martedì 24 maggio 2011

"Anche in Francia e Inghilterra hanno trasferito i ministeri". Ah sì?

Dunque Umberto Bossi insiste con il trasferimento dei ministeri: "Avviene in tutta Europa", dice, "in Francia e Inghilterra. Perché non deve esserci qui?".

Bene, mi sono sfogliato una ad una le pagine Wikipedia relative ai ministeri del governo francese in carica. Ecco dove questi sono ubicati:

Ministero degli Affari esteri
, Quai d'Orsay 37, Parigi.
Ministero della Difesa
, Rue Saint-Dominique 14, Parigi.
Ministero dell'Ecologia, Sviluppo sostenibile e Trasporti, Boulevard Saint-Germain, Parigi
Ministero della Giustizia, Hôtel de Bourvallais, Place Vendôme, Parigi.
Ministero dell'Interno e dell'Immigrazione, Hôtel de Beauvau, Place Beauvau, Parigi.
Ministero dell'Economia, Finanze e Industria, Rue de Bercy 139, Parigi.
Ministero della Salute e del Lavoro, Rue de Grenelle 127, Parigi.
Ministero dell'Istruzione e della Gioventù, Rue de Grenelle 110, Parigi.
Ministero dei Conti pubblici e della Funziona pubblica, Rue de Bercy 139, Parigi.
Ministero dell'Istruzione superiore e della Ricerca, Rue Descartes 1, Parigi.
Ministero dell'Agricoltura e dell'Alimentazione, Rue de Varenne 78, Parigi.
Ministero della Cultura e della Comunicazione, Rue de Valois 3, Parigi.
Ministero delle Solidarietà e della Coesione sociale, Hôtel de Castries, Parigi.
Ministero della Città, Rue Saint-Dominique 35, Parigi.
Ministero dello Sport, Avenue de France 95, Parigi.
Rapporti con il Parlamento, Rue de Varenne 69, Parigi.


(planimetria del decentramento francese)


Questi sono invece gli headquarter dei "dipartimenti ministeriali" del Regno Unito (i dicasteri inglesi si articolano in dipartimenti e uffici):


Dipartimento Affari e Innovazione
, Victoria Street 1, Londra.
Dipartimento Comunità ed Enti locali, Eland House, Bressenden Place, Londra.
Dipartimento Cultura, Media e Sport, Coskspur Street 2-4, Londra.
Dipartimento dell'Educazione, Sanctuary Buildings, Great Smith Street, Londra.
Dipartimento Energia e Cambiamento climatico, Whitehall Place 3, Londra.
Dipartimento Ambiente, Alimentazione e Affari rurali, Nobel House, Smith Square, Londra.
Dipartimento per lo Sviluppo internazionale, Palace Street 1, Londra.
Dipartimento dei Trasporti, Marsham Street 76, Londra.
Dipartimento del Lavoro e della Previdenza, John Adam Street 1-11, Londra.
Dipartimento della Salute, Richmond House, Whitehall 79, Londra.
Dipartimento Garanzia dei crediti all'esportazione, Exchange Tower 2, Harbour Exchange Square, Londra.
Ufficio Esteri e Commonwealth, King Charles Street, Londra.
Ufficio Pari opportunità, Eland Hous, e Bressenden Place, Londra.
"
Her Majesty's Treasury" (Tesoro), Horse Guards Road 1, Londra.
"Home Office" (Interni), Marsham Street, Londra.
Ministro della Difesa, Whitehall, Londra.
Ministro della Giustizia, Petty France 102, Londra.
Ufficio Irlanda del Nord, Millbank 11, Londra.
Ufficio dell'Avvocato generale per la Scozia, Dover House, Whitehall, Londra.
Ufficio Scozia, Whitehall, Londra.
Ufficio Galles, Whitehall, Londra.


(planimetria del decentramento inglese)


Tendiamo a dimenticarcene, ma viviamo in un paese governato da ministri devoti a Odino e al dio Po: ancor prima che di giornalisti abbiamo bisogno di debunker.

9 COMMENTI:

eL tiZ ha detto...

che poi a che serve spostare al nord i ministeri? non capisco proprio.

è questo che vogliono i padani?

è questo un motivo di soddisfazione valido per appoggiare un candidato sindaco anzichè un altro?

veramente non sanno più che pesci pigliare (dopo le trote).



tiz.

Emanuele ha detto...

Questa storia dei Ministeri la trovo semplicemente ridicola.

I Ministeri tutti nello stesso posto ricoprono semplicemente una funzione d'utilità, permettono scambi frequenti dal vivo, risparmiano costi di spedizione e trasporto. Soprattutto sono vicini al parlamento, permettendo interazione e permettendo ai molti (tutti) i ministri che sono anche parlamentari di non trascurare una delle due funzioni.

