giovedì 13 maggio 2010

"In Turchia gli scandali sessuali dei politici non producono lo stesso effetto che in Italia"

Lo scrive Le Figaro (centrodestra), commentando le immediate dimissioni di Deniz Baykal, leader dell'opposizione turca, a seguito di un presunto scandalo sessuale con una sua ex collaboratrice, oggi deputata.

10 COMMENTI:

Il Recidivo ha detto...

Va beh, grazie tanto, i turchi sono musulmani.
"Noi" siamo cattolici, lo scandalo sessuale è di casa.

Mentos ha detto...

Dopo il commento de Il Recidivo penso che ogni altro sia inutile.

Radical chic ha detto...

Noi rischiamo di sorbirci Noemi in Parlamento, visto che per la berluschina di Casoria fare la velina o la deputata è lo stesso, ci penserà Papi Silvio...

Gina ha detto...

La Turchia è più civile dell'Italia.
Ricordate la fatidica frase di un nostro ministro?
Diceva più o meno così:Dobbiamo abituarci a convivere con la mafia.
Se questi sono i nostri politici...!

matborda ha detto...

Baykal, con la 'elle' finale.

Comunque il fatto stesso che si sişa dimesso e* stato a sua volta uno scandalo, nessuno se lo sarebbe mai aspettato. probabilmente c'e' dell'altro...

Mattia da Ankara

chit ha detto...

Semplicemente, in Italia, per taluni questi sono semmai "vanti" e non scandali...

daniele sensi ha detto...

Grazie matborda, m'era saltata. E fatti un'abbuffata di borek da parte mia ;)

Anonimo ha detto...

Il disprezzo per Berlusconi deve avervi veramente annebbiato il cervello. Paragonare l' Italia a un paese che, ancora oggi, nega le persecuzioni ai curdi che portarono a centinaia di migliaia di morti non sta in piedi.L' affermazione di Gina riguardo la Tuchia "più civile dell'Italia" è una delle tante bestialità che mi fanno dubitare della parte politica a cui appartengo. Infatti sono di sinistra.

Fabio

Gina ha detto...

Fabio mi dispiace che hai dei dubbi sulla tua appartenenza politica.
Io mi riferisco agli scandali politici non ad altri problemi.Non faccio mai paragoni sulla diversità di paesi,popoli o razze, ma sul fatto o su un'azione commessa. Il fatto in questione dimostra che l'Italia è più incivile della Turchia.Aggiungiamo gli scandali della corruzione.

Piero ha detto...

@ Fabio: in Turchia NESSUNO nega le atrocità contro Curdi (ma forse ti riferivi agli Armeni, se parli di "centinaia di migliaia di morti). Ciò che viene negato è la definizione di "genocidio" (forse anche perché in Armenia c'è chi rivendica le "15 province perdute", oggi tra l'altro a maggioranza curda), e soprattutto la responsabilità collettiva che si vorrebbe addossare, un secolo dopo, ad un paese che soffrì atrocemente e venne spartito tra le maggiori potenze dell'epoca, inclusa l'Italia. Quanto ai Curdi, in Turchia sono 15 milioni: se volessero davvero separarsi, chi potrebbe fermarli? Oggi la Turchia è un paese decisamente più civilizzato dell'Italia, almeno se si guarda la correttezza della vita politica e il rispetto delle regole.

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box