martedì 6 ottobre 2009

Radio Padania, gli zingari come un'epidemia

Ho sempre sentito parlare di recrudescenza di malattie e di malanni. Talvolta di conflitti. Altre, di maltempo e siccità. Dalla recrudescenza di epidemie si è ahimè passati, su Radio Padania, alla "recrudescenza di zingari". La trasmissione è "100% Made in Padania" di Massimiliano Orsatti, assessore milanese al Turismo, Marketing territoriale ed Identità,  il quale corregge la coconduttrice: "più che recrudescenza,  non riesci a cacciarli da un posto che subito si rimateriallizzano", dolendosi, poveretto, di come "molti zingari, poiché di cittadinanza italiana,  se non commettono reati non puoi cacciarli":



8 COMMENTI:

Roby Bulgaro ha detto...

Dicono che è caduta la linea...
Ma certo!
Guai a dare voce al dissenso.
Non fa parte della politica del nostro governo.

Anonimo ha detto...

A Oesatti gli manca la mordacchia... e la bava dai denti..

Lo conosciamo

Anonimo ha detto...

Che dementi!! Si domandano come mai iROM tornano a riunirsi in altri luoghi..!!

AM dove vuoi che vadano? Voi li sgomberate ma quelli devono vivere pure da un'altra parte...
Sembrano prorio STanlio e Ollio!!
Son proprio leghisti...

Ma guarda un pò! Si riuniscono di nuovo... ma va la'!!

Padanina ha detto...

in italia ci restano perchè son pieni di diritti fino al collo. non se ne può più delle loro baraccopoli puzzolenti.

Paz83 ha detto...

chissà come mai non si possono cacciare. Poverello. Il concetto di cittadinanza è duro ad entrare per costoro

Anonimo ha detto...

Magari se qualcuno si decidesse a fare un poco di Volontariato con le associazioni che si occupano dei ROM invece di parlare a vanvera si renderebbe conto che la situazione non è così lineare come viene frettolosamente dipinta. La maggior parte dei ROM (e badate che non sto dicendo che sono tutti dei santi) dei tanto decantati diritti di cui godrebbero non ne ha visto manco l'ombra. E' più facile organizzare una missione internazionale in Polinesia che fare una campagna vaccinale in un campo nomadi in Italia.

Anonimo ha detto...

Padanina dovrebbe sapere che chiunque costretto a vivere in un accampamento precario senza lucee acqua finisce per essere sporco e maleodorante. Ed anche denutrito. Se poi gli si impedisce praticamente di vivere al di fuori della baraccopolo, lo si guarda malissimo, lo si accusa di essere 'geneticamente' criminale che cosa ci si aspetta? Che sia felice, sano e laborioso?

Nebo ha detto...

Mi piacerebbe che Padanina ci elencasse un po' tutti questi diritti di cui i Rom godrebbero in Italia (le loro lingue non sono neanche riconosciute come lingue minoritarie, sebbene la nostra Costituzione ne riconosca e ne protegga tante).

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box