D'altra parte, si vuole fare di un problema economico (la cui soluzione è ovvia) un problema politico, trasformare l'avere ministeri in città in un trofeo. Senza rendersi conto che i costi dello spostamento ricadranno su tutti, Milanesi compresi. Se vogliono un trofeo, non potrebbero organizzare qualcosa di più economico? Tipo una spilletta da appuntarsi al petto, una coppa.
E dice di più l'Umberto: ministeri ovunque, sparsi a Napoli, a Milano, a Palermo, a Venezia. I ministri si possono divertire a girare l'Italia (a spese dei contribuenti) per discutere tra loro.

Ho due bambine piccole in famiglia. Quando si compra un gioco ad una, bisogna comprarlo uguale alla sorellina. Non importa se sia ovviamente scomodo per entrambe, se sarebbero ovviamente più contente con giochi diversi da potersi scambiare: qualsiasi regalo diverso, entrambe si sentiranno defraudate, entrambe avrebbero preferito quello della sorella. A meno di proporre lo scambio ovviamente. Le soluzioni non ottimali per motivi d'orgoglio, a cinque anni le accetto. Da un ministro no. Specie se parla con soldi non suoi.

Attilio, Italiano, lombardo ONESTO ha detto...

Ho l'impressione che bossi, da perfetto "padano/ladrone", stia facendo di tutto per trovare un posto (una mangiatoia?) ai suoi famiGliari e amici. Dopo roma ladrona ora padania predona?? (legaioli malfattori già ce ne sono: Patelli, Giorgetti, Gariboldi, Prosperini.. che voglia aggiungerne altri ???)

Davilog ha detto...

Bravissimo, gran bello articolo, subito dopo aver sentito le parole di Bossi mi sono chiesto "sarà la solita balla?". Lo era.

Ormai sono abituato a capire le balle, una volta mi trovai con un amico a sentire l'intervista di Gasparri a Che Tempo Che Fa e disse una cosa che fosse stata vera avrebbe fatto pendere l'ago della ragione dalla sua parte. Tranquillizzai il mio amico e gli dissi che era sicuramente una balla. Il giorno dopo verificai su internet ed infatti era una balla.

Ci cascano solo coloro che per colpa del digital divide non accedono ad internet e si informano solo tramite TV.

PASTAPIPO ha detto...

Abbozzi ha fatto quello che per una creatura come lui in un paese civile sarebbe impensabile e che denota l'involuzione della società lombarda:farsi eleggere per quasi 30 anni di fila e gestire potere

Facendo leva sulle basse pulsioni della gente e sull'ignoranza ha creato un piccolo impero che garantisce a lui e famigghia,gente che non ha lavorato un giorno in vita sua,rendite impensabili per il lavoratore comune o anche il professionista medio-alto

E' normale per lui continuare con il solito repertorio di pernacchie in "lingua locale",falsità belle e buone, insulti razzisti e pagliacciate assortire dato che fino ad ora ha avuto successo

Per la prima volta la famosa "base",lo zoccolo duro si sta ribellando allo sciamano del varesotto andando a votare in massa i candidati opposti a quelli indicati dal loro ex leader,forse proprio con l'intento di fargli fare la fine di ceausescu and family

L'unica vera zingaropoli è la famigghia Abbozzi e il loro codazzo di pretoriani clerico-fascisti

Alfredo, un borghese del Nord ha detto...

Mi associo alla campagna
AFFOSSARE LA MORATTI

Anonimo ha detto...

Sulla scia di Bossi, anche i governatori dei vari stati USA
potrebbero pretendere ciascuno un ministero. Solo che lì gli stati sono 52...ma Obama potrebbe sempre chiedere suggerimenti a B & B che in quanto ad ampliare il numero di ministri e sottosegretari, sono imbattibili.

Andrea W Martesana ha detto...

AFFOSSA LA MORATTI

Anonimo ha detto...

Eh no, mi spiace per l'autore ma in Inghilterra i Ministeri sono proprio decentrati e capillari! Ad esempio, prendendo il Ministero della difesa (Ministry of defence), le sedi sono : Londra, Bristol, Braintree, Dorset, Bath. Ma ciò che più conta (e che dovrebbe interessare molto chi ha a cuore il federalismo) è la devolution che l'Inghilterra ha concesso alla Scozia, Galles e Irlanda del Nord. Questo è quello a cui fa riferimento Bossi. Tutto sommato, non ci vedo nulla di male. Anzi, è anche giusto dare del lavoro pubblico al Nord e non tutto alla capitale.

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box