giovedì 20 novembre 2008

L'estrema destra francese a lezione da Borghezio

Vanno facendosi sempre più stretti i rapporti del leghista Mario Borghezio con l’estrema destra francese. Già lo scorso settembre l’amicizia oramai consolidata con l’identitarismo d’Oltralpe aveva portato l’eurodeputato del Carroccio a prender parte ai lavori per il rientro estivo della nizzarda Nissa Rebela, ospite di quel Philippe Vardon che di lì a poco sarebbe stato condannato dalla Corte d’appello d’Aix-en-Provence per incitamento all’odio razziale (cinquemila euro di ammenda, quattro mesi di carcere con la condizionale e sospensione dei diritti politici per quattro anni).

In quell’occasione Mario Borghezio, chiamato a relazionare sull’esperienza degli “identitari al governo dell’Italia”, aveva invitato gli astanti a rivalutare Julius Evola, il cui lavoro «fornisce i fondamenti metafisici e spirituali della battaglia identitaria».
Ora è il Club de l’Horloge (espressione, con il Grece di Alain de Benoist, della Nuova destra francese) ad annunciare, in un comunicato stampa, la presenza di Borghezio alla consueta Università annuale di dicembre, un ciclo di conferenze dedicato al populismo, “soluzione per un’Europa in crisi”, durante il quale verrà anche analizzata l’”originalità della Lega Nord, un movimento che ha saputo imporre il proprio peso alla coalizione di governo”.

Si rinnova, dunque, l’interesse per il “laboratorio Italia”, tanto che negli ultimi mesi è stata tutta l’intricata rete delle organizzazioni dell’estrema destra francese (formazioni orgogliosamente anti-islamiche e, all’occorrenza, antisemite) a spendersi in parole d'elogio per il movimento leghista (capace di stringere alleanze di governo e, allo stesso tempo, di esprimere rivendicazioni tali da far apparire “timidi boy scout” i vari Le Pen d’Oltralpe).

E non è un caso che a tentare di fare il punto sui rapporti tra Lega Nord e PdL sia proprio il Club de l’Horloge, ovvero un circolo che nel passato ha preparato il terreno all’affermazione politica di Le Pen e che adesso lavora per l’unità delle destre (moderate e non) al fine di mettere fine all’isolamento del Fronte Nazionale e di riuscire a traghettare l’estrema destra al Governo. Un “laboratorio di idee per la destra”, il Club de l’Horloge, ispirato ad una concezione evoluzionistica della storia, alle teorie delle diseguaglianze naturali tra individui e gruppi di individui, e che “contro l’ideologia dominante, espressione dell’utopia egualitaria” chiede la riabilitazione della pena capitale.

Al convegno è annunciata, inoltre, anche la partecipazione di Frank Vanhecke, compagno di lotta dell’onorevole Borghezio e rappresentante dell’ultradestra fiamminga dei Vlaams Belang. Chissà, però, se l’eurodeputato belga riuscirà a mantenere fede agli impegni presi, visto che martedì scorso il Parlamento europeo gli ha revocato l’immunità parlamentare a seguito di una indagine della Procura belga per propaganda razzista.

Daniele Sensi | l'Unità.it

16 COMMENTI:

La Mente Persa ha detto...

http://it.youtube.com/watch?v=WscVYSu-O2w

Questa notizia unita all'informazione riguardante le vignette antisemite apparse sulla stampa araba mi causa un moto di preoccupazione.
L'ondata contro gli ebrei della II Guerra era iniziata con lo scherno dei "difetti" del popolo ebraico attraverso i media, utilizzando anche delle semplici vignette "umoristiche"...

adele ha detto...

