centro (81,1%) ed un Sud (59,6%).
Volevo solo far notare la differenza, dato che in Veneto ed in Lombardia ha inciso molto, per la Crisi, la cassa integrazione. Coprire un 3% con tasse di scopo è fattibile, se hai una vasta area imponibile (ovviamente solo se c'è fedeltà fiscale). Lo Stato italiano quanto ci sta mettendo per mettere in ordine il reparto previdenziale? Non si pensi che regolarizzando gl'immigrati si risolva la questione contributi. E' solo un palliativo. Userebbero ospedali, servizi vari, sarebbero esenti dal pagarli per via delle famiglie numerose e fascia bassa di reddito. Sarebbero un ulteriore costo nel medio-lungo termine.
Una cosa che non ho capito è perchè, per forza, si dovrebbe uscire dall'EU se si hanno poi tutte le carte in regola per restarvi e starvi pure bene. Uno dei 4 motori dell'EU non è certo nel centro-sud, la produttività, il reddito disponibile, la qualità dei servizi son più vicini agli standard EU non certo al centro-sud.
L'UE e l'Euro hanno avuto il pregio d'evidenziare l'insostenibilità dello Stato italiano altrimenti tenuta nascosta ed insabbiata dai vari partiti con il continuo ricorso alle svalutazioni di moneta e con il ricorso continuo all'aumento del debito pubblico.
Le mie perplessità riguardano tanti aspetti e principalmente il loro fulcro hanno origine nell'attuale assetto dello Stato italiano e nella sua rappresentanza politico/istituzionale. Monti, per quanto persona colta e preparata, deve mediare ed assecondare le richieste di tutti quei partiti che al centro-sud non vorrebbero perdere voti. Alla fine si vuole uscire dalla Crisi? O si vuole dare il colpo di grazia ai territori produttivi dello Stato italiano che sotto quest'ultimo stanno ormai soffocando?
Monti ha attualmente la fiducia di quel parlamento di nominati tanto disprezzato nei mesi scorsi, non scordiamocelo. Come al solito aumenteranno le tasse ai soliti territori che hanno un'alta fedeltà fiscale. Dimmi tu come si fa ad andare avanti così. Tanti ora non ci pensano, ma quando avranno problemi a far quadrare i bilanci? L'incauto ottimismo e fiducia nelle istituzioni che si tramuta spesso, poi, in incongruenti manifestazioni di dissenso.

Cordialmente
Un cittadino Lombardo

Anonimo ha detto...

@Johnny Dio:
Scusa per il papiro ;)
Spero d'esser stato abbastanza chiaro :)

Cordialmente

Anonimo ha detto...

Pie illusioni. Il povero anonimo lombardo è destinato a crepare italiano anche se campasse 150 anni. Non basta copiare da Ricolfi qualche tabellina per argomentare che lo stato unitario debba o possa disfarsi, quand'anche sopravvenisse i più apocalittico default finanziario.
Il fatto è che se si è lungi dall'avere i numeri per secedere democraticamente e pacificamente (come è per l'appunto il caso) occorre far la rivoluzione. Già, ma chi la farebbe? Vengon giù quei quattro sfigati dalle valli orobiche? Tornano gli avvinazzati serenissimi che tanto eroica prova diedero di lor medesimi assaltando il campanile di San Marco?
Le rivoluzioni le fanno i giovani, e i "lombardo-veneti" grazie a dio hanno un'età media che li rende inoffensivi. E poi gli italiani di ogni latitudine sono todos palabras e pochi fatti, e, come diceva Ansaldo, capaci di far la rivoluzione solo se spalleggiati dai carabinieri.
E indovinate un po' da che parte si schiererebbero i carabinieri?

Un cittadino lombardo sano di mente

mozart2006 ha detto...

Ha telefonato il cavallo di Caligola. Ha visto i legaioli e ha detto che vorrebbe tornare a dare un contributo in politica...

Jonny Dio ha detto...

@ Lombardo: dici cose sensate, a patto di ragionare solo in teoria, e con in testa il solo scopo del bene comune, ma la realtà delle cose non è così.
Nei fatti, come dovrabbe realizzarsi tutto questo? Con la gente che si schiera lungo il Po col fucile da caccia del nonno (non contate su di me)? Mandando di nuovo la lega al governo (ahahah)? Conosci forse qualche generale con truppe a lui fedeli, o molti mercenari?
Non c'è verso, è irrimediabilmente un'utopia, inoltre chi lo governerebbe uno Stato così? Qua non ci sono altre possibilità, sarebbero le stesse facce da leghisti che si sono tanto bene aggreppiate a quella che una volta chiamavano "Roma ladrona", prima di unirsi alla mangiatoia, e nulla lascia pensare che agirebbero diversamente dalle logiche di spartizione che hanno segnato l'intera esperienza di governo della Lega, praticamente tutta la sua esistenza tranne dalla fondazione, quando qualcuno ha creduto in qualcosa di diverso, alle prime elezioni, quando è stato chiaro a chiunque sano di mente che di diverso non c'era proprio una fava.
Ripeto, hai degli argomenti a tratti condivisibili, se solo si realizzassero una serie di condizioni che sono praticamente irrealizzabili, per cui mi sembra inutile fare discorsi sui massimi sistemi.
Del resto, pare un'ovvietà che la parte più ricca sarebbe ancora più ricca se non ci fosse il resto (ti ricordo che manca sempre la controprova), ma, dato che il resto esiste, o te ne liberi, e abbiamo visto come sia impossibile anche ammettendo qualunque spregiudicatezza, o, dato chè è impossibile risolvere questo "problema", l'unica è imparare conviverci. Tanto più che non tutti lo considerano tale (il "problema").
Passo e chiudo.

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box