venerdì 10 settembre 2010

I Giovani padani si danno all'intifada

14 COMMENTI:

El Salvan ha detto...

Siamo oppressi, oh! come siamo oppressi....

Ricordo uno scambio di e-mail con uno di questi soggetti, che lamentava "l'ocupasiòn tajana del Veneto", che poverino era stato "colonizzato" e "costretto" a parlare una lingua straniera...

Del resto, come dargli torto: carri armati italiani ogni giorno radono al suolo capanne e palafitte della popolazione autoctona, già ridotta in misera....guardia armate "tajane" bussano quotidianamente alle loro porte, abusano delle loro mogli e picchiano i loro bambini se li sentono parlare veneto...

Anonimo ha detto...

E io che pensavo di avere qualche diritto sulla lotto palestinese, curda e basca, in quanto militante della sinistra "antagonista"...non c'è più religione, dovea andremo a finire.


Seba

ilmetapapero ha detto...

ma in che lingua parlano?

Tiziano ha detto...

Non sono un tantinello cresciuti per giocare ancora con le fionde?

mirkojax ha detto...

Sicuro sto poster e' ufficiale? Mi sembra fatto da una spia comunista per screditare i padani, non ha niente di padano.

1) il manifesto e' blu e non verde
2) 2 errori di ortografia in 1 riga
3) il logo Movimento giovani padani mi sembra copiato da qualche poster comunista della guerra
4) l'omino con la fionda sembra un no-global

daniele sensi ha detto...

mirkojax,
non è un manifesto, è un "divertissement" del movimento giovani padani di Vobarno (quello in basso a destra è il loro logo) pescato su un loro spazio web ufficiale. "I ocupanti" non è una sgrammaticatura italiana, ma dialetto veneto, mi pare.

alduccio ha detto...

Strano, non ho ancora letto un commento di Pansa - Ostellino e soci, sulla violenza verbale e non dei padani

Anonimo ha detto...

Rimarranno storici i due poster con Bossi che fuma il sigaro e sotto la scritta "EL GHE"
e l'altro dei giovani padani veneti con sfondo verde e "Il Che" con la scritta "La Rivoluzione ha cambiato colore!".
Siamo dei geni.
Padania Libera

Il bergamasco ha detto...

Mi pare che il governo ... di Roma (ladrona) ... sia uno dei governi più settentrionali che io ricordi, ed è composto tanti ministri leghisti nei ministeri più importanti.
Si deduce dal manifesto, quindi, che anche i leghisti siano "i ocupanti".
Dunque, di cosa si lamentano i giovani padani vobarnesi? Di loro stessi e dei loro capi popolo?

Anonimo ha detto...

Vobarno è in provincia di Brescia. Come dice il vostro nuovo leader Fini, "solo gli ignoranti che non conoscono la geografia o lo storia...".
Ma che bello vedervi a braccetto con Pisanu(ministro interno 2001) e Fini (a bolzaneto ad impartire i pestaggi). Chissà come mai anche le persone di sinistra si affidano sempre più spesso alla Lega...

keoma08 ha detto...

Perchè la Lega notoriamente con Pisanu e Fini non ha mai avuto niente a che spartire ... e altrettanto notoriamente era a Genova nel 2001 a manifestare contro la globalizzazione ...
Telo dico in romano .... vaffanculo ....

Panda ha detto...

La Lega non c'entra mai niente: è stata al governo con tutti i summenzionati personaggi - la sinistra mi pare di no - ha tagliato i fondi alle forze dell'ordine, dato i soldi a Lombardo e Alemanno ma è sempre monda di responsabilità e perennemente in prima linea su sicurezza e federalismo. Qusto è uno dei veri atout della retorica leghista: l'appropriazione del lessico del conflitto.

Anonimo ha detto...

Le bestie della Lega Nord, farebbero bene a frequentare di più la biblioteca di Vobarno - una delle migliori d'Italia - invece di lasciarsi andare a pugnette adolescenziali assai ridicole.

Sia chiaro, questo manifesto non rappresenta in niente la realtà del paese di Vobarno.
Se levi gli immigrati, nel paese non c'è veramente un cazzo e per questo nella provincia tutta sono previste più task force per avvinazzati.

Fortuna che le sagre in zona sono quasi finite...

Coccin3lle ha detto...

Signori, ma perché non facciamo presente ai padani che possono rinunciare alla cittadinanza italiana? é facile, veloce, non costa nulla (o, comunque, non molto.) e magicamente non saranno più italiani ma potranno applicare alla voce "nazionalità" il distintivo che preferiscono (padani, leghisti, celtici, omini verdi...) Davvero a nessuno dei padani è mai venuto in mente che la secessione più veloce, per loro, sarebbe quella burocratica? :p

Posta un commento

ARTICOLI CORRELATI
 
Twitter fan box