Certo il fenomeno di questi legami è preoccupante , ma la nostra Italia rappresenta un caso a sé stante e alquanto particolare per esser ancora annoverata fra gli ordinamenti democratici.
In Francia, Vardon è stato arrestato per incitamento all’odio razziale ; A Vanhecke il Parlamento europeo gli ha revocato l’immunità parlamentare sempre per le stesse ragioni; In Germania ,dove opera una vera Democrazia protetta (rif.art. 21 del GG) ,si perdono addirittura i diritti fondamentali …e il nostro evoliano invece? Continua a propagandare le sue teorie reazionarie e sovversive come se nulla fosse, anzi legittimandole con la sua appartenenza alla Lega Nord , partito che siede in Parlamento! E’ questa la “Democrazia che si difende”? Dov’è finita la Legge Scelba? la XII disposizione transitoria e finale disponeva in deroga all’art. 48 l’adozione di misure congrue , per tutelare la nostra Democrazia, per questo venne creata la legge Scelba…Comincio ad aver dubbi anche della qualità della nostra Democrazia formale …Forse i padri costituenti fecero un errore sottovalutando la virulenza di questa ideologia che ha continuato in modo sotteraneo a sopravvivere insinuandosi tra le pieghe del potere occulto e istituzionale fino ad arrivare a riconquistare (con mezzi democratici!) il potere. Oggi li abbiamo al governo guidati da un uomo senza scrupoli e di ben poche qualità che si è impossessato anche dei mezzi di comunicazione per orientare e controllare il consenso e NESSUNO , NESSUNO SI ACCORGE CHE SIAMO GIA’ ENTRATI IN UN REGIME! Daniele,non limitarti a seguire i Borghezio nelle loro varie trasferte ,scrivilo questo, scrivi anche di questa apatia di questa narcosi collettiva, di questa indifferenza totale che sta portando il nostro Paese allo sfacelo.

Saamaya ha detto...

Un uomo: un programma!

la sua coerenza è esaltata, direi, da questa scelta dell'estrema destra.

chiara ha detto...

ma come si e' mascherato?che cappello si e' messo in testa? e c'e' gente che lo prende sul serio ...

p.s. mi ero registrata su google ma ora non mi fa pubblicare il commento!o sono poco abile oppure la tecnologia si e' borghezianizzata(maaa)...

il Russo ha detto...

Ma Porcaroli che fine ha fatto che è un pò che non lo sento?

"Arturo" ha detto...

Pensa che a volte mi tocca pure incontrarlo per le belle vie di Torino. Da il voltastomaco.

Ho visto che scrivi sul "mio" giornale: complimenti, ero preoccupatissimo per le sue sorti.
E' andata bene.

Ciao

daniele sensi ha detto...

@ La Mente Persa, ah l’irriverente Brassens!

@ Adele, hai ragione, ma io faccio il possibile…

@ Saamaya, un programma che rischia di farsi piattaforma programmatica della rete dell’Internazionale identitaria, ahinoi.

@ Chiara, non ho idea di che cappello sia, ma mi ricordava un po’ quello di Napoleone - e parlando di Francia…

@ Russo, se ti consola sappi che qualcuno si sta ponendo la tua stessa domanda sul forum di Radio Padania ;)

@ Arturo, un tempo frequentavo molto Torino, ma a me, grazie al cielo, capitava di incrociare Gad Lerner (direi che m’è andata bene, quindi). Ultimamente, invece, in Via Po mi sono imbattuto in quel concentrato di intelligenza e simpatia che è la Litizzetto.
Ma che zone frequenti? ;)

Uhurunausalama ha detto...

Esportiamo sempre il meglio all'estero...se vogliono possono anche tenerselo,non penso che molti si accorgeranno della sua scomparsa...

"Arturo" ha detto...

Daniele,

non sempre può andare bene. Però quando l'ho incontrato ho fatto in modo di fargli cambiare lato della strada.
Gad Lerner l'ho incrociato anch'io ...negli anni 70 però.

Spesso incrocio Chiamparino che mi saluta, chissà per chi mi scambia.

Poi un giorno ti racconto dei miei incontri in aereo quando andavo a Roma per lavoro con L'Unità in bella vista: mi divertivo da matti.

Ciao

daniele sensi ha detto...

Arturo, dovresti scriverne un post allora ;)

adele ha detto...

Anche a me è capitato di incrociare Gad Lerner ( in via Carlo Alberto). Di dove sei, vivi anche tu in Piemonte?

Markus ha detto...

E dell'internazionale della odierna religione relativista di sinistra, prodotto del giacobinismo, del marxismo, del comunismo, che va da Repubblica al NY Times, da Bloomberg a De Benedetti, che ci dici ?

Nessun pericolo ?

Anonimo ha detto...

forse per chi crede all'uomo nero.

Markus ha detto...

Mi pare che chi crede all'uomo nero (Borghezio), sia l'estensore dell'articolo...

Anonimo ha detto...

infatti il problema non è borghezio, che non è nessuno, ma i legami della lega nord con il neofascismo internazionale. "quando indichi la luna, il fesso guarda il dito".

Anonimo ha detto...

Vi faccio vedere un articolo uscito quest'estate intorno a ferragosto:
http://www.rainews24.it/Notizia.asp?NewsId=84846

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box