venerdì 29 agosto 2008

L'estrema destra francese elegge la Lega Nord a guida e faro nella lotta contro gli "invasori musulmani"

Il sito francese “Observatoire de l’islamisation” (piattaforma che, “nel rispetto dei musulmani in quanto individui, prime vittime spirituali di un indottrinamento potente e alienante”, si pone come obiettivo quello di contrastare l’”avanzata di in un Islam che, nella sua forma classica, è un’ideologia politico-religiosa conquistatrice, incompatibile con la civiltà laica e democratica europea”) saluta con entusiasmo la proposta di legge avanzata dalla Lega Nord che prevede, tra l’altro, costruzione di nuove moschee solo a seguito di approvazione da parte di referendum popolari, celebrazioni delle funzioni solo in lingua italiana ed interdizione delle attività non legate al culto, quali formazione ed istruzione (chissà perché il catechismo, negli oratori, sì, e l’insegnamento del Corano no).

Il sito, dopo aver posto l’accento sulle parole di Roberto Cota, capogruppo leghista alla Camera, secondo cui l’Islam “è l’antitesi dell’Occidente e la moschea è un centro politico e simbolico che riveste, anche, una dimensione militare” , e dopo aver ricordato l’annunciata partecipazione di una delegazione della Lega Nord al congresso anti-islamico di Colonia che riunirà la crème dell’estrema destra europea, si lamenta non solo di come l’UMP (il partito di Sarkozy) non intrattenga rapporti col Carroccio nonostante questi faccia parte del governo italiano, ma pure di come i rappresentanti dell’estrema destra francese, tipo Philippe de Villiers, messi a confronto con l’”audacia” leghista paiano dei “boy scout”. Philippe de Villiers, per la cronaca, è il leader dell’MPF, Movimento per la Francia – partito che denuncia l’”influenza insidiosa di elementi dell’Islam radicale in luoghi strategici quali aeroporti, scuole ed ospedali”.

Il testo in elogio della “coraggiosa” battaglia leghista contro l’”invasione islamica” sta rimbalzando per le pagine del web “nero” francese. Lo si può leggere, tra gli altri, su alcuni blog ufficiali del Fronte nazionale di Le Pen, sul periodico online NovoPress, organo del Blocco identitario (movimento che si è inventato la distribuzione, ai senzatetto, della “zuppa identitaria”, a base di carne di maiale - onde evitare il rischio di dar da mangiare a musulmani ed ebrei), sul sito delle Gioventù identitarie (organizzazione che si propone come luogo di aggregazione per tutti i giovani europei cui stia a cuore difendere le proprie radici dalla “peste dell’immigrazione”), e su blog dell'MNR , il Movimento nazional repubblicano nato da una scissione nel Fronte nazionale e che, deluso da Le Pen, ora suggerisce: “L’esempio ci viene da Roma”.

Non risulta, nonostante i problemi di consenso, che il Partito Socialista francese (la maggior formazione di sinistra d’oltralpe) abbia in programma di invitare questa bella gente alle sue prossime feste. Ma chissà che non decida anch’esso di lasciarsi fascinare dall’estro italiano e di prendere esempio dal Partito democratico.

Daniele Sensi

8 COMMENTI:

chiara ha detto...

conoscere l`esistenza di un cavolo di congresso antiislamico di colonia alle otto e mezzo di mattina e`un po` troppo...mamma mia:siamo messi cosi` male? Signore Santo io non ho piu` parole, solo tanta tristezza.

toscano ha detto...

E vai! L'Italia all'estero non è più solo pizza e mandolino!

Anonimo ha detto...

il problema è che in francia bruciano le chiese....
tanto per specificare quanto gli islamici francesi siano tolleranti...
caposkaw

Andrea ha detto...

Daniele cosa significa la parola "racailles" che c'è sulla foto?

daniele sensi ha detto...

Significa "feccia" - termine usato anche da Sarkozy per apostrofare i rivoltosi delle banlieue cui penso si riferisca pretestuosamente caposkaw. Ma per quelli di Jeunesses identitaires "racailles" è sinonimo, in sè, di immigrati e musulmani, definiti tali per il solo fatto di essere, appunto, immigrati e/o musulmani.

Roberto Celani ha detto...

Le avanguardie razziste del vecchio continente ormai sono quelle italiane.
C'è chi lo denunciava da tempo, ma non è stato ascoltato.
Ora tutto questo diventa secondario rispetto alla tacita accettazione prima, e alla progressiva condivisione poi, da parte della maggioranza silenziosa di questo paese. Quel ventre molle che ha da sempre deciso le sorti del paese.
Per dirla col vecchio Faber:
"Anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti..."

Post-iT ha detto...

si si.. siamo tuoi fan ;)
◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘
QUESTO ARTICOLO è STATO SCELTO PER LA PUNTATA DI POST-IT DEL ! SETTEMBRE.. in diretta alle 11:20 su c6.tv (la registrazione la troverete poi su c6postit.blogspot )

Grazie per l'interessante articolo.

Chiunque voglia segnalare un post letto o scritto troverà nel nostro blog (c6postit.blogspot.com) un ottimo strumento per amplificare le proprie idee.
Aspettiamo tuoi appunti e segnalazioni su altri articoli interessanti.!
◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘◘

elena ha detto...

Grazie Daniele per essere passato da noi e per averci segnalato il tuo post.
Ti linko!
Ma che tristezza...

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box