martedì 20 marzo 2012

Dopo il cattoleghismo, il padanislamismo

Ad ascoltare Radio Padania, nel primo pomeriggio di ieri, credevo che il conduttore fosse impazzito e che avesse deciso di fare harakiri in diretta:
Gli immigrati che vivono in Padania spesso e volentieri sono più integrati di noi padani etnici, e, a differenza di noi occidentali, quando camminano per strada non ti vengono addosso, perché, loro, ancora insegnano l'educazione ai propri figli. Quindi io credo che si debba guardare in faccia la realtà e che non si possa più rinviare il problema della costruzione di una moschea nella nostra città, perché la presenza musulmana a Milano e in provincia richiede che queste persone abbiano un luogo in cui pregare.

Poi, ahimè, il discorso è proseguito:
Davvero non vedo perché una religione tradizionale come l'Islam sunnita non debba avere un proprio luogo di culto, in modo che questi immigrati possano integrarsi nel nazionalismo padano. Se vogliamo integrare e rendere partecipi della nostra battaglia indipendentista questa fasce di popolazione, non dobbiamo puntare all'Islam moderato, che è qualcosa di assurdo che i musulmani fanno benissimo a rifiutare, bensì dobbiamo creare un Islam padano. Compito di noi nazionalisti padani è offrire questa proposta culturale a quegli immigrati.

Per la cronaca, lo speaker era Lorenzo Busi, responsabile Cultura dei Giovani padani. Lo stesso che "La Padania indipendente dovrà ispirarsi al villaggio dei Puffi".

18 COMMENTI:

Lorenzo ha detto...

Be' fantastico. Anche nell'"apertura" questo personaggio prende posizione contro l'islam sciita e tutti gli altri islam non sunniti. E non si capisce perché, davvero. Che strana gente

Santiago ha detto...

queste persone toccano vette che neanche il George Carlin sotto acidi sarebbe riuscito a immaginare. Quando la Padania supera la satira.

Saamaya ha detto...

Islam padano?!?!? ahahhaha

S. Kahani ha detto...

Peccato che l'Islam in più forte crescita sia proprio quello sciita!

Poveri paTani, non gliene va bene una!!!!!

cirno ha detto...

ahahah un movimento in fase di vera e propria.. libanizzazione

Anonimo ha detto...

Ma lo pagano? E con i soldi di chi... se non ci fosse da piangerci, mi farei una bella risata...

Anonimo ha detto...

Nel settore sciita di via Bellerio la proposta non è stata presa bene. Si attendono le reazioni di maroniti, boniani e drusi padani.

ex leghista ha detto...

@anonimo 18:23
ovviamente no,il tizio in questione che conoscevo via forum rientra nella categoria dei militonti volontari a gratis della radio con anello al naso,se vogliamo ancora più ridicoli dei giornalisti assunti della redazione che almeno si fanno pagare.Resta comunque l'assurdità di una proposta che dimostra lo sfascio del fù movimento.Un precedente c'era già stato col tentativo di Borghezio,un altro coerente a fasi alterne,di introdurre i convertiti imam Pallavicini.

@anonimo 21:46
i fans della "madonna padana" di Ghiaie si dicono possibilisti.

Panda ha detto...

Già pronto il logo: l'Alberto da Giussano che sventola la spada dell'Islam.

ilaria ha detto...

chissà se conosce la differenza tra sciiti e sunniti! secondo me no! ma in realtà non volevano una padania cattolica o mi sbaglio con Marine Le Pen?

Zac ha detto...

Indipercui il tale comincera' con il mettere il primo mattone, nella speranza che, nel mentre, qualcuno gliene scagli un altro in testa.

Anonimo ha detto...

ma Busi .. non è il responsabile dei Giovani Padani .. Sensi .. se devi sempre spararci addosso almeno informati bene .. ;-)

Anonimo ha detto...

difatti sta scritto "responsabile cultura dei giovani padani"
praticamente un disoccupato.

E' classico dei neomedievalisti rifugiarsi sulle esatte cariche ricoperte, dato che i contenuti dello scritto risulta loro completamente incomprensibile.

daniele sensi ha detto...

@ Anonimo 12,
come già ti hanno fatto notare, ho scritto "responsabile Cultura dei Giovani padani", non "responsabile Giovani padani".

Marino ha detto...

Viva l'Islam Sunnita non moderato!
cioè quello dell'Arabia Saudita (taglio della mano subito per i leghisti ladri) e Al Qaeda? (non fate salire il Trota su un volo per New York con un taglierino...) O i leghisti vogliono importare un'atomica dal Pakistan?

ex-MGP bg ha detto...

Allora,siamo seri e intelletulmente onesti.Se è il Busi della cattolica che ho conosciuto non solo non ha mai preso una lira o un euro dalla Lega,nemmeno sotto forma di "rimborsi",ma ha ripianato di sua tasca i debiti di quasi 2000 euro del mup lavorando( a nero o meno non sò)in un bar del centro.Quanto alla proposta di moschea sunnita(che comunque non condivido) è un dato di fatto che il 99% degli immigrati musulmani in Padania sia sunnita,dunque la proposta del Busi è logica,anche se politicamente suicida.

dciacc ha detto...

Che feccia questi padani... nelle loro parole tutto il seme del nazismo.

david ha detto...

Un "nazionalismo padano" che rendesse partecipi gli immigrati islamici sarebbe qualcosa di interessante proprio perchè antitetico al razzismo e quindi al leghismo stesso.Spezzo una lancia in favore di questo tizio che come molti giovani si è fatto imrigliare dalla Lega per inesperienza.Anzi lo trovo degno di un certo rispetto per una proposta che nemmeno Pisapia ha osato fare.La Lega è finita,anche se ci vorrà qualche mese per definirlo:attorno a SEL può nascere un'idea di nazionalismo padano sul modello di quello basco o scozzese.

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box